Indice del forum Olimpo Informatico
I Forum di Zeus News
Leggi la newsletter gratuita - Attiva il Menu compatto
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

    Newsletter RSS Facebook Twitter Contatti Ricerca
Quello che le donne non dicono e che non avete mai osato...
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Sessualità e cultura
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Proserpina
Moderatore Sessualità
Moderatore Sessualità


Registrato: 08/10/07 14:22
Messaggi: 4599
Residenza: Sono solo nella tua mente (by Odos)

MessaggioInviato: 07 Feb 2010 19:18    Oggetto: Quello che le donne non dicono e che non avete mai osato... Rispondi citando

..si un 3d sulle verità nascoste.

L'universo femminile è complesso e variegato.
Il maschio spesso applica criteri "virili" per la comprensione del nostro mondo.
E..non capisce granchè.

Quando una donna secondo voi è sessualmente soddisfatta?
Quando ha avuto uno, due, cinquecento orgasmi?

Cosa cerca in un atto sessuale? Sfogo? Contenimento? Abbandono? Fuga?....

Certo non siamo tutte uguali..ma penso che spesso di noi non abbiate capito granchè..
Sono molte le donne che mi dicono...se solo mi abbracciasse..se solo mi coccolasse..se solo si fermasse a sentirmi.

Luoghi comuni...tantissimi.
Certo abbiamo anche bisogno di "prenderlo" (vi piace dirlo cosi...) ma una volta preso se non c'è intensità, amore, calore...fusione, abbandono...il piacere velocemente cala e di rinsecchiamo dentro e fuori.

Ecco...l'ho detto!
A voi la parola..
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Emmett Brown
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 28/09/05 00:41
Messaggi: 1295

MessaggioInviato: 08 Feb 2010 11:17    Oggetto: Rispondi citando

Domandona!

Rispostina.

Direi che la donna è sessualmente soddisfatta quando non ci sta continuamente a pensare. Quando nemmeno pensa a cosa dovrebbe "cercare", come dici, in un atto sessuale.

Tra parentesi secondo me in un atto sessuale non c'è niente da trovare, dunque che vuoi cercare? L'atto è un comportamento, un gesto, un mezzo; quello che si trova si trova eccome, ma non nel mezzo stesso; piuttosto in chi lo compie con noi, relazionandosi a noi. E' un gesto per conoscersi insomma, come una stretta di mano! Chiusa parentesi.

Credo che spesso ci si avviti in una sorta di ossessione circolare di pensieri attribuendo all'atto sessuale in se stesso significati trascendenti che non ha... questo accade non tanto perchè non si pratichi sesso e se ne abbia tanta voglia, anzi spesso è il contrario... Ci si intestardisce su quello, sulla simbologia che attribuiamo a quello, forse per non voler vedere altro, per il non saper parlare altri linguaggi o perchè, più probabilmente, non li si condivide.

Penso che la frase "se solo si fermasse a sentirmi" esprima bene la mancanza principale e più grossa nei rapporti, in tutti i rapporti... ma ecco di colpo il discorso si potrebbe allargare pari pari a qualsiasi rapporto tra persone, e qui lo fermo.

Scusa se approfitto per una domandina io... Cosa intendi per "criteri virili per la comprensione del nostro mondo"? ...e me ne scappa un'altra: cosa intendi per "nostro mondo"? (a me pare che il mondo sia uno, e che ci siamo dentro tutti)
Top
Profilo Invia messaggio privato
Silent Runner
Supervisor sezione Chiacchiere a 360°
Supervisor sezione Chiacchiere a 360°


Registrato: 16/05/05 09:17
Messaggi: 20680
Residenza: Pianeta Terra

MessaggioInviato: 08 Feb 2010 12:13    Oggetto: Re: Quello che le donne non dicono e che non avete mai osato Rispondi citando

Proserpina ha scritto:
..si un 3d sulle verità nascoste.

L'universo femminile è complesso e variegato.
Il maschio spesso applica criteri "virili" per la comprensione del nostro mondo.
E..non capisce granchè.

Quando una donna secondo voi è sessualmente soddisfatta?
Quando ha avuto uno, due, cinquecento orgasmi?

Cosa cerca in un atto sessuale? Sfogo? Contenimento? Abbandono? Fuga?....

Certo non siamo tutte uguali..ma penso che spesso di noi non abbiate capito granchè..
Sono molte le donne che mi dicono...se solo mi abbracciasse..se solo mi coccolasse..se solo si fermasse a sentirmi.

Luoghi comuni...tantissimi.
Certo abbiamo anche bisogno di "prenderlo" (vi piace dirlo cosi...) ma una volta preso se non c'è intensità, amore, calore...fusione, abbandono...il piacere velocemente cala e di rinsecchiamo dentro e fuori.

Ecco...l'ho detto!
A voi la parola..
Oddio ma mica è così semplice da dire. La sessualità maschile è molto fragile perché, come quella femminile, si fonda sul desiderio che, come è ben noto, è un meccanismo assai delicato che si fonda al contempo, non solo sulla biochimica del cervello e più in generale al sistema nervoso centrale ma anche sulla personalità, sull'educazione, sull'età biologica e sulla cultura.

Per quel poco che mi è stato dato di capire ciascuna donna è un universo a sé. Malgrado le somiglianze di genere, (aspetto fisico, struttura dell'apparato genitale-sessuale, forma mentis, immagine si sé come donne, tutte le donne che ho conosciuto erano diverse come gli alberi di una foresta. Viste da lontano sembravano tutte molto simili, viste da vicino presentavano tali e tante differenze da non poter veramente stilare una classifica o un modello descrivibile.
Il desiderio femminile come quello maschile si somiglia all'interno del genere, sono per pochi elementi primari, tutto il resto è nella persona che si ha davanti, persona che spesso non conosce nemmeno se stessa e pretende di essere capita da un partner più confuso di lei.

Quel che mi verrebbe da dire, senza entrare in particolari, è che la sessualità umana è gradevole, soddisfacente, auspicabile e gratificante solo se entrambi i partner si trovano in una condizione psicologica collaborativa e fiduciosa, prima di tutto nella propria capacità di accedere a questa parte della vita di relazione.

Tutto quello che può disturbare il senso di benessere, anche solo all'idea di incontrare il proprio partner, può avere origini diverse dalla sessualità in sé (sia femminile che maschile) e se vi influiscono negativamente con comportamenti violenti, assenti, frettolosi o distratti è perché la mente del partner che mette in atto simili atteggiamenti è altrove.
Sta combattendo con i propri problemi personali, spesso inconsapevolmente rimossi. Il partner diventa uno strumento di soddisfazione del proprio bisogno che non è necessariamente sessuale ma può essere, invece, un bisogno di rivalsa, accomodamento, vendetta, compensazione di torti subiti altrove, compensazione di sentimenti di inadeguatezza o insufficiente percezione d'essere stati amati, capiti, accettati da altre persone, in altri tempi, in altre stagioni della vita.

Tutto quello che ho detto può essere sbagliato, è solo una sensazione generale, frutto di osservazioni non scientifiche del fenomeno.

Emmett Brown ha scritto:
Scusa se approfitto per una domandina io... Cosa intendi per "criteri virili per la comprensione del nostro mondo"? ...e me ne scappa un'altra: cosa intendi per "nostro mondo"? (a me pare che il mondo sia uno, e che ci siamo dentro tutti)

Questa è una domanda, cara Proserpina, che ti vorrei fare anche io. Rolling Eyes
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Proserpina
Moderatore Sessualità
Moderatore Sessualità


Registrato: 08/10/07 14:22
Messaggi: 4599
Residenza: Sono solo nella tua mente (by Odos)

MessaggioInviato: 08 Feb 2010 13:32    Oggetto: Rispondi citando

Emmett Brown ha scritto:


Penso che la frase "se solo si fermasse a sentirmi" esprima bene la mancanza principale e più grossa nei rapporti, in tutti i rapporti... ma ecco di colpo il discorso si potrebbe allargare pari pari a qualsiasi rapporto tra persone, e qui lo fermo.



si esatto...mancanza di vero rapporto...sentirsi sempre non solo nel sesso..ascoltarsi..anche verbalmente...


Citazione:
Scusa se approfitto per una domandina io... Cosa intendi per "criteri virili per la comprensione del nostro mondo"? ...e me ne scappa un'altra: cosa intendi per "nostro mondo"? (a me pare che il mondo sia uno, e che ci siamo dentro tutti)


Intendo dire che a volte avete una visione così semplicistica del sesso da sembrare di un pianeta diverso.
Però hai ragione..anche alcune donne ce l'hanno e quindi non è questione di maschile-femminile.

Per farti un esempio: penso sia molto più carica di erotismo una carezza sui capelli che cento maturbazioni clitoridee.
A volte ci si sente un bottone da pigiare o un buco da riempire.

Ma potremmo perderci in un abbraccio..e, se non accade più, è per assuefazione al non contatto.
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Proserpina
Moderatore Sessualità
Moderatore Sessualità


Registrato: 08/10/07 14:22
Messaggi: 4599
Residenza: Sono solo nella tua mente (by Odos)

MessaggioInviato: 08 Feb 2010 13:39    Oggetto: Re: Quello che le donne non dicono e che non avete mai osato Rispondi citando

Silent Runner ha scritto:


Tutto quello che può disturbare il senso di benessere
, anche solo all'idea di incontrare il proprio partner, può avere origini diverse dalla sessualità in sé (sia femminile che maschile) e se vi influiscono negativamente con comportamenti violenti, assenti, frettolosi o distratti è perché la mente del partner che mette in atto simili atteggiamenti è altrove.
Sta combattendo con i propri problemi personali, spesso inconsapevolmente rimossi.


..non ci avevo mai pensato.. Rolling Eyes ma in effetti...
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Emmett Brown
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 28/09/05 00:41
Messaggi: 1295

MessaggioInviato: 11 Feb 2010 22:15    Oggetto: Rispondi citando

Proserpina ha scritto:
...a volte avete una visione così semplicistica del sesso da sembrare di un pianeta diverso.
Però hai ragione..anche alcune donne ce l'hanno e quindi non è questione di maschile-femminile.

Certo! Alcune donne, dici? Io direi parecchie. E direi anche che è vero, è orribile trattare questioni complicate in modo semplicistico...
Ma il sesso E' semplice per tutti, salvo che purtroppo ce lo complichiamo maledettamente, forse perchè è bello e allora tendiamo a renderlo più... impegnativo, a lavorarci sopra, ad appassionarcene complicandolo, per (razionale?) paura che ci possa venire a noia.

Proserpina ha scritto:
Per farti un esempio: penso sia molto più carica di erotismo una carezza sui capelli che cento masturbazioni clitoridee.

Indubbiamente, ma non capisco che nesso vedi tra erotismo e masturbazione!

Proserpina ha scritto:
A volte ci si sente un bottone da pigiare o un buco da riempire.

Ci si può sentire anche così, perchè no, e in questo aiutano molto i pigiabottoni e i riempibuchi.

Proserpina ha scritto:
Ma potremmo perderci in un abbraccio..e, se non accade più, è per assuefazione al non contatto.

Oh sì! Tanta assuefazione che diventa addirittura una sorta di repulsione e paura...
Top
Profilo Invia messaggio privato
spikexx84
Dio minore
Dio minore


Registrato: 15/09/09 08:58
Messaggi: 718
Residenza: Darfo Boario Terme (BS)

MessaggioInviato: 12 Feb 2010 12:33    Oggetto: Rispondi citando

Mhhhh.....

Fermo restando che condivido praticamente tutto quello che avete detto io ho una visione abbastanza semplificata di quella che secondo me è la differenza fra quello che in genere è il modo di vivere la sessualità maschile e quello che in genere è il modo di vivere la sessualità femminile:

Da adesso in poi parlerò con toni generici, ovvero "nella maggior parte dei casi secondo me è così"

Come detto sopra l'atto sessuale ha bisogno di desiderio, senza quello non dà nessuna soddisfazione, a questo punto il desiderio dell'uomo spesso è quasi puramente fisico, mentre il desiderio di una donna necessità quasi sempre di una forte componente psicologica in aggiunta a quella fisica, il che comporta per fare un esempio stupido che per una donna è meglio un rapporto di 10 minuti, ma con tante coccole, baci e guardandosi negli occhi che uno di 30 minuti, ma senza dolcezza.

Un uomo può trovare piacere anche con una donna che non lo desidera, il contrario è molto più difficile, motivo principale per cui per 100 prostitute c'è un gigolo.

Sò che quella che ho fatto è una semplificazione estrema, ma l'argomento è talmente vasto, le persone fra se sono talmente diverse che meglio di così non avrei saputo che dire.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Silent Runner
Supervisor sezione Chiacchiere a 360°
Supervisor sezione Chiacchiere a 360°


Registrato: 16/05/05 09:17
Messaggi: 20680
Residenza: Pianeta Terra

MessaggioInviato: 12 Feb 2010 15:29    Oggetto: Rispondi

Diciamo che sei tornato all'origine della questione, cioè intorno allo stereotipo sessualità femminile VS maschile.

Se c'è una diversità di abitudini, di intenti e di modelli comportamentali questi si possono ritrovare nella biologia, nella cultura e nell'educazione.
La biologia (sono stati scritti migliaia di trattati) comporta ruoli differenti per il maschio e per la femmina, non solo nei mammiferi. Gli ovipari, ad esempio, presentano differenti tipologie adattive all'approccio sessuale, cioè alla procreazione e alla cura della prole. Mentre i mammiferi placentati, normalmente, hanno per ragioni di inettitudine della prole, comportamenti a maggiore frequenza e qualità di cure parentali, anche da parte del maschio che, notoriamente, nella riproduzione sessuale ha una funzione limitata all'iniezione di DNA "alieno" e cioè differenziato da quello presente nell'ovocita.
Semplificando, questa è la componente "biologica" della sessualità.

La parte comportamentale è altrettanto complessa e articolata ma non può prescindere dalla base biologica e così avremo un maschio dedito alla maggiore quantità di accoppiamenti possibili con un numero sempre maggiore di femmine diverse. E questo non è che tiene lontana la femmina dalle pratiche sessuali con partner diversi dal compagno, anche nelle specie che praticano la monogamia. Recentemente è stata osservata una deriva in tal senso anche nei cigni, animali notoriamente monogami, non certo per motivi culturali.

La componente culturale a sua volta comporta altre varianti nel comportamento sessuale degli esseri umani, sia maschi che femmine. La recente rivoluzione sessuale in occidente ha sollevato questioni del tutto legittime e auspicabili ma, comunque, filtrate a loro volta da preesistenti modelli culturali ben interiorizzati in entrambi i generi. Sul dimorfismo psicosociale dei due generi è più facile generalizzare ma non è che questo generalizzare sia poi così utile alla comprensione delle differenze che, comunque, non devono essere viste e vissute come un vulnus.

Al di là delle considerazioni machiste e femministe, restiamo monadi aggrappate alla percezione di noi stessi in un universo sostanzialmente ostile. Una certa difficoltà di intesa fra maschi è femmine non è poi così diversa se vista non come divergenza fra generi ma come divergenza fra individui. Ho conosciuto donne di una aridità emotivo-affettiva totale così come ho conosciuto uomini capaci di grandi slanci affettivo-emotivi. La straordinaria propensione a complicarci la vita ci spinge spesso alla ricerca di partner che non siamo esattamente i migliori per noi, in quanto portatori/portatrici di istanze troppo diverse dalle nostre e questo ci fa sembrare realistica la suddivisione in uomini dediti solo alla scopata rapida da un colpo e via e le donne alla ricerca di affettività e coccole con corollario di coinvolgimenti affettivo sociali vincolanti.
Ricordo, non mi stancherò mai di ricordarlo, che dietro ogni maschio c'è stata una madre e questa madre in qualche modo gli ha trasmesso dei valori e un qualche barlume di educazione affettiva.

Io so quanto la formazione di un individuo, lo so per mia esperienza diretta essendo nato da una donna e non trovato appeso ad un pero, che l'imprinting che ho ricevuto come maschio occidentale, in gran parte ha fatto di me quello che sono come uomo e come partner potenziale.

Dico potenziale perché non sono un prodotto industriale ma il prodotto della mia esperienza umana individuale. Ci ho poi messo del mio a diventare quello stronzo a due zampe che sono diventato, anche grazie alla benevolenza delle ragazze e alla cameratesca pazienza dei miei amici, coetanei o meno che come me si sono avventurati in questo gigantesco caos incasinato che è la vitaccia nostra!
...Che cosa ho imparato? Quando l'avrò capito vi saprò dire.
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Sessualità e cultura Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi