Indice del forum Olimpo Informatico
I Forum di Zeus News
Leggi la newsletter gratuita - Attiva il Menu compatto
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

    Newsletter RSS Facebook Twitter Contatti Ricerca
Uber e i tassisti
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Sopravvivere alla new economy
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Zeus News
Ospite





MessaggioInviato: 24 Mag 2014 18:09    Oggetto: Uber e i tassisti Rispondi citando

Leggi l'articolo Uber e i tassisti
L'app che permette di noleggiare un'autovettura direttamente dallo smartphone è molto contestata dai tassisti.


 

 

Segnala un refuso
Top
{ice}
Ospite





MessaggioInviato: 24 Mag 2014 18:36    Oggetto: Rispondi citando

i tassisti hanno pagato una regolare lincenza allo Stato, inoltre devono seguire tutta una serie di normative di sicurezza sul lavoro. Inoltre pagano le tasse sul reddito percepito. Se l'app Uber dovesse essere legalizzata tal quale, allora ai tassisti andrebbero restituiti i soldi della licenza pagato allo Stato/amministrazioni comunali e gli dovrebbe essere concesso di lavorare senza pagare tasse o rispettare alcuna normativa di sicurezza sul lavoro. Esattamente le stesse condizioni di chi offre il servizio tramite l' app Uber.
Le regole devono essere uguali per tutti
Top
matteotorretta
Comune mortale
Comune mortale


Registrato: 25/05/14 01:06
Messaggi: 1

MessaggioInviato: 25 Mag 2014 01:25    Oggetto: Rispondi citando

Buongiorno ad Ice ed a tutti,

conosco un po' il mondo dei taxi e penso sia doverosa qualche precisazione.
Anzitutto la licenza per fare il tassista, pur essendo rilasciata originariamente dal pubblico, da tempo ormai viene ceduta a carissimo prezzo ( nelle grandi città si parla di varie centinaia di migliaia di euro ) da chi va in pensione . I tassisti debbono seguire delle regole e debbono essere assicurati ( con massimali importanti ). I tassisti pagano le tasse sul reddito dichiarato. Solitamente infatti dichiarano circa il 25-30% di quanto incassano. I tassisti appartengono ad una categoria "coccolata" dalle istituzioni, sia per la magnanimità dello stato che non si interessa agli incassi effettivi, sia per i contributi regionali/statali che vengono erogati ai tassisti. Giusto far notare che chi lavora deve mettersi in regola, giusto far notare che le regole debbono essere uguali per tutti ( tassisti compresi ).
Top
Profilo Invia messaggio privato
franz
Dio minore
Dio minore


Registrato: 25/05/05 16:12
Messaggi: 776
Residenza: Lac Majeur

MessaggioInviato: 25 Mag 2014 07:11    Oggetto: Rispondi citando

Diciamo che prima di tutto vanno messe le cose al proprio posto.
Facciamo prima le debite differenze tra Uber e Uber-Pop che partono da presupposti piuttosto diversi.
Uber-Pop così com'è mi sembra decisamente fuori legge, per quanto riguarda Uber invece le cose sono ben diverse, visto che chi opera in quel caso sono gli NCC.
C'è tutta la polemica sul fatto che dovrebbero partire dalla rimessa e li tornare a fine servizio, ma se andiamo a vedere come lavorano già normalmente gli NCC scopriamo che le cose non sono poi così sempre precise.
Non per altro se vai a Malpensa i tassisti e gli chiedi cosa ne pensano degli NCC non ricevi risposte molto amichevoli.
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Tonnino
Mortale devoto
Mortale devoto


Registrato: 19/04/10 21:12
Messaggi: 15
Residenza: Nuragica

MessaggioInviato: 25 Mag 2014 08:07    Oggetto: Rispondi citando

Uber va vietato perché è giusto che i tassisti italiani possano avere il monopolio ed esercitarlo senza alcun controllo, senza emettere alcuno scontrino fiscale e mantenendo le tariffe più alte in Europa (ricerca della CGIA di Mestre consultabile sull'omonimo sito).

Per aiutare un altro po' questa categoria si potrebbero anche eliminare i mezzi pubblici e limitare l'accesso ad un raggio di 5 km dalle zone centrali delle città alle sole vetture dei tassisti.

Già per legge, ricordiamocelo tutti, inspiegabilmente 'i tassisti sono esentati dall’obbligo di emissione di fattura o ricevuta fiscale ed inoltre il trasporto pubblico di persone in ambito cittadino non è gravato da IVA ( art.10 n°9 – DPR 633/1972). Su richiesta del cliente è consuetudine rilasciare una ricevuta in carta semplice.'
Top
Profilo Invia messaggio privato
zero
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 22/03/08 17:34
Messaggi: 1331

MessaggioInviato: 25 Mag 2014 08:33    Oggetto: Rispondi citando

Il problema non e' l'app. Se l'app fosse sostituita da un numero telefonico (come avviene gia' per i taxi) cambierebbe qualcosa?
NO.
L'app, il futuro, internet, non centrano niente.

La domanda e' un'altra.
Per fare il taxista devo seguire le leggi vigenti? Oppure lo faccio comunque, fregandomene?
Top
Profilo Invia messaggio privato
{ice}
Ospite





MessaggioInviato: 25 Mag 2014 08:51    Oggetto: Rispondi citando

gli NCC almeno nella mia provincia, di solito lavorano per conto di aziende con cui stipulano un contratto di fornitura del servizio e su cui pagano le tasse. E tipicamente per tratte lunghe (90 per cento da/per aereoporto) e con prenotazione in largo anticipo.
Quindi sono molto poco in concorrenza coi taxi. E cmq emettono appunto regolare licenza. Se volete gli NCC hanno la loro trasposizione moderna nei BlaBlaCar.
Il fatto che qualunque auto possa all'istante diventare un Uber in qualunque punto si trova, la rende di fatto in competizione coi servizi di radiotaxi. Ma a questo punto dovrebbe essere allineate regimi fiscali e regolamentazione. Resta il fatto che i tassisti hanno pagato una regolare licenza per svolgere quel lavoro. Se la licenza non è piu necessaria lo stato dovrebbe restituirgli l'importo.
Top
{ice}
Ospite





MessaggioInviato: 25 Mag 2014 08:55    Oggetto: Rispondi citando

All'estero i taxi costano meno perchè le auto invece di essere di proprietà del tassista, sono di enormi società. Un po' come gli autonoleggi. Il tassista poi è solo un dipendente che a turno guida l'auto. Le auto vengono fatte lavorare h24 facendo turnare gli autisti e con brevi soste di pulizia e controllo al cambio turno. In questo modo l'autista non deve pagarsi un commercialista, ma è un semplice dipendente. L'auto e tutti i servizi collegati costano molto meno alla società perchè puo fare economie di scala e ha molto piu potere contrattuale, inoltre l'automezzo viene sfruttato al 100 per cento fino all'esaurimento
Top
Tonnino
Mortale devoto
Mortale devoto


Registrato: 19/04/10 21:12
Messaggi: 15
Residenza: Nuragica

MessaggioInviato: 25 Mag 2014 09:53    Oggetto: Rispondi citando

Certo, all'estero (Inghilterra, Francia, Germania, Olanda, Danimarca etc.) è risaputo che ci sono leggi che, a differenza che in Italia, consentono lo sfruttamento dei lavoratori (come tassisti, in questo caso) da parte di società di sanguisughe.

Per fortuna che noi siamo il baluardo della legalità che, è risaputo e riconosciuto internazionalmente, esportiamo negli altri Paesi dell'UE dove manco sanno cosa siano i diritti civili e le norme sulla protezione del lavoratore.

Laughing
Top
Profilo Invia messaggio privato
Tonnino
Mortale devoto
Mortale devoto


Registrato: 19/04/10 21:12
Messaggi: 15
Residenza: Nuragica

MessaggioInviato: 25 Mag 2014 09:56    Oggetto: Rispondi citando

{ice} ha scritto:
gli NCC almeno nella mia provincia, di solito lavorano per conto di aziende con cui stipulano un contratto di fornitura del servizio e su cui pagano le tasse. E tipicamente per tratte lunghe (90 per cento da/per aereoporto) e con prenotazione in largo anticipo.
Quindi sono molto poco in concorrenza coi taxi. E cmq emettono appunto regolare licenza. Se volete gli NCC hanno la loro trasposizione moderna nei BlaBlaCar.
Il fatto che qualunque auto possa all'istante diventare un Uber in qualunque punto si trova, la rende di fatto in competizione coi servizi di radiotaxi. Ma a questo punto dovrebbe essere allineate regimi fiscali e regolamentazione. Resta il fatto che i tassisti hanno pagato una regolare licenza per svolgere quel lavoro. Se la licenza non è piu necessaria lo stato dovrebbe restituirgli l'importo.


Io gli restituirei l'importo e renderei la licenza gratuita. E gli farei emettere lo scontrino fiscale con ritiro della licenza alla terza 'dimenticanza'. Dici che questa categoria di leali contribuenti accetta il cambio?
Top
Profilo Invia messaggio privato
dany88
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 12/02/09 11:14
Messaggi: 1300

MessaggioInviato: 25 Mag 2014 10:37    Oggetto: Rispondi citando

Credo ci siano due o tre problemi di fondo:
1- Il sistema attuale della licenza per i tassisti in Italia è ridicolo, va liberalizzato subito.
2- Questi NCC stanno di fatto lavorando come tassisti, una volta liberalizzata la licenza di tassisti, questo non sarà più un problema.
3- Uber Pop è un serivizio differente da Uber, che utilizza una persona qualunque con una macchina qualunque, il 'tassista improvvisato' ha una macchina qualunque e non è un professionista, quindi c'è una totale assenza di regolarizzazione (sicurezza, assicurazioni, tasse). Questo va vietato in toto, o regolarizzato (ma ovviamente a quel punto nessuno offrirebbe questo servizio perchè troppo difficile da gestire)
Top
Profilo Invia messaggio privato
Gummy Bear
Dio minore
Dio minore


Registrato: 02/01/11 22:54
Messaggi: 674
Residenza: Paese dei Balocchi

MessaggioInviato: 26 Mag 2014 10:25    Oggetto: Rispondi citando

Il fatto è, piaccia o non piaccia, che il servizio taxi è anche e soprattutto un servizio di trasporto pubblico. Piaccia o non piaccia, è anche vero che è gestito di cacca, come tantissime altre cose in questo disgraziatissimo paese, dove gl'interessi pubblici e privati si mescolano allegramente e fruttuosamente, a vantaggio di chi può e a danno di tutti gli altri. Che comunque stanno pronti a rifarsi alla minima occasione. Tanto...
Twisted Evil Twisted Evil
Top
Profilo Invia messaggio privato
ant_villani
Semidio
Semidio


Registrato: 06/07/05 07:19
Messaggi: 214
Residenza: Roma

MessaggioInviato: 26 Mag 2014 14:34    Oggetto: Rispondi citando

Veramente non capisco l'acredine,

Premetto che non sono un tassista, ma ai tassisti non è obbligatorio l'uso del tassametro? Perchè incaponirsi sullo scontrino fiscale, quando l'erogatore del servizio è monitorato a bordo? Mai capitato di montare a bordo di un taxi e di non vedere il tassametro attivato.

Per quanto riguarda gli NCC, doverosa anche la loro figura, ma con i doverosi distinguo rispetto al servizio pubblico.

I tassisti e gli NCC operano nell'ambito della legge che prevede che la figura alla guida sia appositamente preparata (patente con attestato del conducente) per il trasporto di passeggeri, che l'auto sia appositamente coperta da tutele assicurative estese, licenza coperta da regolare visita medica. E la visita medica per i conducenti pubblici non è quella che siamo abituati a fare noi, in primis per i tempi di ripetizione della visita e poi per le analisi volte a verificare il non uso di sostanze stupacenti.

Per questo ritengo che il servizio Uber-pop vada assolutamente vietato, mentre Uber potrebbe anche essere una app che funga da servizio al posto o congiuntamente alla stazione radio-taxi, aggregante anche di più compagnie. ad esempio con la app si potrebbe prenotare la prima compagnia che risponde entrando così nel 3° millennio anche per i radio-taxi.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Mazzulator
Eroe in grazia degli dei
Eroe in grazia degli dei


Registrato: 12/09/12 01:58
Messaggi: 96
Residenza: Milano

MessaggioInviato: 27 Mag 2014 02:58    Oggetto: Rispondi citando

(Perdonate il cross posting; copio anche qui quanto appena scritto in un'altra discussione analoga, ma molto piu' ridotta di questa. Il presente thread mi sembra quindi piu' adatto a ricevere questa riflessione).

Scusate, ma che voi sappiate il download di musica e film coperti da diritto d'autore e' legale? No, vero?
E allora come mai milioni di persone lo effettuano? Semplice, perche' con il modello collaborativo del P2P sono sostanzialmente inarrestabili.
Nemmeno le potentissime lobby cinodiscografiche sinora han potuto farci granche'. Hanno semmai un po' riorganizzato i loro modelli di business, offrendo download a prezzi calmierati ed aumentando a dismisura i costi dei concerti (che per loro natura non sono sostituibili).

A mio parere la stessa cosa accadra' per UberPop. I controlli sono praticamente impossibili ("sto trasportando un mio amico"). Passeggero e bagaglio, contrariamente a quanto afferma l'articolo, sono gia' coperti dalla polizza RCA standard.
Per cui, secondo me, ai tassisti converrebbe sin da ora pensare a qualcosa per scampare allo tsunami in arrivo.
Il mercato, illegale o meno, non usa chiedere permesso. Passa e basta.

Il problema della sicurezza, si diceva.
Beh, se voglio risparmiare sensibilmente rispetto al taxi, devo scendere a qualche compromesso. Del resto ciascuno e' maggiorenne, vaccinato, e sceglie autonomamente se ed a quali rischi sottoporsi nella propria vita. Per di piu', guidare un'auto non e' esattamente difficile quanto un'operazione a cuore aperto. Un qualsiasi patentato, piu' o meno, e' in grado di farlo.

Il modello di trasporto pubblico collaborativo e distribuito abbatte i costi ed elimina le inefficienze portate dal sistema attuale, con una casta protetta dalla concorrenza, stile notai. E' un qualcosa, insomma, con cui la generalita' dei cittadini ha solo da guadagnarci (fosse anche solo per la maggiore scelta).

Non ci e' riuscita Hollywood, figuriamoci un po' se il sistema P2P verra' bloccato da quattro tassisti. Magari faranno chiudere Uber (come fecero con Napster), ma non c'e' bisogno che vi dica come proseguirebbe la storia, no? Wink
Top
Profilo Invia messaggio privato
merlin
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 15/03/07 23:32
Messaggi: 2421
Residenza: Kingdom of Camelot

MessaggioInviato: 27 Mag 2014 09:45    Oggetto: Rispondi citando

ant_villani ha scritto:
Veramente non capisco l'acredine, [...]

di fatto, i tassisti costituiscono una lobby tutta loro. Prova ad es. a farti trasportare in aeroporto da un taxi che non faccia capo ai capobastone locali; se vuoi andare con un'auto di tua scelta spesso al tassista non rimane che farsi prestare una vettura privata, senza contrassegni.
ant_villani ha scritto:

Premetto che non sono un tassista, ma ai tassisti non è obbligatorio l'uso del tassametro? Perchè incaponirsi sullo scontrino fiscale, quando l'erogatore del servizio è monitorato a bordo? Mai capitato di montare a bordo di un taxi e di non vedere il tassametro attivato.

Ma perché i tassametri sono taroccabili (e talvolta anche taroccati, dipende...)
Del resto basta confrontare gli acquisti annui di carburante con i Km. percorsi nel medesimo periodo come ben saprebbero i "controllori" di agentrate. Se si ricordassero di farlo. Embarassed
Top
Profilo Invia messaggio privato
ant_villani
Semidio
Semidio


Registrato: 06/07/05 07:19
Messaggi: 214
Residenza: Roma

MessaggioInviato: 28 Mag 2014 07:21    Oggetto: Rispondi citando

@merlin. Mi dispiace se dalle tue parti funziona così, certo non deve essere facile viverci, ma immagino che valga dal taxi alla drogheria sotto casa.

Sinceramente a Roma o altre città che ho girato la situazione è decisamente diversa, chiamo indifferentemente la cooperativa che voglio, il taxi che voglio, se voglio ne fermo uno per strada e ci monto sopra, non ho avuto questi problemi. Rispetto ad altre città europee, americane o asiatiche quello che ho potuto notare è che il prezzo della tariffa è abbastanza caro (non raggiunge i livelli di Londra o Tokyo) e su questo sicuramente la lobby dei tassisti agisce per fare in modo che si mantenga tale. Ma non mi pare che gli NCC siano più economici.

Per i tassametri ti rispondo avendo fatto uno studio specifico all'epoca della laurea, il tassametro viene sigillato al momento dell'installazione e il piombino viene equiparato al sigillo di stato (come per le macchine affrancatrici), per cui la modifica diventa reato penale perseguibile d'ufficio dalla procura (senza necessità di querela) per cui oltre alla licenza si rischia il carcere. Ci saranno sicuramente personaggi che rischiano, ma visto che non mi sembra esista il problema delle carceri sovra-affollati da tassisti, suppongo che questo riguardi una esigua minoranza. I controlli sui tassametri vengono effettuati dalla GDF e l'ultimo eclatante che ricordo fù la verifica a tappeto nella provincia di Milano su 800 auto controllate 40 furono fermate per irregolarità (5%). Che ci siano le mele marce è pacifico, che tutte le mele siano marce è diverso.

@mazzulator: stiamo confrontando 2 fenomeni diversi, esiste da sempre il fenomeno degli abusivi nell'ambito dei taxi, ma rispetto al download illegale dove a contrastarti sono solo le major e le forze dell'ordine (poche) per i tassisti dovranno confrontarsi con altri tassisti, NCC, utenti "regolari", polizia municipale etc. etc. etc. fermo restando che mentre nel download chi rischia in proprio è l'utente in questo caso bisogna essere almeno in 2: fornitore e utente e quando il "segreto" si allarga diventa molto difficile fare in modo che rimanga tale.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Zeus
Amministratore
Amministratore


Registrato: 21/10/00 01:01
Messaggi: 12715
Residenza: San Junipero

MessaggioInviato: 28 Mag 2014 09:14    Oggetto: Rispondi citando

Visti i risultati del sondaggio, sembra che la percezione che ha merlin sia abbastanza diffusa...
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
ant_villani
Semidio
Semidio


Registrato: 06/07/05 07:19
Messaggi: 214
Residenza: Roma

MessaggioInviato: 28 Mag 2014 13:28    Oggetto: Rispondi citando

Non credo che ci siano dubbi sul fatto che i tassisti siano una casta, come i notai, gli avvocati, i medici o i lavoratori del pubblico impiego ... un milione di etc. Viene dimostrato continuamente da come si muovono per mantenere lo status quo.

Ma da qui a voler utilizzare strumenti fuori legge (leggasi uber-pop) ne passa.
Top
Profilo Invia messaggio privato
gomez
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 28/06/05 10:26
Messaggi: 1789
Residenza: Provincia di Torino

MessaggioInviato: 29 Giu 2014 01:35    Oggetto: Rispondi citando

Mazzulator ha scritto:
A mio parere la stessa cosa accadra' per UberPop. I controlli sono praticamente impossibili ("sto trasportando un mio amico"). Passeggero e bagaglio, contrariamente a quanto afferma l'articolo, sono gia' coperti dalla polizza RCA standard.
(...)
guidare un'auto non e' esattamente difficile quanto un'operazione a cuore aperto. Un qualsiasi patentato, piu' o meno, e' in grado di farlo.

Non posso che quotare, la possibilità di "farsi dare un passaggio a pagamento" non è sostanzialmente diverso dal "io metto la macchina, carico quattro amici e si divide il costo".

Lo faccio con un perfetto estraneo con valigia e che mi rimborsa la benzina? E allora? L'autostop esiste da quando esiste l'auto, ora uso il pollice elettronico uber e caccio qualche euro.
Citazione:
Il modello di trasporto pubblico collaborativo e distribuito abbatte i costi ed elimina le inefficienze portate dal sistema attuale

Non solo, ridurrebbe drasticamente l'inquinamento, per funzionare le tariffe dei "tassisti uber" devono mantenersi basse quindi il "passaggio" lo darebbero solo su tratte che percorrerebbero comunque, da soli in un'auto a 5 posti.

Mauro
Top
Profilo Invia messaggio privato
Silent Runner
Supervisor sezione Chiacchiere a 360°
Supervisor sezione Chiacchiere a 360°


Registrato: 16/05/05 09:17
Messaggi: 20711
Residenza: Pianeta Terra

MessaggioInviato: 12 Ott 2020 17:11    Oggetto: Rispondi

Mazzulator ha scritto:
Il problema della sicurezza, si diceva.
Beh, se voglio risparmiare sensibilmente rispetto al taxi, devo scendere a qualche compromesso. Del resto ciascuno e' maggiorenne, vaccinato, e sceglie autonomamente se ed a quali rischi sottoporsi nella propria vita.

...E se un cliente è no-vax?
Si aggiungono altri problemi... Rolling Eyes
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Sopravvivere alla new economy Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a 1, 2  Successivo
Pagina 1 di 2

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi