Indice del forum Olimpo Informatico
I Forum di Zeus News
Leggi la newsletter gratuita - Attiva il Menu compatto
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

    Newsletter RSS Facebook Twitter Contatti Ricerca
La nuova frontiera delle lampadine
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Scienze e nuove tecnologie
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Zeus News
Ospite





MessaggioInviato: 21 Nov 2006 20:34    Oggetto: La nuova frontiera delle lampadine Rispondi citando

Commenti all'articolo La nuova frontiera delle lampadine
Le nuove lampadine Led possono raggiungere una durata di centomila ore, ovvero circa dieci anni di vita.


Foto di Luis Francisco Cordero
Top
{Casella Dodici}
Ospite





MessaggioInviato: 21 Nov 2006 22:45    Oggetto: costo a parte Rispondi citando

e il voltaggio? nn me la so immaginare, una casa illuminata a 120 V ed allietata da ronzii e campi magnetici dei relativi trasformatori :((
Top
chemicalbit
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 01/04/05 17:59
Messaggi: 18597
Residenza: Milano

MessaggioInviato: 21 Nov 2006 23:04    Oggetto: dov'è il problema? Rispondi citando

Non ho capito il problema del voltaggio ...

La nostra corrente elettrica, e quindi le lampadine normali, vanno ad un voltaggio superiore a 120 V, cioè 220V

Nell'articolo non si parl di voltaggio,
però -visto che i prezzi sono in dollari americani, penso sia previsto un voltaggio adatto per la corrente elettrica nelgi USA (110 V)

Ovvio che se si pensasse di commerciarli in Europa, farebebro dei modelli adatti alla nostra 220 V


p.s.: di sicuro serve un raddrizzatore, visto che i LED di solito funzionano in corrente continua

p.s.bis: anche nel PC che hai usato per scrivere il tuo messaggio c'è un trasformatore / raddrizzatore
Top
Profilo Invia messaggio privato
longinous
Eroe in grazia degli dei
Eroe in grazia degli dei


Registrato: 29/06/06 12:32
Messaggi: 141
Residenza: la grande rete è la mia casa

MessaggioInviato: 22 Nov 2006 00:46    Oggetto: Re: dov'è il problema? Rispondi citando

chemicalbit ha scritto:

p.s.bis: anche nel PC che hai usato per scrivere il tuo messaggio c'è un trasformatore / raddrizzatore


Assolutamente silenzioso e non più grande di due cm^3 (il raddrizzatore, il trasformatore può risultare un po' più grande, ma basta imboscarlo bene Wink )
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
chemicalbit
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 01/04/05 17:59
Messaggi: 18597
Residenza: Milano

MessaggioInviato: 22 Nov 2006 12:20    Oggetto: Rispondi citando

Appunto, se non dà problemi nel PC, perché dovrebbe darne nella lampadina?
Top
Profilo Invia messaggio privato
stargazer
Mortale adepto
Mortale adepto


Registrato: 24/04/06 19:37
Messaggi: 34

MessaggioInviato: 22 Nov 2006 15:52    Oggetto: Re: dov'è il problema? Rispondi citando

che diventeremo sempre più ciechi e occhialuti

Giù adesso io inizo ad essere fortemente disturbato da semafori a led e fari led posteriori delle automobili quando guido di sera Rolling Eyes
Top
Profilo Invia messaggio privato
Fabio
Eroe
Eroe


Registrato: 18/11/06 19:14
Messaggi: 44
Residenza: Roma

MessaggioInviato: 22 Nov 2006 16:44    Oggetto: Re: dov'è il problema? Rispondi citando

stargazer ha scritto:
che diventeremo sempre più ciechi e occhialuti

Giù adesso io inizo ad essere fortemente disturbato da semafori a led e fari led posteriori delle automobili quando guido di sera Rolling Eyes

Già... è la stessa sensazione che provo io... ci manca solo che dobbiamo metterci gli occhiali da sole anche di notte... Evil or Very Mad
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
maroc
Semidio
Semidio


Registrato: 29/03/05 21:22
Messaggi: 213

MessaggioInviato: 23 Nov 2006 13:21    Oggetto: Rispondi citando

il problema di queste lampadine è il rendimento luminoso scarso.

pure le lampade a risparmio energetico che già sono in circolazione possono avere una durata di 100.00 ore.ma consumando 20 watt, ne fanno 100 di luce, che è ben diverso dall'avere in casa dei lumini da cimitero.
Top
Profilo Invia messaggio privato
{stever}
Ospite





MessaggioInviato: 23 Nov 2006 13:27    Oggetto: nessun problema ! Rispondi citando

I diodi led funzionano in continua e a basso voltaggio quindi la faccenda non cambia a 110 o 230V ! Per carichi cosi' piccoli e costanti non è necessario un trasformatore ma basta un silenzioso ed economico condensatore in serie, se proprio non vogliamo interporre un piccolo circuitino semplice.
Comunque è anni che in Italia si trovano piccole lampade e faretti formati da più led bianchi...costosi ma compatibili come attacco (anche a vite) e tensioni con le nostre case
Top
Silent Runner
Supervisor sezione Chiacchiere a 360°
Supervisor sezione Chiacchiere a 360°


Registrato: 16/05/05 09:17
Messaggi: 20598
Residenza: Pianeta Terra

MessaggioInviato: 25 Nov 2006 11:18    Oggetto: Rispondi citando

Chissà se l'avvento dei Led abbasserà l'emissione di campi elettromagnetici tipici delle lampade a basso consumo.
Rolling Eyes
So di dire una bestialità ma collegando in serie i diodi led si innalzerebbe la tensione necessaria al loro funzionamento e si potrebbero ovviare i problemi derivanti dalla presenza di un trasformatore (che ha un suo consumo "personale" che si può dedurre, anche senza alcuna strumentazione, dalla presenza di dispersione termica tipica dei T.).
Ioltre, stiamo parlando di led di cui non si conoscono affatto le caratteristiche. Sull'efficienza dei medesimi attenderei ulteriori notizie.

Sul fastidio che danno le luci di posizione degli autoveicoli e dei semafori niente da dire! Sono fastidiosi e possono avere altri inconvenineti a causa della banda di emissione cromatica molto ristretta. Ma la soluzione è semplice: basta anteporre un filtro ottico che fornisca il necessario effetto "gaussian blur" ed il gioco è fatto.
Sono scelte stilistiche dei costruttuttori. Forse i meno giovani si ricorderanno quando i progettisti Fiat se ne uscirono con una soluzione stilistica idiota: le luci di posizione posteriori fumé!
E' arcinoto come la rétina umana abbia una scarsa sensibilità al rosso e questi vanno a scurire proprio i segnalatori di pericolo?
Evil or Very Mad
Tornando ai led, non porrei ostacoli a questa innovazione. Purché sia pensata per l'uomo e non solo per risparmiare qualcosa e spendere per realizzarlo.
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
{Francesco Rustichelli}
Ospite





MessaggioInviato: 28 Nov 2006 00:09    Oggetto: Compendio sulle lampade a LED Rispondi citando

Attenzione, nessuna tecnologia - da sola - è la panacea di tutti i mali.
I LED hanno già delle applicazioni in cui sono l'eccellenza: luminarie, segnalazioni, condizioni meccaniche critiche, basso consumo (che non vuol dire per forza massima efficienza).

Per altre applicazioni - come l'illuminazione domestica - diventeranno importanti ma solo dopo future evoluzioni.

L'illuminotecnica è una scienza ed un'arte, e non esiste il dispositivo di illuminazione perfetto per tutti gli usi.
In particolare, la tecnologia con cui si produce l'emissione luminosa è solo il primo step.

La luce va riflessa, rifratta, concentrata, modulata e diretta sulle zone da illuminare.
A volte sembra che la lampada o il lampadario siano secondari rispetto al bulbo luminoso, ma non è così.

I LED sono immaturi più per la scarsa cultura che ancora c'è nel loro impiego che per la tecnologia di trasformazione da energia elettrica a luce (seppure anche qui ci sia del cammino da fare).

Un esempio sono i faretti "MR16" (attacco GU 5.3) che dovrebbero sostituire le alogene dicroiche. Illusione!
Ma si tratta di un errore di progettazione. I LED non vanno usati così.

Vi ricordo che:
RESA LUMINOSA = CONSUMO x EFFICIENZA

E' colpa sia di produttori scadenti (quasi tutti cinesi), ma anche di rivenditori e progettisti senza scrupoli, che vendono a 200 euro un punto luce da 2W (equivalenti a 5) che mai potrà ripagarsi con il basso consumo.

Questi faretti hanno una buona efficienza, ma la potenza è davvero troppo poca.

NOTA per {Casella Dodici}: la tensione ("voltaggio") non è un problema, ma può esserlo se gli apparecchi sono di scarsa qualità. La trasformazione si può fare con alimentazione switching o induttiva. Gli articoli che ho provato (tanti) si dividono in buoni e cattivi. Anche per le emissioni elettromagnetiche vale lo stesso.

Ricordatevi che è successa e succede la stessa cosa per le lampade fluorescenti, fluorescenti compatte e alogene.
C'è stata un'evoluzione straordinaria negli alimentatori per queste lampade.

Fatevi un giro su EBAY e vedrete che la scelta è modulare: trovate gli stessi tipi di faretto, linea, punto, etc. con tutte gli attacchi e le tensioni d'ingresso possibili.

NOTA per stargazer e Fabio: i problemi esistono se i dispositivi sono mal progettati o impiegati senza cultura (e dei cattivi esempi se ne vedono).

NOTA per Silent Runner: sulla disposizione "in serie" hai ragione, e ti assicuro che in circolazione ci sono tutte le configurazioni immaginabili. Addirittura ho visto 21 led in serie (per una tensione di 70 volt in continua) in un faretto alimentato a 12V alternata. Quindi c'era un micro-inverter! Ed era un faretto da 8 euro!!

NOTA per "maroc": non confondiamo il RENDIMENTO (efficienza, ed è buona) con la RESA (che spesso, ma non sempre, è scarsa).

NON DATE PER SCONTATO NIENTE: in giro c'è tanta "roba" di qualità molto variabile!

Che vi devo dire... STAY TUNED!!!
Top
{Francesco Rustichelli}
Ospite





MessaggioInviato: 28 Nov 2006 16:23    Oggetto: A proposito di illuminazione e risparmio... Rispondi citando

Se lo considerate legittimo, vi segnalerei i miei post sull'argomento. Soprattutto, ma non solo, sui LED.

Citazione:
Luci a LED per le feste di natale

Se dovete rinnovare le luminarie per queste feste, si presenta un'occasione per risparmiare qualche kWh (ed evitare future noie!).

Quasi ovunque ormai si trovano file e reti con LED al posto delle lampadine ad incandescenza.
Si tratta spesso di LED a tecnologia non innovativa, ma che comunque portano notevoli vantaggi.

1) Consumo energetico notevolmente inferiore.

2) Durata incredibilmente maggiore (praticamente "non si bruciano").

3) Resistenza meccanica superiore (considerate quanti urti subiscono queste luci).

Il tutto a costi comparabili per singola fila; costi che sono inferiori nel tempo, se si considera la maggiore durata delle luci.

La qualità media degli articoli che si vedono in giro non è alta, ma questo vale anche e soprattutto per le file ad incandescenza tradizionali.

L'unico neo è che probabilmente nei prossimi anni vedremo dei prodotti - basati sulle tecnologie LED - molto più innovativi; ma probabilmente si tratterà di oggetti posizionati in fasce di prezzo alte.
Top
Vedasharma
Mortale pio
Mortale pio


Registrato: 04/12/06 23:08
Messaggi: 25

MessaggioInviato: 16 Dic 2006 17:43    Oggetto: Re: dov'è il problema? Rispondi citando

Fabio ha scritto:
stargazer ha scritto:
che diventeremo sempre più ciechi e occhialuti

Giù adesso io inizo ad essere fortemente disturbato da semafori a led e fari led posteriori delle automobili quando guido di sera Rolling Eyes

Già... è la stessa sensazione che provo io... ci manca solo che dobbiamo metterci gli occhiali da sole anche di notte... Evil or Very Mad


E siamo in tre! Quindi ho capito il perchè le luci di posizione posteriori di certi veicoli sono quasi abbaglianti. Quando esco di sera, per non essere abbagliato dai fari alogeni, regolati spesso troppo alti, mi tocca utilizzare un paio di occhiali anti-alogeni. Shocked Con il buio, soprattutto quando s'incrocia una fila di veicoli a fari alti ,Evil or Very Mad se per caso capita davanti nel proprio senso di marcia un ciclista, magari senza faretti o catadiottri (come molti usano), si rischia di non vederli, se non quando è troppo tardi.
Per quanto riguarda le lampadine a led, ne ho comprato di recente una portatile, produzione rigorosamente cinese, al prezzo di ? 4,50. con 26 led, e illumina che è una favola; funziona con 3 batterie AAA (nella confezione ce ne sono incluse tre, marca PenesamiG: curiosa somiglianza col nome di una più nota marca, vero?); ho trovato così il modo di utilizzare a fondo la marea di pile AAA, ancora discretamente cariche, ma non abbastanza da far funzionare alcuni altri apparecchi. Indubbiamente la luce prodotta dai led è veramente potente, ma credo anch'io che, per poterla usare invece delle altre lampade a risparmio, si dovrebbe trovare il modo di filtrarla, per non arrecare disturbo agli occhi e la cosa non è trascurabile, considerando che le case moderne hanno i plafoni relativamente bassi.
Top
Profilo Invia messaggio privato
chemicalbit
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 01/04/05 17:59
Messaggi: 18597
Residenza: Milano

MessaggioInviato: 16 Dic 2006 23:52    Oggetto: Rispondi citando

basta usare lampade a LED meno potenti.

Quanto al problema delle luci delle automobili, si tratta di un problema di regolazione dei fari (in pratica qeulle macchine macrciano con dei fari che sono di fatto abbaglianti, come noto proibite quando s'incrocia un altro veicolo).
Tra l'altro sulle auto prodotte da orami non pochi anni, è obbligatorio un discpotivo per permetter al guidatore di regolare l'asetto dei fari anabbalgiaanti/abbaglianti in funzione del carico dell'auomobile.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Vedasharma
Mortale pio
Mortale pio


Registrato: 04/12/06 23:08
Messaggi: 25

MessaggioInviato: 17 Dic 2006 13:43    Oggetto: Rispondi citando

chemicalbit ha scritto:
basta usare lampade a LED meno potenti.

Quanto al problema delle luci delle automobili, si tratta di un problema di regolazione dei fari (in pratica qeulle macchine macrciano con dei fari che sono di fatto abbaglianti, come noto proibite quando s'incrocia un altro veicolo).
Tra l'altro sulle auto prodotte da orami non pochi anni, è obbligatorio un discpotivo per permetter al guidatore di regolare l'asetto dei fari anabbalgiaanti/abbaglianti in funzione del carico dell'auomobile.



In effetti, dovrebbe essere così, solo che molti conducenti desiderosi di correre più del consentito, hanno il pessimo vizio di tenere i fari regolati appositamente alti, in modo da migliorare la visibilità (infatti, con maggior visibilità è possibile aumentare conseguentemente anche la velocità): e, purtroppo, questo genere di conducenti, sono sempre di più, e a questi si aggiungono i mezzi pesanti e le SUV, i cui fari sono ad altezza maggiore di quelli dei comuni autoveicoli. Ovviamente vale anche l'ipotesi che qualcuno abbia regolato l'assetto in funzione di un carico maggiore, dimenticandosi poi di ripristinare l'assetto precedente, una volta alleggerito il veicolo, oppure, magari, che lo lasci sempre regolato alto, ritenendo fastidioso cambiare continuamente la regolazione. In questo caso non sarebbe male fornire le auto di un dispositivo automatico, con sensore di carico, che regoli l'assetto secondo necessità.
Inizialmente, proprio perchè convinto che i veicoli provenienti in senso opposto usassero gli abbaglianti, più di una volta ho provato a lampeggiare, sperando che li abbassassero; di solito, la cosa non ha avuto nessun effetto. Altre volte, mi sono visto rispondere con un prolungato passaggio agli abbaglianti veri (come a dire "ma questi sono già anabbaglianti!"), con conseguenti interminabili attimi di panico da accecamento, ancor peggiore nel caso di qualche mezzo pesante. Che dire poi di quando uno si trova con una fila di veicoli con fari alti nella direzione opposta e, dietro, qualcuno con i fari altrettanto alti, che sembra ce la metta tutta per fare in modo che i retrovisori riflettano bene la sua luce altrettanto fastidiosa, sul povero conducente che sta davanti? In caso di nebbia fitta, poi, avere dietro un automobilista simile incollato alle terga è un vero incubo: oltre al fatto che i fari troppo alti, equivalendo agli abbaglianti, fanno sembrare la nebbia ancor più fitta, il vederseli riflessi dai retrovisori peggiora il tutto. Oltre tutto, non c'è modo di comunicare a chi è dietro che i suoi fari abbagliano. Quando si è a capo di una fila, poi, provare ad accennare di rallentare e accostare, sperando di essere sorpassato e liberarsi degli scomodi seguaci, è una pura illusione: confidando nella funzione di battistrada del primo veicolo, tutti imitano e rastano dietro. Una volta, dopo che, dovendo svoltare a destra ad un bivio, mi sono venuti tutti dietro, accorgendosi solo un paio di chilometri dopo dell'equivoco (si sono fermati di botto).
C'è da aggiungere che se per caso, a causa dell'abbagliamento provochi un incidente, per esempio mettere sotto un ciclista o un motorettista, una volta successo - a parte il fatto che l'autorità dà già per scontato la colpevolezza dell'automobilista, salvo eventuali testimonianze specifiche a suo favore -, il dimostrare di essere stati abbagliati è una vera "probatio diabolica": praticamente impossibile.
Oltre tutto, alcune volte che, essendo abbagliato, avevo lampeggiato (peraltro, senza risultato), raggiungendo il veicolo in questione, ho notato che era dei Carabinieri, della Polizia o addirittura dei Vigili Urbani: se finanche loro, che dovrebbero vigilare affinchè vengano rispettate le regole, le ignorano (quale che ne sia il motivo), possiamo immaginare gli altri.
Proprio, per questo, ad un certo punto, mi sono dovuto rassegnare a cercare un'alternativa, e gli occhiali antialogeni (quelli usati dai dentisti, per capirci, oppure altre categorie che lavorano con luci alogene) sono stati l'unica soluzione ragionevole per risolvere la situazione, anche se devo dire che non sono il massimo della confortevolezza.
Scusa se mi son dovuto dilungare, ma un chiarimento era necessario (magari, si spera, può far riflettere qualche lettore in transito, inducendolo ad usare più attenzione a come regola i fari, oppure, se allorchè qualcuno gli lampeggia quando crede di non abbagliare, controlli meglio la regolazione dell'assetto, prima di accecare definitivamente l'altro conducente).
Top
Profilo Invia messaggio privato
chemicalbit
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 01/04/05 17:59
Messaggi: 18597
Residenza: Milano

MessaggioInviato: 17 Dic 2006 19:40    Oggetto: Rispondi citando

Nessun problema se ti sei dilungato,anzi una spiegazione esauriente e approfondita è meglio.

Quello che mi chiedo -per tornare più on-topic- è: cosa cambia coi fari a LED?
Top
Profilo Invia messaggio privato
Vedasharma
Mortale pio
Mortale pio


Registrato: 04/12/06 23:08
Messaggi: 25

MessaggioInviato: 17 Dic 2006 22:27    Oggetto: Fari a led Rispondi citando

chemicalbit ha scritto:
Nessun problema se ti sei dilungato,anzi una spiegazione esauriente e approfondita è meglio.

Quello che mi chiedo -per tornare più on-topic- è: cosa cambia coi fari a LED?


Giä: i fari a led! ferme restando le considerazioni sul loro corretto assetto, se un led solo è percepito a maggior distanza di una lampadina a incandescenza di quelle delle torce, la resa dovrebbe essere fantastica e anche il rendimento, con un consumo di elettricità ridottissimo; e, visto che anche il consumo dei fari, incide non poco sul consumo di benzina, (a maggior ragione da quando, nelle zone extraurbane, bisogna ternerli accesi anche con una splendida giornata, soleggiata e con aria limpida, tanto da riconoscere l'auto prima ancora dei suoi fari), credo che già sia un bel risparmio, economico ed ecologico.
Se, come dici, si possono utilizzare led meno potenti per i fari posteriori, in modo da essere visibili, ma senza abbagliare, credo che tutto vada alla grande.
Come dicevo, la torcia cinese multiled promette di funzionare a lungo con delle pile testate come mezze scariche e non fa nessun ronzio, contrariamente a quanto detto prima da {Casella Dodici} e non è neppure grandissima, tutt'altro: è bella compatta (dicono, pure impermeabile e sambra stagna, ma preferisco non rischiare: diciamo che se ci piove un tantino non succede nulla). Immagino che la stessa quantità di led riuscirebbe a rendere più che abbagliante il faro di un'auto.
Dimenticavo: le famose lampadine tascabili a dinamo, sempre cinesi, sono pure a led e vedo che rendono bene (a quanto il ventilatorino tascabile a dinamo? Magari un italiano troverà il modo di crearlo, ad un costo "cinese", così non avranno più interesse a copiarlo) .
In effetti, con una sacrosanta produzione industriale di serie in grande stile, penso che si riuscirebbe ad ottenere le stesse lampade a prezzi ben più accessibili dei 200 euro di quelle appena uscite.
D'altra parte, le prime lampade neon avvitabili costavano una cifra, mentre ora le si riesce a trovare anche sotto i 2 euro. Per quel che mi riguarda, sono un entusiasta del neon (praticamente uso solo quelli) e posso dire che il risparmio si vede. Ovviamente, sono pronto a trasformarmi anche in entusiasta dei led, non appena sarà possibile.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Rozzemilio
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 23/10/06 14:38
Messaggi: 1762
Residenza: Rozz(|)... a sud di Mil(|)

MessaggioInviato: 17 Dic 2006 23:13    Oggetto: Rispondi

Silent Runner ha scritto:
Forse i meno giovani si ricorderanno quando i progettisti Fiat se ne uscirono con una soluzione stilistica idiota: le luci di posizione posteriori fumé!
E' arcinoto come la rétina umana abbia una scarsa sensibilità al rosso e questi vanno a scurire proprio i segnalatori di pericolo?


Ho trovato più di una discussione interessante su come farsi i fumé in casa Wink
Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Scienze e nuove tecnologie Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi