Indice del forum Olimpo Informatico
I Forum di Zeus News
Leggi la newsletter gratuita - Attiva il Menu compatto
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

    Newsletter RSS Facebook Twitter Contatti Ricerca
Legambiente: rinnovabili soddisfano 28% fabbisogno nazionale
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Scienze e nuove tecnologie
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Zeus News
Ospite





MessaggioInviato: 26 Mar 2013 16:39    Oggetto: Legambiente: rinnovabili soddisfano 28% fabbisogno nazionale Rispondi citando

Leggi l'articolo Legambiente: rinnovabili soddisfano 28% fabbisogno nazionale
Sono 27 i Comuni italiani ''100% rinnovabili''. Il più virtuoso è Prato allo Stelvio.



Top
Zievatron
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 22/12/10 23:36
Messaggi: 3234

MessaggioInviato: 26 Mar 2013 20:40    Oggetto: Rispondi citando

Eppur si muove!!! Very Happy

L'Italia potrebbe benissimo usare "solo" energia elettrica nazionale da fonti rinnovabili.
Non sarebbe un obbiettivo facile, ma è possibile. Quello che serve è la cosiddetta "volontà politica" di farlo.
Top
Profilo Invia messaggio privato
ZaZa1210
Eroe in grazia degli dei
Eroe in grazia degli dei


Registrato: 04/04/11 15:04
Messaggi: 144

MessaggioInviato: 26 Mar 2013 22:25    Oggetto: Rispondi citando

Spero solo che nelle rinnovabili non siano compresi gli inceneretori, chiamati erroneamente "termovalorizzatori"
Top
Profilo Invia messaggio privato
mda
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 01/11/06 09:39
Messaggi: 6648
Residenza: Figonia

MessaggioInviato: 27 Mar 2013 04:55    Oggetto: Rispondi citando

@ZaZa1210

No, la statistica (da dati Terna e GSE) è certificata anche dal WWF oltre che Legambiente.

Ciao
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage AIM
mda
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 01/11/06 09:39
Messaggi: 6648
Residenza: Figonia

MessaggioInviato: 27 Mar 2013 05:18    Oggetto: Rispondi citando

Zievatron ha scritto:
Eppur si muove!!! Very Happy
L'Italia potrebbe benissimo usare "solo" energia elettrica nazionale da fonti rinnovabili.
Non sarebbe un obbiettivo facile, ma è possibile. Quello che serve è la cosiddetta "volontà politica" di farlo.


Volontà politica: In Italia dove la maggioranza dei ricconi fa i soldi con il petrolio e derivati vari... La vedo dura.

Speriamo che con il Petrolio ad 98$ (che sale e sale...) qualcuno diventi furbo e inizi ad puntare sulle energie rinnovabili. Già la "Madame di Confindustria" guadagna di più su questo fronte che il suo tradizionale!!!

Furbizia:
Infatti chi pensava d'investire in "lumi ad petrolio" quando s'inventò la lampadina? La storia ci insegna che moltissimi continuarono ad produrre i lumi e denigrare le lampadine (pure pagando "scienziati" e giornalecchisti) ma alla fine fallirono tutti e Edison e compagnia gongolava dei suicidi dei sui ex-nemici.

Ma quando venne l'epoca della "corrente alternata" (Edison faceva "corrente continua") lo stesso Edison non solo non volle cambiare (eppure aveva Tesla) ma anzi denigro la corrente alternata con tutti i mezzi..... Sappiamo come è finita!

Siamo il popolo del Sole è siamo avvantaggiati rispetto ad altri! Produciamo Gigawatt pure dal vento alla facciaccia di qualcuno che diceva che non c'è in Italia. Ma più aspettiamo più andiamo in Crisi economica.

Ciao
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage AIM
Roberto1960
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 21/01/08 00:39
Messaggi: 1167
Residenza: Roma

MessaggioInviato: 27 Mar 2013 10:43    Oggetto: Rispondi citando

Resta stupefacente il fatto che malgrado l'assoluta evidenza che E' QUESTO il futuro dell'Italia (e in verità di tutto il pianeta) la nostra illuminata classe dirigente continui a pontificare su "convergenze parallele", possibili alleanze e inciuci vari, ignorando totalmente questo capitolo assolutamente fondamentale per la nazione.

Sottolineo che oltre all'evidente vantaggio economico (sia pure forse tendenziale, cioè che si manifesterà in futuro con la crescita delle tecnologie implicate) c'è anche un vitale obiettivo geopolitico: potremmo ridurre e forse eliminare una delle più importanti forme di dipendenza dall'estero che ci affligge e ci costringe di fatto a quella sorta di "commissariamento politico" che ci sta strangolando: la mancanza di fonti energetiche.

Basti pensare che un partito fondamentale in Italia, ancora pochi anni fa andava vagheggiando un impossibile ed assurdo rilancio dell'energia nucleare. Come se, aldilà dei costi faraonici, degli enormi rischi ambientali e della incerta maggior resa energetica, non fosse chiaro che anche con quella fonte noi saremmo TOTALMENTE DIPENDENTI dalle forniture oltre confine (non ci sono combustili nucleari in Italia).

Purtroppo un popolo che si sceglie una classe dirigente ottusa, quindi un popolo ottuso, viaggia sempre inevitabilmente verso il declino.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Roberto1960
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 21/01/08 00:39
Messaggi: 1167
Residenza: Roma

MessaggioInviato: 27 Mar 2013 10:48    Oggetto: Rispondi citando

E aggiungo solo un piccolo dato, a vantaggio di quei "poco lungimiranti" (è il massimo degli eufemismi che sono riuscito a trovare...) che insistono a blaterare sui maggiori costi, sui problemi di distribuzione, eccetera:

La quantità totale di radiazione solare che incide sulla superficie terrestre ha un "potenziale energetico" che è pari a 50.000 volte l'intero fabbisogno energetico mondiale totale odierno.

Non credo ci sia bisogno di aggiungere altro.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Stx
Dio minore
Dio minore


Registrato: 07/07/08 13:38
Messaggi: 730
Residenza: In coda sulla Tangenziale Est

MessaggioInviato: 27 Mar 2013 13:39    Oggetto: Rispondi citando

ZaZa1210 ha scritto:
Spero solo che nelle rinnovabili non siano compresi gli inceneretori, chiamati erroneamente "termovalorizzatori"


No, non sono rinnovabili perche’ abbisognano il combustibile, la spazzatura che tu forse non produci. Ma io si. E non ho capito bene dove dovrebbe andare la parte non riciclabile se non ci fossero..

Roberto1960 ha scritto:

Purtroppo un popolo che si sceglie una classe dirigente ottusa, quindi un popolo ottuso, viaggia sempre inevitabilmente verso il declino.


Hai votato, vero? Non voglio sapere chi hai votato ma solo se hai votato.. Perche’ e’ sempre facile dare dei pirla agli altri.. come se tu non partecipassi alla scelta del governo..
Top
Profilo Invia messaggio privato
Roberto1960
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 21/01/08 00:39
Messaggi: 1167
Residenza: Roma

MessaggioInviato: 27 Mar 2013 13:59    Oggetto: Rispondi citando

E' evidente - ma forse non completamente - che quando parlo di "popolo ottuso" mi ci metto dentro pure io.
Quindi quel tuo "dare del pirla agli altri" è proprio fuori luogo.

Il problema non è come voto io o te, o tutti quelli di ZN, e di quanto io o te siamo effettivamente, singolarmente presi, ottusi e ignoranti.
Il problema è quale classe dirigente si sceglie un popolo.
E il dato di fatto è che NOI italiani (fai bene caso al maiuscolo, please) scegliamo da decenni una ceto politico men che scadente.
Se poi tu non sei d'accordo su questa affermazione padronissimo di pensarla come ti pare...
Top
Profilo Invia messaggio privato
mda
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 01/11/06 09:39
Messaggi: 6648
Residenza: Figonia

MessaggioInviato: 27 Mar 2013 14:25    Oggetto: Rispondi citando

Stx ha scritto:
ZaZa1210 ha scritto:
Spero solo che nelle rinnovabili non siano compresi gli inceneretori, chiamati erroneamente "termovalorizzatori"


No, non sono rinnovabili perche’ abbisognano il combustibile, la spazzatura che tu forse non produci. Ma io si. E non ho capito bene dove dovrebbe andare la parte non riciclabile se non ci fossero..


la "Parte non riciclabile" è una fandonia per far passare tutto come non riciclabile!!

Nei Paesi civili va finire che la spazzatura ridiventa merce che trovi nei banchi del tuo supermercato!

Cosa pensi che sia fatta la Mercedes, Porche, BMW, lampadine Osdram, ecc.. ecc.. ??? (se non ci credi leggi la loro pubblicità)

Infatti nei Paesi civili chiudono le discariche se non addirittura comprano (vedi la monnezza di Napoli) rifiuti per guadagnarci nel riciclo. Intanto falliscono le NOSTRE fabbriche di riciclo per mancanza di materiale!!!

Perchè? Noi usiamo gli inceneritori per far sparire, insieme al rifiuto, anche i rifiuti industriali (di mezzo mondo) controllati dalla Camorra.

Dopo le ceneri e i filtri e filtraggi finiscono in discariche speciali... Insomma gli inceneritori NON diminuiscono le discariche! Semmai una parte (che furbata nel Paese del Turismo e della Agricoltura) la respiriamo, ... , crepando.

Ciao
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage AIM
Roberto1960
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 21/01/08 00:39
Messaggi: 1167
Residenza: Roma

MessaggioInviato: 27 Mar 2013 14:35    Oggetto: Rispondi citando

E aggiungo che un paese come il nostro, praticamente privo di materie prime, dovrebbe fare del riciclaggio una vera e propria priorità nazionale, sempre nell'ottica di ridurre la nostra dipendenza dall'estero di cui ho parlato anche sopra.

Ribadisco - Stx permettendo Wink - che siamo veramente un popolo di fessi...
Top
Profilo Invia messaggio privato
mda
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 01/11/06 09:39
Messaggi: 6648
Residenza: Figonia

MessaggioInviato: 27 Mar 2013 18:25    Oggetto: Rispondi citando

Citazione:
Ribadisco (..) che siamo veramente un popolo di fessi...


Non fessi ma creduloni per la pubblicità!

Logico che ci sia della pubblicità occulta fatta appositamente con tecniche, oramai raffinate, di persuasione.

Storicamente denunciavo quella dei "lumi" e quella di Edison, ma sono milioni gli esempi e se cerano allora è peggio adesso!

Per smascherarle basta semplicemente pensarci sopra e avere un minimo di cultura in tal senso.

Ma la pubblicità fabbrica Leader, DEI, immagini simbolo, slogan, TUTTE cose che credono per cultura la maggioranza della gente e quindi il loro cervello si spegne.

Dunque bisogna anche avere una mente aperta (anch'io ci casco) per evitare le trappole.

Quando uno dice frasi "lo dici perchè invidioso" dovrebbe fermarsi e pensare che proprio lui è lo stolto. Idem frasi "perchè tu sei XXX", "Lui è il grande XXX", "ma la grandiosità di XXX", "Perchè è XXX torna XXX con XXX".

Ciao
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage AIM
joker87
Eroe in grazia degli dei
Eroe in grazia degli dei


Registrato: 23/05/08 08:32
Messaggi: 166

MessaggioInviato: 27 Mar 2013 21:58    Oggetto: Rispondi citando

Il fatto che buona parte dei prodotti sia riciclabile non vuol dire che tutto sia riciclabile. E se anche tutto fosse riciclabile credete veramente che in Italia potremmo fare a meno delle discariche/inceneritori? Quante persone non fanno la differenziata perchè non sanno/non vogliono? Abbiamo centri città sporchissimi a causa di maleducati che preferiscono buttare una carta per terra piuttosto che cercare un cestino, figuriamoci parlar loro di riciclaggio!

Citazione:
E aggiungo solo un piccolo dato, a vantaggio di quei "poco lungimiranti" (è il massimo degli eufemismi che sono riuscito a trovare...) che insistono a blaterare sui maggiori costi, sui problemi di distribuzione, eccetera:

La quantità totale di radiazione solare che incide sulla superficie terrestre ha un "potenziale energetico" che è pari a 50.000 volte l'intero fabbisogno energetico mondiale totale odierno.

Non credo ci sia bisogno di aggiungere altro.

Ti sbagli invece: anche solo teoricamente è impossibile sfruttare tutta l'energia che ci investe per insormontabili problemi a livello di leggi fisiche; a livello pratico ne possiamo sfruttare solo una minima parte. Banalmente, dell'energia che arriva alla nostra stratosfera solo una piccola parte arriva alla superficie terrestre, di questa solo una certa percentuale è sfruttabile, se poi il pannello non è angolato correttamente si ha un'ulteriore dispersione, infine ci sono le dispersioni intrinseche nell'apparato generativo.

Comunque mi piacerebbe vedere la dimensione dei comuni totalmente "verdi" e la tipologia di industrie sul loro suolo.
Top
Profilo Invia messaggio privato
mda
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 01/11/06 09:39
Messaggi: 6648
Residenza: Figonia

MessaggioInviato: 27 Mar 2013 22:51    Oggetto: Rispondi citando

@joker87

Quello che non si può riciclare oggi si può domani o quando assume volumi rilevanti. Se la bruci... No! La devi mettere in discarica speciale perchè le ceneri e i filtri e filtraggi sono MOLTO tossici!!!

Dunque tutto è riciclabile alla fine. Basta aspettare e sviluppare tecniche. Oggi giorno solo 1% del domestico non è veramente riciclabile (lo dice la UNRAR) ovvero non puoi alimentare un solo termovalorizzatore!

infatti i termovalorizzatori funzionano solo con roba che brucia come CARTA, CARTONE, PLASTICA ecc.. ovvero solo roba riciclabile!

Fare la raccolta differenziata serve solo per ridurre i costi del riciclo! La monnezza di Napoli (pagata dallo Stato Italiano) giunta in Germania anche se era mista è stata selezionata meccanicamente e solo una piccola frazione messa in gassificatore e da qui nelle miniere abbandonate come riempitivo di rinforzo dato che è vero materiale inerte.

Il resto lo comperiamo tutti come prodotti Tedeschi!!!

In Italia abbiamo centri sporchi è maleodoranti SOLO per favorire la Camorra che è dentro nell'affare discariche e inceneritori, tutto il mondo è paese, come Milano (io cero!!!) che era sommersa dai rifiuti peggio di Napoli nel 2010 e riusci senza fare un solo inceneritore (solo 5 anni dopo e poi regionale) e chiudendo discariche (esempio di Bollate) per infiltrazione Camorristica.

Guarda che tra Italiani e Tedeschi non cambia niente!!! Solo che in Germania sono vigili alle leggi e la Camorra non attacca.

-----

Verissimo che "solo teoricamente è impossibile sfruttare tutta l'energia che ci investe per insormontabili problemi a livello di leggi fisiche; a livello pratico ne possiamo sfruttare solo una minima parte. Banalmente, dell'energia che arriva alla nostra stratosfera solo una piccola parte arriva alla superficie terrestre, di questa solo una certa percentuale è sfruttabile, se poi il pannello non è angolato correttamente si ha un'ulteriore dispersione, infine ci sono le dispersioni intrinseche nell'apparato generativo. "

La minima parte dell'energia sfruttabile con tutti gli impedimenti possibili (anche della fisica) è comunque ENORME.

Infatti bastano qualche pannello anche non bene angolato per far funzionare una casa o un ufficio.

Solo sfruttando gli spazi dei tetti, parcheggi e varie con il solo FV potremmo avere fin 500volte l'elettricità che ci serve in Italia.

Infatti nei Comuni verdi ci sono sia realtà industriali che agricole.

Non cambia di tanto dire che ci sono o meno industrie in quanto è solo un fattore di quantità.

Ciao
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage AIM
fuocogreco
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 26/07/12 05:14
Messaggi: 2227

MessaggioInviato: 28 Mar 2013 00:49    Oggetto: Rispondi citando

In quest' Italia baciata dal sole Cool , dai mari e con forti risorse dal punto di

vista della forza eolica mi fa specie che il 1° Comune 100% rinnovabile sia

Prato allo Stelvio in Alto Adige ( oltretutto Regione Autonoma). Questo fatto

mi fa pensare che qualcosa a livello politico non funziona...Il nostro sud

se ci fosse veramente volontà politica e non malaffare potrebbe diven

tare la nostra salvezza nel campo delle energie alternative.
Top
Profilo Invia messaggio privato
joker87
Eroe in grazia degli dei
Eroe in grazia degli dei


Registrato: 23/05/08 08:32
Messaggi: 166

MessaggioInviato: 28 Mar 2013 15:34    Oggetto: Rispondi citando

mda ha scritto:
@joker87

Quello che non si può riciclare oggi si può domani o quando assume volumi rilevanti. Se la bruci... No! La devi mettere in discarica speciale perchè le ceneri e i filtri e filtraggi sono MOLTO tossici!!!

Dunque tutto è riciclabile alla fine. Basta aspettare e sviluppare tecniche. Oggi giorno solo 1% del domestico non è veramente riciclabile (lo dice la UNRAR) ovvero non puoi alimentare un solo termovalorizzatore!

infatti i termovalorizzatori funzionano solo con roba che brucia come CARTA, CARTONE, PLASTICA ecc.. ovvero solo roba riciclabile!

Fare la raccolta differenziata serve solo per ridurre i costi del riciclo! La monnezza di Napoli (pagata dallo Stato Italiano) giunta in Germania anche se era mista è stata selezionata meccanicamente e solo una piccola frazione messa in gassificatore e da qui nelle miniere abbandonate come riempitivo di rinforzo dato che è vero materiale inerte.

Il resto lo comperiamo tutti come prodotti Tedeschi!!!

In Italia abbiamo centri sporchi è maleodoranti SOLO per favorire la Camorra che è dentro nell'affare discariche e inceneritori, tutto il mondo è paese, come Milano (io cero!!!) che era sommersa dai rifiuti peggio di Napoli nel 2010 e riusci senza fare un solo inceneritore (solo 5 anni dopo e poi regionale) e chiudendo discariche (esempio di Bollate) per infiltrazione Camorristica.

Guarda che tra Italiani e Tedeschi non cambia niente!!! Solo che in Germania sono vigili alle leggi e la Camorra non attacca.

-----

Verissimo che "solo teoricamente è impossibile sfruttare tutta l'energia che ci investe per insormontabili problemi a livello di leggi fisiche; a livello pratico ne possiamo sfruttare solo una minima parte. Banalmente, dell'energia che arriva alla nostra stratosfera solo una piccola parte arriva alla superficie terrestre, di questa solo una certa percentuale è sfruttabile, se poi il pannello non è angolato correttamente si ha un'ulteriore dispersione, infine ci sono le dispersioni intrinseche nell'apparato generativo. "

La minima parte dell'energia sfruttabile con tutti gli impedimenti possibili (anche della fisica) è comunque ENORME.

Infatti bastano qualche pannello anche non bene angolato per far funzionare una casa o un ufficio.

Solo sfruttando gli spazi dei tetti, parcheggi e varie con il solo FV potremmo avere fin 500volte l'elettricità che ci serve in Italia.

Infatti nei Comuni verdi ci sono sia realtà industriali che agricole.

Non cambia di tanto dire che ci sono o meno industrie in quanto è solo un fattore di quantità.

Ciao

Il fotovoltaico? Questa immagine è il confronto tra la produttività oraria di un impianto fotovoltaico e il fabbisogno medio orario in Italia.

Qui non conta la tecnologia dei pannelli, la loro efficienza o la superficie dell'impianto, la sera un pannello non produce energia.
Il fotovoltaico è un'ottima fonte per l'uso diurno, in cui la richiesta è maggiore, ma non va bene per tutto il giorno.

Il solare termico non soffre invece di questo problema, ma nel nord Italia non sarebbe abbastanza efficiente.

Il link all'articolo da cui ho tratto l'immagine è qui: link
Top
Profilo Invia messaggio privato
mda
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 01/11/06 09:39
Messaggi: 6648
Residenza: Figonia

MessaggioInviato: 28 Mar 2013 19:14    Oggetto: Rispondi citando

@joker87

Se ci metti una batteria? Il tuo grafico ti mostra che nelle ore diurne segue il consumo (le batterie si ricaricano) e nelle ore notturne è sostenuto dalle batterie.

Ecco che con una leggera complessità il fotovoltaico diventa ottimo per le ore diurne come in quelle notturne!

Costi? Inferiore al costo della corrente elettrica venduta dal gestore elettrico!



Uploaded with ImageShack.us

Infatti il gestore elettrico ti vende l'energia più tasse e proprio compenso e spese di gestione e strutture!!!

Nei grandi centri fotovoltaici abbiamo acquisti all'ingrosso e quindi costi minori.

Ciao
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage AIM
joker87
Eroe in grazia degli dei
Eroe in grazia degli dei


Registrato: 23/05/08 08:32
Messaggi: 166

MessaggioInviato: 29 Mar 2013 10:15    Oggetto: Rispondi citando

Le batterie costano, durano (relativamente) poco e sono belle inquinanti. Preferisco allora un nucleare che copra il fabbisogno minimo notturno e le altre fonti per il surplus del giorno.

Per il discorso tasse, ad oggi tutte le forme di energia sono -chi più chi meno- sovvenzionate dallo stato per calmierare i prezzi. Infatti il referendum post-Chernobyl non vietò la costruzione di centrali nucleari, ma il loro sovvenzionamento, rendendole di fatto meno convenienti rispetto ad altre centrali (convenienti però perchè sovvenzionate).
Top
Profilo Invia messaggio privato
{pippolo}
Ospite





MessaggioInviato: 29 Mar 2013 14:50    Oggetto: Rispondi citando

L' ennesima presa in giro. Se tolgono i contributi e gli incentivi i pannelli e i pali eolici, non li metterebbe piuì nessuno.
Hanno deturpato montagne inaccessibili per piantarci i pali eolici che stanno fermi per giorni interi, migliaia di ettari di terreni coltivabili trasformati in orrende distese di pannelli fotovoltaici.
Con questi metodi vogliamo trasformare energia per l'industria ?
D'altronde tutti i contributi li paghiamo noi nella voce della bolletta "conto energia"
Dove lavoro io, c'e' una macchina che da sola assorbe 5500 kW (5,5 MW), pensate di alimentarla con i pannelli ?
Solo il nucleare puo' salvarci, dalla grande fame di energia che abbiamo
Top
mda
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 01/11/06 09:39
Messaggi: 6648
Residenza: Figonia

MessaggioInviato: 29 Mar 2013 18:01    Oggetto: Rispondi

joker87 ha scritto:
Le batterie costano, durano (relativamente) poco e sono belle inquinanti. Preferisco allora un nucleare che copra il fabbisogno minimo notturno e le altre fonti per il surplus del giorno.


Intendi le batterie delle auto! Che poi anche per loro non è proprio vero.

Qui si parla di batterie da Stazionamento: Non costano tanto e il prezzo si abbassa in anno in anno (ma occupano spazio e pesano), durano da più di 10 fin 20 anni (quelle ad "sali" anche 30) e sono completamente riciclabili.

Qui parlo di un uso domestico, in altri usi e alte potenze ci sono diversi sistemi per stoccare l'energia: Termico, inerzia, chimica (trasformazione o bistabile), superconduzione, gravità, pressione, stati elettrici, ecc.

Insomma il nucleare non serve quando s può accumulare l'energia!!! È solo un costo!

joker87 ha scritto:

Per il discorso tasse, ad oggi tutte le forme di energia sono -chi più chi meno- sovvenzionate dallo stato per calmierare i prezzi. Infatti il referendum post-Chernobyl non vietò la costruzione di centrali nucleari, ma il loro sovvenzionamento, rendendole di fatto meno convenienti rispetto ad altre centrali (convenienti però perchè sovvenzionate).


Verissimo! Infatti i costi nucleari NON erano massificabili, che vuol dire che con l'uso continuo e la produzione di massa si abbassi il prezzo. Notare che il nucleare iniziò nel 50' e ricevette miliardi di sovvenzioni ma i cosi rimasero altissimi.

Le batterie si! Questo perchè il suo costo è legato al costo di costruzione e non quello della materia impiegata. Esempio una volta le batterie al litio era roba da ricchi o scienziati e ora chiunque le possiede attaccate ad cellulare.

Le sovvenzioni devono servire per avviare una massificazione di un prodotto che serve alla società e quindi abbassandosi di prezzo poi non c'è più bisogno.

Questo è stato fatto con il fotovoltaico (veramente troppo presto) che ora manca d'incentivi: Continuano le vendite! Meno di prima ma continuano ad installare perchè conviene, meno di prima ma conviene sempre.

Ciao
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage AIM
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Scienze e nuove tecnologie Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a 1, 2  Successivo
Pagina 1 di 2

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi