Indice del forum Olimpo Informatico
I Forum di Zeus News
Leggi la newsletter gratuita - Attiva il Menu compatto
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

    Newsletter RSS Facebook Twitter Contatti Ricerca
Wi-Fi obbligatorio per tutti
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Wireless
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Zeus News
Ospite





MessaggioInviato: 29 Ott 2014 22:05    Oggetto: Wi-Fi obbligatorio per tutti Rispondi citando

Leggi l'articolo Wi-Fi obbligatorio per tutti
In Parlamento una proposta di legge vorrebbe obbligare i nuovi esercizi pubblici (ristoranti, negozi e via dicendo) a mettere a disposizione gratis degli utenti la possibilità di navigare col Wi-Fi in Internet. Secondo te...


 

 

Segnala un refuso
Top
{andrea}
Ospite





MessaggioInviato: 31 Ott 2014 07:11    Oggetto: Rispondi citando

c'è ancora troppa confusone nella legislazione e mi riferisco al fatto che il gestore, anche se non obbligato a tenere dei registri, debba essere comunque in grado di poter identificare chi si è connesso... facciamo un passo alla volta, ma facciamolo.
Top
{maurizio}
Ospite





MessaggioInviato: 31 Ott 2014 08:56    Oggetto: Rispondi citando

Personalmente da commerciante mi preoccupa maggiornmente il dover tenere un elenco di tutti quelli a cui ho dato accesso; se non sbaglio la famosa legge che obbliga alla registrazione di chiunque si connetta (e quindi impedisce un vero libero wi-fi) è tuttora in vigore
Top
{utente anonimo}
Ospite





MessaggioInviato: 31 Ott 2014 10:29    Oggetto: Rispondi citando

Quindi devo beccarmi obbligatoriamente radiazioni anche se non le voglio, annàmo bene...
Top
amldc
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 02/05/06 16:21
Messaggi: 1276

MessaggioInviato: 31 Ott 2014 15:43    Oggetto: Rispondi citando

Prima dovrebbero mettere delle regole più chiare sull'utilizzo e concessoine di utilizzo a terzi. Inoltre temo che la cosa si presti facilmente ad essere strumentalizzata dalle varie SIAE e compagni per imporre ulteriori balzelli agli esercenti con la scusa che le connessioni possono essere utilizzate da 'anonimi' per scaricare materiale protetto o per ascoltare musica in streaming (sostenendo magari che equivale alla diffusione di musica da parte dell'esercente).
Top
Profilo Invia messaggio privato
janez
Semidio
Semidio


Registrato: 07/12/11 15:24
Messaggi: 305

MessaggioInviato: 31 Ott 2014 18:00    Oggetto: Rispondi citando

Alcuni esercizi commerciali avrebbero l'obbligo di mettere a disposizione degli utenti l'utilizzo di un bagno, e parecchi non lo fanno.
Guarda tu che l'accesso a internet diventa più importante delle esigenze fisiologiche.
Certo normalmente quando vado dal macellaio o dal calzolaio mi scappa ... di accedere a internet.
Sceglierò il prossimo droghiere in base ai suoi prezzi e alla qualità di quello che vende oppure in base al fatto che ha il wi-fi ?

Comunque al di la della battuta il governo potrebbe pure spingere per questa cosa invcentivando in qualche modo i negozianti, ma sarebbe cretino oltre che forse illeggittimo renderla obbligatoria.
Top
Profilo Invia messaggio privato
{Massimo}
Ospite





MessaggioInviato: 31 Ott 2014 18:06    Oggetto: Rispondi citando

Il governo si fa bello con i soldi degli altri, quelli dei commercianti in questo caso. Messa in questi termini sembra l'ennesima tassa o l'ennesima presa per il collo (o per i fondelli, a scelta), dato che una cosa del genere, fatta con tutte le regole e le norme che prevede lo stato italiano, è capace di costare anche qualche migliaio di euro per chi si deve attrezzare da zero.
Top
{ice}
Ospite





MessaggioInviato: 31 Ott 2014 20:08    Oggetto: Rispondi citando

REPUBBLICA DELLE BANANE
ricordo che solo fino a l'anno scorso era addirittura VIETATO fornire accessi wifi in luoghi pubblici (si poteva, con tutti i vincoli tecnici di registrazione/conservazione delle credenziali che pero cortocircuitava con alcune norme sulla tutela della privacy)
Passare dal vietato all'obbligatorio da un anno all'altro è segno di incompetenza e incongruenza.
Ma questo succede ad ogni revisione del codice della strada....(fanali obbligatori spenti di giorno, siamo passati ad avere le auto che per essere immatricolate devono avere un dispositivo che accende le luci di posizione SEMPRE, giorno e notte e gli utenti devono accendere i fari anabbaglianti su tutte le extraurbane....che in autostrada con l'asfalto ceh fuma sotto il sole del meriggio d'agosto...nemmeno te ne accorgi se sono accese o no...)
Top
{ice}
Ospite





MessaggioInviato: 31 Ott 2014 20:12    Oggetto: Rispondi citando

@janez
l'obbligo dei servi igienici riguarda gli esercizi commerciali dove è previsto il consumo di alimenti (bar ristoranti)e/o una permanenza prolungata (autoscuole)
il macellaio non ha la licenza per metterti a sedere a mangiare, per averla dovrebbe tra l'altro dotarsi di servizi igienici aperti al pubblico
Top
Zievatron
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 22/12/10 23:36
Messaggi: 3234

MessaggioInviato: 01 Nov 2014 00:35    Oggetto: Rispondi citando

{ice} ha scritto:
REPUBBLICA DELLE BANANE
...

Ormai non abbiamo più nè la prima nè le seconde.
E' rimasta solo la stupidizia. Crying or Very sad
Top
Profilo Invia messaggio privato
gomez
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 28/06/05 10:26
Messaggi: 1661
Residenza: Provincia di Torino

MessaggioInviato: 01 Nov 2014 03:13    Oggetto: Rispondi citando

Zeus News ha scritto:
In Parlamento una proposta di legge vorrebbe obbligare i nuovi esercizi pubblici (ristoranti, negozi e via dicendo) a mettere a disposizione gratis degli utenti la possibilità di navigare col Wi-Fi in Internet

Un'ottima ed intelligente iniziativa, si tratta di un servizio ormai essenziale, come i servizi igienici, obbligatori da decenni in tutti i bar e ristoranti.

I costi sarebbero praticamente nulli in quanto ormai tutti hanno la linea dati, e un router costa poche decine di euro se non viene dato gratis in comodato d'uso con la adsl.

Inoltre riguarda solo gli esercizi nuovi e di una certa superficie, quindi la merceria da 10 metri quadrati e la vecchia latteria all'angolo potranno continuare a vendere spolette di filo e ricotta anche senza wi-fi. Very Happy

Mauro
Top
Profilo Invia messaggio privato
amldc
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 02/05/06 16:21
Messaggi: 1276

MessaggioInviato: 01 Nov 2014 09:57    Oggetto: Rispondi citando

Citazione:

I costi sarebbero praticamente nulli in quanto ormai tutti hanno la linea dati, e un router costa poche decine di euro se non viene dato gratis in comodato d'uso con la adsl.

Se l'esercente deve tenere un registro, ha un costo aggiuntivo ed i router che i provider danno in comodato d'uso non sono assolutamente adeguati ad un utilizzo serio per tipo di utilizzo: come minimo andrebbe isolata la rete privata da quella a disposizione dei clienti ed eventualmente isolare tra di loro i client connessi su quest'ultima.
Si può fare anche con un router da poche decine di euro ma è sempre un costo e nella maggior parte dei casi dovrebbero comunque pagare qualcuno in grado di configurarlo correttamente (anche se non è molto difficile, probabilmente non fa parte delle conoscenze tecniche di un barista o ristoratore).
Forse basterebbe rendere più semplici le regole e dare un piccolo incentivo, magari finanziando il router come a suo tempo col digitale terrestre (*), e poi sarebbe il mercato stesso a spingere verso l'adozione gli esercenti che riscontrano come tale servizio porti loro più clienti.

Personalmente poi non sento la mancanza del wi-fi quando mi fermo al bar a fare colazione o prendere un caffè e se vado al ristorante sono in compagnia per cui trovo più educato prestare attenzione a chi mi accompagna piuttosto che ad un telefono od un tablet.

(*) Probabilmente non c'è ancora nessun ministro con parenti che producano o vendano router
Top
Profilo Invia messaggio privato
gomez
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 28/06/05 10:26
Messaggi: 1661
Residenza: Provincia di Torino

MessaggioInviato: 01 Nov 2014 10:42    Oggetto: Rispondi citando

amldc ha scritto:
Se l'esercente deve tenere un registro, ha un costo aggiuntivo ed i router che i provider danno in comodato d'uso non sono assolutamente adeguati ad un utilizzo serio per tipo di utilizzo

Mi sembra una preoccupazione eccessiva, e ritengo che prima dell'approvazione della legge il problema registro sarà superato, e "fornire wi-fi" non implica "fornire wi-fi a larga banda", se il cliente trova la connessione troppo lenta non è obbligato a usarla. Rolling Eyes
Citazione:
come minimo andrebbe isolata la rete privata da quella a disposizione dei clienti ed eventualmente isolare tra di loro i client connessi su quest'ultima. Si può fare anche con un router da poche decine di euro ma è sempre un costo e nella maggior parte dei casi dovrebbero comunque pagare qualcuno in grado di configurarlo correttamente (anche se non è molto difficile, probabilmente non fa parte delle conoscenze tecniche di un barista o ristoratore).

Mah, il barista può non essere in grado di farlo ma nel suo giro di conoscenze un amico in grado di leggere le istruzioni credo che lo possa trovare. Smile
Citazione:
Forse basterebbe rendere più semplici le regole e dare un piccolo incentivo, magari finanziando il router come a suo tempo col digitale terrestre (*)

Battute a parte ("Europa" ti dice niente?) il costo del router come quello del decoder in locali che pagano decine di migliaia di euro di affitto all'anno non li sbilancerebbe di sicuro.
Citazione:
Personalmente poi non sento la mancanza del wi-fi quando mi fermo al bar a fare colazione o prendere un caffè e se vado al ristorante sono in compagnia per cui trovo più educato prestare attenzione a chi mi accompagna piuttosto che ad un telefono od un tablet

Non confondere il privato che va al ristorante con amici, e in questo caso per semplice educazione dovrebbe spegnere tutti gli accrocchi elettronici, con chi per lavoro deve essere connesso in continuazione e al cibo dedica gliusto l'attenzione necessaria a non ficcarsi la forchetta nell'occhio. Twisted Evil

Mauro
Top
Profilo Invia messaggio privato
{ice}
Ospite





MessaggioInviato: 01 Nov 2014 12:05    Oggetto: Rispondi citando

aspetti tecnici:
i moderni router (es l'ADB Broadband DV2200 che Fastweb da a chi ha un contratto adsl/vdsl) hanno già supporto per SSID multipli, AP isolation, vLan e addirittura un server captive Portal (quello classico usato dagli hotel, per cui il wifi è aperto, ma poi ti devi collegare ad una pagina http per avere l'autenticazione e poter navigare). Supporta anche le funzioni di prin-server, quindi è possibile che aggiungendo una stampante tipo scontrini sia possibile creare e stampare le nuove credenziali a comando. Ergo costo ZERO.
Top
{ice}
Ospite





MessaggioInviato: 01 Nov 2014 12:24    Oggetto: Rispondi citando

TEMPISMO & Europa
Vorrei ricordare a tutti che già dall'estate 2015 sarà possibile (obbligatorio) portarsi dietro la propria tariffa mobile data-flat in TUTTA Europa. E cmq già dal 2014 molti operatori italiani (Tim) offrivano 1-2GB di traffico a settimana/mese all'estero alla cifra di 6-10E. Già nel 2014 per i contratti corporate (>25sim) venivano offerti alle aziende 2GB su rete italiana+2GB su rete EU+NordAmerica) allo stesso prezzo che nel 2012 facevano pagare 1GB di traffico dati nazionale. Nel pacchetto cono comprasi anche i minuti voce
Ergo gli effetti di questa offerta saranno sempre piu marginali.

AGGIUNTA SUGLI ASPETTI TECNICI
esistono già ora appliance basate su pfsense (CaptivePortal)o altre distro linux dedicate al networking che si integrano con apposite stampati a trasferimento termico (tipo scontrini)
link

link
Top
{Daniele}
Ospite





MessaggioInviato: 01 Nov 2014 20:00    Oggetto: Rispondi citando

la trovo una cosa che non serve a nulla. al ristorante ci vai per mangiare e parlare con gli amici o la ragazza(non per guardare film in streaming). con il wifi incentivi ad usare internet quando non serve.i bambini al ristorante col tablet sotto al naso...che vergogna! serve veramente internet in quei posti?
Top
{paolo}
Ospite





MessaggioInviato: 02 Nov 2014 04:31    Oggetto: Rispondi citando

pessima idea.

intendiamoci,internet gratis è comunque un servizio in più che fa piacere trovare,dovunque sia.

ma visto dall'altra parte,mi puzza alquanto il discorso "obbligo"
io sono gestore...
e quando sento queste parole citate nei miei confronti mi viene voglia di strozzare qualcuno,preferibilmente un politico...
ma mi va bene anche il cliente tipo in stile gomez:
cioè quello che pretende sempre
di più pagando sempre di meno,come se a noi le cose le regalassero.

quindi visto che evidementemente non sa di cosa parla,gli suggerisco caldamente di farsi un locale pubblico e provare a fare il mio lavoro:

noi commercianti..TUTTI,siamo già sommersi di tasse,obblighi, adempimenti,procedure e stupidaggini varie
che ci succhiano letteralmente la vita,
(oltre che il tempo libero e il margine di guadagno)
inventate da gente che tutto fa,tranne il nostro mestiere.

e poi vedremo...se quando sarà un paio d'anni che si gode la vita del gestore,la penserà ancora cosi,eh?
io ne dubito molto.
Top
Gladiator
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 05/12/10 20:32
Messaggi: 8976
Residenza: Purtroppo o per fortuna Italia

MessaggioInviato: 02 Nov 2014 15:46    Oggetto: Rispondi citando

Iniziativa anche interessante e positiva ma credo che i nostri politici e governanti da strapazzo dovrebbero preoccuparsi di cose assai più urgenti ed importanti che non dell'ennesima imposizione ad capocchiam...
Top
Profilo Invia messaggio privato
amldc
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 02/05/06 16:21
Messaggi: 1276

MessaggioInviato: 03 Nov 2014 17:30    Oggetto: Rispondi citando

gomez ha scritto:
amldc ha scritto:
Se l'esercente deve tenere un registro, ha un costo aggiuntivo ed i router che i provider danno in comodato d'uso non sono assolutamente adeguati ad un utilizzo serio per tipo di utilizzo

Mi sembra una preoccupazione eccessiva, e ritengo che prima dell'approvazione della legge il problema registro sarà superato, e "fornire wi-fi" non implica "fornire wi-fi a larga banda", se il cliente trova la connessione troppo lenta non è obbligato a usarla. Rolling Eyes
Citazione:
come minimo andrebbe isolata la rete privata da quella a disposizione dei clienti ed eventualmente isolare tra di loro i client connessi su quest'ultima. Si può fare anche con un router da poche decine di euro ma è sempre un costo e nella maggior parte dei casi dovrebbero comunque pagare qualcuno in grado di configurarlo correttamente (anche se non è molto difficile, probabilmente non fa parte delle conoscenze tecniche di un barista o ristoratore).

Mah, il barista può non essere in grado di farlo ma nel suo giro di conoscenze un amico in grado di leggere le istruzioni credo che lo possa trovare. Smile

Dire ad un esercente 'arrangiati con l'amico smanettone di turno' non mi sembra una cosa molto seria. La mia esperienza dice che nella maggior parte dei casi gli 'amici smanettoni' (oltre a portarmi via il lavoro) hanno fatto più danni che altro ai miei clienti. Quando vai al bar a chiedere un caffè il barista te lo fa o si limita a dirti di far venire qualche amico a preparartelo ?

gomez ha scritto:

Citazione:
Forse basterebbe rendere più semplici le regole e dare un piccolo incentivo, magari finanziando il router come a suo tempo col digitale terrestre (*)

Battute a parte ("Europa" ti dice niente?) il costo del router come quello del decoder in locali che pagano decine di migliaia di euro di affitto all'anno non li sbilancerebbe di sicuro.
Citazione:
Personalmente poi non sento la mancanza del wi-fi quando mi fermo al bar a fare colazione o prendere un caffè e se vado al ristorante sono in compagnia per cui trovo più educato prestare attenzione a chi mi accompagna piuttosto che ad un telefono od un tablet

Non confondere il privato che va al ristorante con amici, e in questo caso per semplice educazione dovrebbe spegnere tutti gli accrocchi elettronici, con chi per lavoro deve essere connesso in continuazione e al cibo dedica gliusto l'attenzione necessaria a non ficcarsi la forchetta nell'occhio. Twisted Evil
Mauro

Non esistono solo locali che costano decine di migliaia di euro al mese e comunque quei costi sono fatti dell'esercente e non giustificano di per sé l'imposizinoe di altre spese.
Parto dal presupposto che chi utilizza Internet per lavoro si preoccupi di avere gli strumenti adeguati, tra cui una connessione dati, senza la necessità di scroccare la linea nei bar. Hai appena affermato che l'esercente non deve necessariamente offrire una connessione in banda larga; una connessione col contagocce sarebbe adeguata per chi la usa per lavoro ? Se poi una persona è così dipendente dalla connessione, probabilmente farebbe meglio a non uscire neanche dall'ufficio e portarsi un panino, evitando il rischio di piantarsi la forchetta in un occhio.
Top
Profilo Invia messaggio privato
gomez
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 28/06/05 10:26
Messaggi: 1661
Residenza: Provincia di Torino

MessaggioInviato: 06 Nov 2014 18:52    Oggetto: Rispondi

{Daniele} ha scritto:
la trovo una cosa che non serve a nulla. al ristorante ci vai per mangiare e parlare con gli amici o la ragazza

Mi sa che tu al ristorante ci vai di rado, di giorno l'80% dei clienti sono persone che lavorano e si fermano al ristorante per "rifornirsi di carburante", non per passare piacevolmente un'ora di relax con gli amici. Rolling Eyes

E sarebbero proprio questi i clienti più attirati da una connessione wi-fi stabile da usare al posto di quella telefonica.

Mauro
Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Wireless Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a 1, 2  Successivo
Pagina 1 di 2

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi