Indice del forum Olimpo Informatico
I Forum di Zeus News
Leggi la newsletter gratuita - Attiva il Menu compatto
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

    Newsletter RSS Facebook Twitter Contatti Ricerca
Via libera alla pillola dei cinque giorni dopo
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Sessualità e cultura
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
{Dario Toffolon}
Ospite





MessaggioInviato: 17 Giu 2011 17:42    Oggetto: Rispondi citando

per spikexx84.
Perdonami, forse ho sì scritto con una certa passionalità.
nel rivolgermi a tutti, ovviamente ho peccato nel far di tutta l'erba un fascio quando invece ci sono diversità di opinioni. tuttavia, come tu stesso ammetti, non c'è nessuna opinione femminile che pure dovrebbe esser assai motivata. non voglio esprimere concetti o riflessioni su cosa sia la vita perché le differenze culturali, religiose ed etiche la presentano tale in modi differenti e ciascuno ha diritto di porsi questa domanda secondo la sua coscienza.
semplicemente la mia affermazione si poneva davanti ad una legge che consente l'aborto e che, come atto invasivo, sia esso terapeutico o altro, genera traumi di tipo fisico e psicologico nella donna (qualunque siano le motivazioni che l'abbiano portata a tale scelta) ma anche nella sua famiglia.
una pillola, grazie anche all'uso anonimo che consente, permette almeno due cose:
- intimità del gesto, che ripara da condanne etiche morali e sociali, da parte di chiunque
- solleva dal trauma fisico che comunque, di suo, ha già complicazioni psicologiche.
alla scelta di agire o meno si resta solo davanti alla propria coscienza. comunque: è un problema che viene solo addossato alle donne (come se gli uomini non partecipassero alla responsabilità della riproduzione) e che però è spesso soprattutto giudicato dagli uomini in nome della morale. un poco contraddittorio, non trovi anche tu?
da qui era partita la mia precedente comunicazione.
molte donne, fidanzate o solo amiche, che abbiano informato il partner o l'amico del loro stato imprevisto si son viste "salutare", se non direttamente invitate a liberarsi "dell'impiccio" (il tutto condito con frasi sgradevoli se lei non è d'accordo, tipo "è un problema tuo"....)
talvolta questo capita anche in coppie stabili, come dal mio precedente racconto.
allora io dico per lo meno questo: se una donna viene considerata rea di omicidio (pensiero che non condivido) direi che maggiormente lo è l'uomo che l'ha messa sia incinta sia nella condizione di scegliere come soluzione l'aborto.
infine rispetto all'opportunità di decidere io credo che se il corpo è contenitore dell'anima, la mia anima andrà a incarnarsi in un altro corpo, se quello che mi era destinato non giungerà al suo compimento (così esprimo le mie personalissime convinzioni senza pretesa di condivisione). è vero: quelle poche cellule, che diventano embrione e che incredibilmente in soli tre mesi ripercorrono l'intera evoluzione della vita sulla terra prima di abbozzarsi in essere umano (sviluppiamo per poi riassorbire persino la coda e le branchie) diverranno un uomo o una donna un giorno. ma, perdonami questa potenzialità allora l'hanno persino gli spermatozoi e gli ovuli che vanno perduti e non concorrono alla potenziale formazione di questo futuro uomo attraverso la masturbazione maschile o l'utilizzo della pillola o altro anticoncezionale. anche in questo caso il progetto di "creazione" viene distrutto (e non a caso le principali religioni condannano tale operato in egual misura dell'aborto).
aggiungo una domanda: se tu avessi una figlia di 12 anni (sono insegnante da 26 anni e di storie simili te ne potrei raccontare purtroppo molte) e questa ti nascondesse una gravidanza fino a che sia troppo tardi che faresti? dovresti scegliere tra la vita e il futuro di un bambino che ancora non c'è e il futuro di tua figlia che è vero che negli anni (e ci mancherebbe altro) non potrà che innamorarsi del suo bambino e credere che non avrebbe mai potuto rinunciarvi, ma probabilmente sarà costretta a rinunciare già così piccola prima di tutto ALLA SUA INFANZIA, e poi alla possibilità di avere un futuro in una carriera o professione in cui realizzarsi, senza contare che molti uomini non sposerebbero mai una donna che ha già avuto un figlio (per lo meno queste cose le fanno alla mia età dove si pensa che vada bene così e un matrimonio con una donna divorziata con figli dell'età di 20 anni non costituisca un problema ma è più unico che raro che avvenga tra i giovani).
che faresti allora? la statistica che infelicemente ti porto è che tutti, nessun genitore che ho conosciuto escluso, hanno portato la figlia (magari al 6° mese) in svizzera a sbarazzarsi del problema, che la figlia volesse o meno (parliamo di adolescenti) adducendo il presupposto che sia il suo bene.
credo che idealmente tutti grideremmo all'ingiustizia.
la realtà, come ti ho detto, è che prevale l'amore per la figlia e il desiderio di garantirle un futuro, scegliendo tra lei e un bambino non desiderato.
drammatico, indubbiamente. forse l'unico sentimento che abbia senso provare sia la compassione per una tragedia.
ecco che forse, davanti al peggio, questa pillola almeno previene queste cose, quindi ben venga!

se ho offeso i sentimenti di qualcuno con i miei racconti e affermazioni certamente me ne scuso: esser a favore dell'aborto o di questa pillola non significa volerne fa uso, ma riconoscere che laddove vi siano persone che questa scelta debbano compierla possano vederne riconoscere la possibilità.

Un saluto a tutti.
Top
Brio
Semidio
Semidio


Registrato: 24/05/08 19:26
Messaggi: 205

MessaggioInviato: 17 Giu 2011 18:53    Oggetto: Rispondi citando

L'importante è mantenere la scelta dell'individuo. Nessuno e dico nessuno può scegliere per gli altri, nel bene e neppure nel male ne tanto meno imporre la propria morale che spesso grava su gli altri più come un ancora al collo che non come simbolo di dignità e salvezza.La pillola rimette alle coscienze la singola scelta su un argomento che credo nessuno possa permettersi di imporre.

Esiste una pietà che si dimostra con la morte e una crudeltà che si dimostra permettendo la vita credo.

I monaci un tempo vagavano per i campi di battaglia e finivano i soldati morenti in nome della pietà, con la croce puntata legata al collo per non parlare dell'aborto "brutale" che è sempre esistito e praticato sotto il naso di chiunque, questo lo sappiamo.. e continuerebbe ad esistere anche senza metodi simili, sempre che per tutti sia un aborto.

Fra l'altro come dice Dario Toffolon la donna, protagonista, passa completamente ignorata alla faccenda. Forse sarebbe il primo essere umano a essere vittima di un ingiustizia...


Ben venga la pillola...ben venga una scelta in più per l'uomo libero.
Top
Profilo Invia messaggio privato
mda
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 01/11/06 09:39
Messaggi: 6648
Residenza: Figonia

MessaggioInviato: 17 Giu 2011 21:04    Oggetto: Rispondi citando

francescodue ha scritto:
Paragonare un feto ad un fegato mi pare un errore madornale.
Puoi "coltivare" un fegato come vuoi, ma resta sempre un semplice organo (per quanto sofisticato).
Un feto invece "inevitabilmente" diventa un essere umano.
(...)


Secondo me no!

Ogni cosa diventa un essere umano. Io mangio l'insalata i cui costituenti costituiscono le mie future cellule. L'insalata è diventata essere umano!

Un fegato mangiato diventerà parte se non un essere umano. Parte se lo mangio io e basta, essere umano se servirà per farci un ovulo o uno spermatozoo.

Io stesso e te può essere la via di un nuovo essere umano, allora?

Dal feto al bambino è la stessa considerazione che passa tra una cava di ferro e un'automobile. Quella cava di ferro serve all'industria automobilistica MA non si può considerare automobile quel ferro appena estratto!

Bisogna considerare quello che è e non quello che sarà, anche "inevitabilmente", dato che qualsiasi cosa può essere definita inevitabile ma in realtà nessuna lo è.

La considerazione "inevitabilmente" è solo una scusa.

Ciao
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage AIM
Silent Runner
Supervisor sezione Chiacchiere a 360°
Supervisor sezione Chiacchiere a 360°


Registrato: 16/05/05 09:17
Messaggi: 20672
Residenza: Pianeta Terra

MessaggioInviato: 18 Giu 2011 22:12    Oggetto: Rispondi citando

francescodue ha scritto:
Paragonare un feto ad un fegato mi pare un errore madornale.
Puoi "coltivare" un fegato come vuoi, ma resta sempre un semplice organo (per quanto sofisticato).
Un feto invece "inevitabilmente" diventa un essere umano.
(...)

Mhhh.. Un feto è un individuo in formazione e lo è potenzialmente: un feto morto è un feto morto, sia che venga abortito o muoia spontaneamente per difetti genetici o malattie della madre.
L'essere umano in quanto tale è un individuo completo e vivo, in grado cioè di sopravvivere autonomamente salvo approvvigionamento di cibo, aria e liquidi. Questo resterà tale fino alla sua morte fisica e con questo non voglio addentrarmi nella questione della morte cerebrale perché dovrei riempire trenta pagine di dati.
E non è il caso.

Eviterei inoltre di addentrarmi su disquisizioni teologico-filosofiche sull'inizio della condizione di essere umano verificantesi nel passaggio da feto a nascituro perché anche queste comporterebbero molte pagine di dati e citazioni. E poi, Sant'Agostino non è che lo leggono tutti al bar con la gazzetta dello sport.

L'idea di usare un fegato come paragone è divertente ma anch equi dovrei addentrarmi in spiegazioni piuttosto onerose sui principi dell'embriologia e cioè sulla formazione degli organi in un embrione, sulla macchina biochimica che regola la suddivisione delle cellule totipotenti in modo da formare individui strutturati in modo impeccabile, secondo una divisione Nord-Sud-Est-Ovest tipica dei cordati.
Evito di addentrarmi perché dopo un paio di righe smettereste di leggere e tornereste alle vostre convinzioni a voi tanto care e pure legittime e io finirei per essere ricoperto di pomodori marci, bestemmioni e insulti di varia natura ed eleganza.

Perciò, per farla breve, l'errore madornale è credere c'aver capito come vanno le cose senza essersi documentati a dovere.
E questo, purtroppo, è un argomento doloroso, so che non vi piacerà: Il tema è troppo complesso per essere risolto in due battute come sto facendo io mettendo tutto sullo scherzo e resta troppo complesso anche per essere affrontato seguendo vaghe linee di buonsenso, basate sui sentiti dire o sulle poche nozioni che possiamo trovare nelle riviste specializzate o ascoltando i Tiggì.

Perciò e qui finisco, carissimi amici, se volete capire come diavolo stanno le cose, scordatevelo!
E' un gran casino!
E anche se volessi spiegarvi perché lo è mi ci vorrebbero decine e decine di pagine e così finireste per citarmi davanti alla Santa Inquisizione per eresia.
Spiacente ma fa già troppo caldo così. Twisted Evil
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
{uomoselvatico}
Ospite





MessaggioInviato: 19 Giu 2011 10:25    Oggetto: Rispondi citando

Aldilà dell'approccio moralistico dato dalla Pontificia Accademia per la Vita e che non condivido affatto:

-"Si ricordi l'accademia che siamo in quasi 7 miliardi al mondo, e la sovrappopolazione è la causa principale di praticamente TUTTI i PROBLEMI che affliggono il genere umano.
Tutti nessuno escluso.
Dalla fame, alle carestie, alle guerre per il controllo delle risorse energetiche e idrogeologiche, passando poi per la povertà e miseria diffusa, devastazione e inquinamento del territorio, tensioni sociali e razziali fortissime, disoccupazione di massa, e chi più ne ha più ne metta...)

A parte i lievissimi dettagli di cui sopra dicevo, sempre strategicamente dimenticati dai vari difensori della vita in servizio permanente effettivo,
mi spiace solo vedere una volta di più sancito e regolamentato solo ed unicamente il diritto femminile a decidere in merito alla propria maternità, mentre nessuna legge tutela l'uomo e le sue scelte circa la propria paternità......
NESSUNA.

Perché a differenza delle donne a cui nessuno può' mai in nessun caso imporre nulla, agli uomini invece la paternità può' essere imposta per legge da un tribunale volenti o nolenti.

L'uomo nella decisione più importante della propria esistenza non sono non ha giuridicamente voce in capitolo su nulla ne può' decidere per altri soggetti:

-( come può invece fare una donna che "de facto" può decidere per sé stesa per il bambino e per l'uomo...)

Ma l'uomo non può neppure decidere per sé stesso...... Neppure in merito alla propria paternità e basta.

Alla faccia della parità!
Top
Silent Runner
Supervisor sezione Chiacchiere a 360°
Supervisor sezione Chiacchiere a 360°


Registrato: 16/05/05 09:17
Messaggi: 20672
Residenza: Pianeta Terra

MessaggioInviato: 19 Giu 2011 17:30    Oggetto: Rispondi citando

Dipende da cosa intendi per parità.
Nel generare figli, nessun uomo mette a rischio la sua salute o la sua vita, non è assolutamente obbligato ad accudire il prodotto della sua riproduzione con allattamento al seno o artificiale che sia, non è solitamente coinvolto nella cura minuziosa e continua dai primi mesi di vita fino allo svezzamento, non è assolutamente in grado di sostituire la madre nella graduale e complessa formazione del concetto di sé comprendente tutto lo sviluppo del Sè attraverso le esperienze sensoriali e di contatto costante fra madre e figlio. Non è bizzaro che nei mammiferi e negli uccelli, per la maggior parte delle specie, questa importantissima funzione sia affidata alle femmine.
E non certamente a causa di imposizioni culturali maschiliste. é untratto evolutivo che ha favorito questo genere di comportamenti.
Il problema è che l'importanza della femmina umana nell'economia di specie, non è assolutamente inferiore a quella del maschio. E anche questo non è un dato di origine o di condizionamento culturale.

Che alcune differenze nelle priorità dei diritti delle donne rispetto agli uomini sembrino contraddire un principio di equità è comprensibile. Ma non è necessariamente corretto porre sullo stesso piano i due generi.
Il maggior carico fisico, esistenziale, emotivo, lavorativo, educativo ecc. che le donne hanno rispetto alla prole le deve necessariamente rendere portatrici di priorità nel diritto.
Sta ovviamente alle regolamentazioni legislative stabilire i modi e le forme di queste differenze e queste, ovviamente, saranno a loro volta condizionate dalle culture dominanti, dalle convinzioni e dal potere che le religioni hanno sulle classi dirigenti politiche, starà alla maturità delle genti di opporsi e cambiare ciò che pare distorto o ingiusto.
Qualsiasi sia il risultato di questi scontri fra istanze, qualcosa resterà insoddisfatto, qualche violazione del diritto e dell'equità resterà impunita o irrisolta, qualcuno avrà sempre da ridire. E questo è naturale.
Solitamente, di fronte a questo genere di dispute io faccio ricorso alla metafora della "Ragione dei granchi".
Immaginate che, un giorno, i granchi, stufi di essere pescati per essere mangiati dagli uomini ci dichiarino guerra assalendoci e divorandoci a loro volta.
Provate a mettervi per un momento dalla parte dei granchi e poi ditemi se non hanno in qualche modo ragione anche loro.

Semplificare il tutto dicendo che gli uomini non hanno alcun diritto sulla paternità può essere vero in alcuni ambiti ma non è che questo si possa ridurre ad una spartizione a metà dei diritti di prelazione.
Il giorno che i maschi resteranno gravidi mettendo il pericolo la loro salute se non la vita stessa, partoriranno e allatteranno al seno le loro creature, questo tipo di ragionamento sarà più che accettabile.
Altrimenti ciccia! Wink
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
{uomoselvatico}
Ospite





MessaggioInviato: 19 Giu 2011 20:00    Oggetto: Rispondi citando

Risposta a silent runner:

-" Per parità mi riferisco ovviamente a quella sul piano del diritto.

Al fatto che mentre le donne possono decidere liberamente di autodeterminarsi circa la loro maternità, a noi uomini non è concesso neppure rifiutare le scelte altrui.

Sul piano legale in queste faccende l'uomo non è titolare di alcun diritto giuridicamente tutelato, neppure quello all'autodeterminazione personale.

Egli non puo' rifiutarsi in alcun modo di sottostare agli obblighi ed òneri economici verso i figli, anche se non li vuole:

-(Dichiarazione giudiziale di paternità con o senza il consenso del padre, anche se padre non voleva esserlo)

Mentre ovviamente la madre può sempre liberasi da ogni obbligo e dovere sia prima:

-( Contraccezione, pillola del giorno dopo,)

Che durante:

(.... Aborto con o senza il consenso del padre-marito, anche da minorenne, anche contro il parere dei genitori...... Da minorenne non puo' votare, ma può comunque imporre il suo volere su tutto e tutti)

Che addirittura dopo:

-( Parto anonimo in ospedale con abbandono del neonato, senza alcuna conseguenza legale....Da notare che se io abbandono un cane vengo condannato...)


Insomma la donna puo' abbandonare o abortire un figlio voluto o meno, ed anche imporlo a chi non lo vuole avere.

Una cosa grottesca anche dal punto di vista del diritto E ti parlo da avvocato.

Come questo possa non destare scandalo o provocare reazioni di protesta da parte degli uomini ridotti ormai di fatto alla figura meri inseminatori senza alcun diritto, e classificati da giudici e tribuinali solo come la parte:

"obbligata in solido"

Francamente mi è sempre sebrato incredibile ed assurdo.

Probabilmente dipende dall'enorme ignoranza in materia legale.

Per quanto riguarda poi il fatto che secondo te gli uomini:

- "non mettono a repentagli la loro salute facendo dei figli",

Ti comunico che quasi
tutti morti sul lavoro (qualche migliaio all'anno, 97% uomini...) facevano il lavoro gravoso, pericoloso, e faticoso, che li ha uccisi non certo perché gli piacesse.....

Ma solo perchè nella stragrande maggioranza dei casi avevano moglie e figli a casa.

Nessuno fa un lavoro di merda se quando ha mangiato lui ha mangiato il mondo intero.

Distinti saluti.
Top
Proserpina
Moderatore Sessualità
Moderatore Sessualità


Registrato: 08/10/07 14:22
Messaggi: 4599
Residenza: Sono solo nella tua mente (by Odos)

MessaggioInviato: 19 Giu 2011 20:19    Oggetto: Rispondi citando

come sempre su un tema che riguarda la donna putroppo discutono uomini.
In primis la chiesa...fatta da uomini.

Mi scuso per il ritardo e mi appresto a dire la mia.

Abortire non è MAI una passeggiata.
E se lo si fa dopo 7-8 settimane è emotivamente e fisicamente molto diverso dal farlo dopo 5 giorni.
Ma discutiamo di aria fritta...in rapporto quante donne dopo 5 giorni hanno il dubbio di essere in gravidanza e quante lo scoprono dopo?

Con quale diritto la Chiesa si pronuncia su una cosa di cui NON SA veramente il carico emotivo di chi per svariati motivi la affronta?

La Chiesa deve smettere di parlade di DONNE.

Andiamo in un ospedale ed entriamo in una stanza dove alcune donne stanno per andare ad abortire e respiriamone l'aria.
Guardiamole negli occhi...osserviamole sottoporsi a tutto il rituale che questa cosa comporta...

Osserviamo l'atteggimento dei sanitari...diverso da quello che hanno rispetto ad un normale intervento.

Parliamo con loro...prima...dopo...dopo mesi e dopo anni.

E poi...se ancora ne abbiamo voglia...esprimiamo un giudizio solo RAZIONALE O MENTALE. A quel punto...sarà impossibile farlo. Questa cosa si chiama empatia..ogni presa di posizione ideologica...ne è priva.
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Ermengarda Categna
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 31/03/08 15:20
Messaggi: 2414
Residenza: torino

MessaggioInviato: 19 Giu 2011 20:47    Oggetto: Rispondi citando

Rispondo da donna. Una gravidanza desiderata e normale è un'esperienza inimmaginabile, il settimo cielo. Una coppia in attesa del primo figlio cercato si sente ogni giorno come fosse la vigilia di natale.

Una ragazza che resta incinta per sbaglio sente il mondo, settimo cielo incluso, che le crolla addosso. Se non ha un rapporto abbastanza solido, se non ha modo di mantenersi da sola, se ha paura di farlo sapere nel suo ambiente (casa, amici, scuola, lavoro...) perchè sarebbe impossibile farsi accettare, è una catastrofe. Se è una donna che scopre di aspettare un bambino deforme, malato, è una tragedia, uno psicodramma.

Perchè si entra in una gravidanza insostenibile? Tanti nmotivi. Ci sono, incredibile ma vero, ragazze che non sanno dove andare a farsi prescrivere la pillola; ragazze che non chiedono al partner di usare il preservativo (perchè è un gesto di sfiducia, perchè a lui non piace, perchè per chi mi prendi?). Ragazzi che confidano nella loro abilità e tempismo e non sanno che non basta. Etc, etc, etc.

Ora, l'aborto è un'azione pesante sul fisico della donna. Anche peggio sulla sua psiche, anche se ci sono anche ragazze che lo vedono quasi con rassegnazione. Spesso, intorno a questo evento si distrugge il rapporto nella coppia, a forza di reticenze e recriminazioni. Ma in certi casi è inevitabile, perchè ci sono ancora situazioni in cui una donna rimane sola (e non penso a sottoproletarie, ma anche a figlie di famiglia, che non verrebbero accettate con una gravidanza imbarazzaante). Ben venga un dispositivo che allevii la sofferenza fisica, e anche quella psicologica (non è un aborto, solo contraccezione a posteriori...).

MA: allo stesso tempo, si deve migliorare da una parte l'informazione, che è essenziale per fare corretta prevenzione, dall'altra si dovrebbe cambiare mentalità, per evitare l'aborto "sociale", cioè quello obbligato dal "cosa penseranno". Si dovrebbe poter arrivare ad una situazione in cui la quindicenne possa arrivare a casa col sorriso solare e i suoi genitori saltino dalla gioia di diventare nonni... non ci siamo ancora, giuro. E pensare che un bambino nuovo dovrebbe essere sempre un dono...
Top
Profilo Invia messaggio privato
merlin
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 15/03/07 23:32
Messaggi: 2421
Residenza: Kingdom of Camelot

MessaggioInviato: 20 Giu 2011 08:03    Oggetto: Rispondi citando

Ermengarda Categna ha scritto:
[...] E pensare che un bambino nuovo dovrebbe essere sempre un dono...

In un Paese civile... Ma noi, siamo civili? Confused
Top
Profilo Invia messaggio privato
Silent Runner
Supervisor sezione Chiacchiere a 360°
Supervisor sezione Chiacchiere a 360°


Registrato: 16/05/05 09:17
Messaggi: 20672
Residenza: Pianeta Terra

MessaggioInviato: 20 Giu 2011 09:23    Oggetto: Rispondi citando

Rispondo, non da uomo o donna ma da Silent Runner:

Se gli uomini, e con uomini intendo i maschi, smettessero per un momento gli abiti talari della loro supponenza e si sporgessero sull'abisso della loro ambizione, forse, sul fondo vi scorgerebbero l'imbuto stritolante della necessità.

Concordo con Proserpina, non perché ritengo giuste le sue osservazioni ma perché le ritengo inevitabili. "Giusto" è un termine troppo labile e soggetto ai cambiamenti legati allo spirito dei tempi, alle culture dominanti, ai convincimenti personali. Inevitabile comprende la categoria del "necessario". La sopravvivenza non è un diritto puro e semplice, è una necessità inalienabile dell'individuo. E se l'individuo nascituro è già sacro perché non deve esserlo la madre che lo genera?
Deve per forza di cose esistere un diritto di prelazione senza il quale ogni diritto precedente viene annullato e con esso tutta la teologia che lo giustifica.
Perciò, che siano gli uomini e più ancora i vertici di una Chiesa di vecchi inariditi dall'assenza di ogni contatto con la paternità a decidere il destino di un individuo femminile adulto con il quale non esiste alcun legame diretto e verso il quale non si può accampare nessun diritto o obbligo di tutorialità è quantomeno improprio se non addirittura blasfemo.

Trovo altrettanto blasfemo che i medici assumano atteggiamento di ordine morale nei confronti dei pazienti femminili "solo" perché portatrici di una scelta che loro, comunque, non saranno mai costretti a fare.

Concordo con Ermengarda perché ha usato parole di saggezza anche se dissento sulla natura del "dono" che può essere un nuovo essere umano.
Intendiamoci: nella infinita varietà delle prospettive e visioni della vita che gli uomini e le donne possono produrre in sé, l'idea del "dono" è sicuramente romantica e consolatoria, autogratificante e utile con buona fortuna per il nascituro. Io credo però che, in sintesi estrema, non dovremmo dimenticare che mettere al mondo un altro essere umano è condannarlo non solo alle traversie della vita ma anche alla morte che inevitabilmente dovrà mettere nel novero dell'esperienza.
Certo un bambino mai nato perché abortito o ancor prima, mai concepito è comunque un individuo morto. E la morte ci ricolloca esattamente dove eravamo prima della nascita, nella non esistenza di noi.

In tutte le derivazioni di questi paradossi emerge la necessità di chiarire una volta per tutte che cosa è la vita e che cosa è il diritto che la vita porta con sé. E questa è materia assai dibattuta, soprattutto da chi non dovrebbe o lo fa tradendo i principi ai quali dice di ispirarsi.
Parlo della Chiesa cattolica che dice di ispirarsi alla figura del Cristo, quel povero cristo d'un nazareno.
Costui, e lo hanno dimenticato o ben consapevolmente rimosso, portò una grande rivoluzione più culturale che religiosa: insegnò ai suoi seguaci un principio che si chiama responsabilità personale. E questa responsabilità ci rendeva liberi di scegliere. Sempre.
Ed è questo che le gerarchie ecclesiastiche vogliono tacere a se stesse e agli uomini tutti.
Credo perciò che, questi uomini inaciditi e protervi dovrebbero limitarsi a tacere su cose per le quali non hanno alcuna competenza. Tacere e basta, tacere ed accogliere, invece di respingere e obbligare minacciando punizioni più terrene (discredito morale) che extraterrene.

Noi comuni mortali, laici, agnostici, atei o credenti siamo cresciuti.
Un giorno dovranno farlo pure loro se non vogliono sparire in fondo a quell'imbuto che è l'abisso della loro ambizione.
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Ermengarda Categna
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 31/03/08 15:20
Messaggi: 2414
Residenza: torino

MessaggioInviato: 20 Giu 2011 15:42    Oggetto: Rispondi citando

Silent, quando scrivo che un bambino e` un dono, non intendo dire che la vita e` un dono per il bambino, ma che il bambino e` un dono per chi gli sta intorno, mamma prima di tutto. O, almeno, dovrebbe esserlo: ci si dovrebbe poter permettere il lusso di contemplare il mistero della sua crescita dal nulla o dallo scherzo del caso che ha assemblato, di tutte le possibili variabili, quell'ovetto e quel girino, in quel momento e non un altro qualunque, in modo da fare quel preciso, irripetibile, individuo. E` un evento che arricchisce tutti quelli che lo circondano. Dopo tre gravidanze portate degnamente a termine penso di aver avuto modo di assaporare la cosa e ancora non ho capito bene tutte le sue implicazioni... Ma lo so io per prima, questo e` un lusso. So che esistono circostanze in cui un predictor che diventa rosa scatena il panico e la disperazione. So che non viviamo in un mondo ideale. Peccato.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Silent Runner
Supervisor sezione Chiacchiere a 360°
Supervisor sezione Chiacchiere a 360°


Registrato: 16/05/05 09:17
Messaggi: 20672
Residenza: Pianeta Terra

MessaggioInviato: 20 Giu 2011 15:57    Oggetto: Rispondi citando

Ermengarda Categna ha scritto:
Silent, quando scrivo che un bambino e` un dono, non intendo dire che la vita e` un dono per il bambino, ma che il bambino e` un dono per chi gli sta intorno, mamma prima di tutto. O, almeno, dovrebbe esserlo: ci si dovrebbe poter permettere il lusso di contemplare il mistero della sua crescita dal nulla o dallo scherzo del caso che ha assemblato, di tutte le possibili variabili, quell'ovetto e quel girino, in quel momento e non un altro qualunque, in modo da fare quel preciso, irripetibile, individuo. E` un evento che arricchisce tutti quelli che lo circondano. Dopo tre gravidanze portate degnamente a termine penso di aver avuto modo di assaporare la cosa e ancora non ho capito bene tutte le sue implicazioni... Ma lo so io per prima, questo e` un lusso. So che esistono circostanze in cui un predictor che diventa rosa scatena il panico e la disperazione. So che non viviamo in un mondo ideale. Peccato.
Ermengarda, desidero assicurarti d'aver capito perfettamente il senso delle tue parole e d'averlo condiviso in pieno malgrado per mia natura non potrò mai essere madre... ma, devi comprendere, ad esso ho dovuto contrapporre qualche considerazione che ti potrà apparire cinica e spietata anche se non è non è così. Sono solo osservazioni su un tema che è assai intricato e sul quale è facile incorrere in fraintendimenti o incomprensioni.
Comunque è vero, non siamo nati in un mondo ideale, anche perché ce ne vorrebbero oltre 6 miliardi di mondi così, uno per ciascuno di noi ma poi ci troveremmo ad essere soli nel nostro modo ideale.
Questo è il prezzo che dobbiamo pagare per vivere in un mondo per tutti uguale. E perciò alquanto disagevole.
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Proserpina
Moderatore Sessualità
Moderatore Sessualità


Registrato: 08/10/07 14:22
Messaggi: 4599
Residenza: Sono solo nella tua mente (by Odos)

MessaggioInviato: 20 Giu 2011 18:45    Oggetto: Rispondi citando

Silent Runner ha scritto:

"Giusto" è un termine troppo labile e soggetto ai cambiamenti legati allo spirito dei tempi, alle culture dominanti, ai convincimenti personali. Inevitabile comprende la categoria del "necessario". La sopravvivenza non è un diritto puro e semplice, è una necessità inalienabile dell'individuo. E se l'individuo nascituro è già sacro perché non deve esserlo la madre che lo genera?


Credo perciò che, questi uomini inaciditi e protervi dovrebbero limitarsi a tacere su cose per le quali non hanno alcuna competenza. Tacere e basta, tacere ed accogliere, invece di respingere e obbligare minacciando punizioni più terrene (discredito morale) che extraterrene.

Noi comuni mortali, laici, agnostici, atei o credenti siamo cresciuti.
Un giorno dovranno farlo pure loro se non vogliono sparire in fondo a quell'imbuto che è l'abisso della loro ambizione.



Applause Applause Applause

ho visto con i miei occhi...sentito con le mie orecchie...e toccato con le mie mani...i danni di questa "sottocultura".

Il corpo è tempio e la chiesa pensa di averlo scoperto lei...ma in realtà non è così...

Il corpo è tempio "naturale" e sensoriale...Abortire è fare un atto conto la natura delle cose...e la donna lo sa e lo sente.
Vi è un legame immediato con l'essere che la abita...anche se lei non lo desidera...

E questo legame spesso non si interrompe con l'aborto.


La chiesa ci mette pure il seme della colpa...tanto per infierire...

A volte mi chiedo se ci accorgiamo di quanto MALE abbia fatto la religione.
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
mda
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 01/11/06 09:39
Messaggi: 6648
Residenza: Figonia

MessaggioInviato: 20 Giu 2011 19:08    Oggetto: Rispondi citando

merlin ha scritto:
Ermengarda Categna ha scritto:
[...] E pensare che un bambino nuovo dovrebbe essere sempre un dono...

In un Paese civile... Ma noi, siamo civili? Confused


Già dal fatto che ti poni la domanda ti rendi conto che possiamo essere civili.
Exclamation

Ciao
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage AIM
mda
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 01/11/06 09:39
Messaggi: 6648
Residenza: Figonia

MessaggioInviato: 20 Giu 2011 19:15    Oggetto: Rispondi citando

Proserpina ha scritto:
(...)
La chiesa ci mette pure il seme della colpa...tanto per infierire...

A volte mi chiedo se ci accorgiamo di quanto MALE abbia fatto la religione.


Questa religione che si NUTRE dei sensi di colpa e se non possiedi delle colpe se l'inventa pure!

Una religione che si è formata nel medioevo e che cerca disparatamente di dire che è cristiana. Ma il Cristianesimo di Gesù è morto e sepolto dopo l'anno 0.

Ciao
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage AIM
francescodue
Semidio
Semidio


Registrato: 26/09/08 10:00
Messaggi: 497

MessaggioInviato: 24 Giu 2011 08:34    Oggetto: Rispondi citando

Caso mai è morto e sepolto nel 33 :-)

Fermo restando che sono un maschio, non ho figli e credo che la vita non vada soppressa per legge (tipo pena di morte): aggiungerei qualcosa.
Quando si dice che la donna ha dei privilegi sul nascituro perché è lei a portare il "carico" in termini di rischio, salute, ecc, sono d'accordo.
E in caso di rischio ritengo giusto darle la possibilità di abortire, anche se io personalmente alla prova dei fatti magari non riuscirei ad accettarlo.
In natura avviene normalmente e nessuno si scandalizza (al più la consoliamo se accade).
Sono meno d'accordo che possa decidere solo per una questione economica: ne ho sentite alcune che volevano abortire per non perdere un lavoro o perché non si sentivano pronte o perché non volevano rovinarsi la vita.
E il compagno che invece voleva tenersi il bambino, anche in modo completamente esclusivo (cioè senza poi avanzare alcuna richiesta futura) non aveva voce in capitolo.
Ecco, questo è molto ingiusto.
Così come è ingiusto che un padre sia costretto a riconoscere il figlio che non voleva o che non sapeva di avere (quante avventure estive con sconosciute che non si rivedranno?).
Ci sono un sacco di bambini che diventano orfani e nessuno si scandalizza e chiede un genitore di scorta.

Tutto questo per dire che comprendo benissimo le enormi difficoltà di decisione in questo ambito.
Ma quello che vorrei rimarcare è che ci si sta muovendo in una direzione sempre più irresponsabile: chiunque può fare di tutto e poi cercare di non pagare le conseguenze.
Se lasciassimo che il sesso sia una funzione normale come il nutrirsi, senza rivestirlo di altre funzioni, ci sarebbe una maggiore tranquillità e probabilmente molti meno problemi. Quello che però bisogna ricordarsi sempre è che la funzione primaria del sesso è la procreazione (senza alcuna relazione con la chiesa), quindi bisogna sempre stare attenti.

PS : per ALDOROTE
è vero che non c'è scampo alla morte (quindi si nasce per morire), ma in realtà la morte è stata inventata per permettere la vita (non mi ricordo dove l'ho letta):
le forme di vita primitive si riproducevano per semplice scissione cellulare, quindi erano immortali perché ogni copia era identica all'originale. Ma bastava una singola condizione avversa per sterminarle tutte. Per questo hanno sviluppato la mescolanza genetica e quindi la "morte": ogni nuovo organismo è teoricamente superiore al precedente e tutta la specie è al sicuro da incidenti. Se poi vogliamo essere pignoli: dentro di noi c'è il DNA dei nostri genitori, quindi anche loro sono ancora vivi.
Top
Profilo Invia messaggio privato
mda
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 01/11/06 09:39
Messaggi: 6648
Residenza: Figonia

MessaggioInviato: 24 Giu 2011 20:21    Oggetto: Rispondi citando

francescodue ha scritto:
Caso mai è morto e sepolto nel 33 Smile
(...)


Per chi non l'avesse capito (francescodue mi pare di si) era metaforico.
Laughing Laughing Laughing

Ciao
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage AIM
Silent Runner
Supervisor sezione Chiacchiere a 360°
Supervisor sezione Chiacchiere a 360°


Registrato: 16/05/05 09:17
Messaggi: 20672
Residenza: Pianeta Terra

MessaggioInviato: 25 Giu 2011 10:42    Oggetto: Rispondi citando

mda ha scritto:
francescodue ha scritto:
Caso mai è morto e sepolto nel 33 Smile
(...)


Per chi non l'avesse capito (francescodue mi pare di si) era metaforico.
Laughing Laughing Laughing

Ciao
Beneficio del dubbio: Forse fracescodue voleva fare dell'ironia sfruttando la tua metafora per aprire con simpatia il suo commento. Alle volte succede che ci si tiri l'un l'altro qualche freccetta. Wink

Però una cosa vorrei chiedere a francescodue... vista "l'antichità" del personaggio suddetto, quel 33 che significato avrebbe? Si riferirebbe al numero di giri degli antichi LP? Quei grandi dischi in vinile che venivano messi su piatti rotanti e sui quali veniva appoggiato un braccio libero che presentava una puntina (talvolta di zaffiro) posta sulla perpendicolare del disco in modo che entrasse nel solco e così ne rilevasse le ondulazioni, trasmettendole a un impianto di amplificazione sonora capace di restituire musica assordante o deliziosamente barocca?

Così eh? Tanto per sapere.... Rolling Eyes

Un'ultima cosa: il nazareno morì e fu sepolto ma vi restò ben poco.
C'è che dice che sia uscito per comprare un LP degli ELP o per farsi una ca(an)na(n) ovvero cioè sebben si dica, andò a nozze per mutare l'acqua in montepulciano d'abruzzo, il vino consigliato agli aquilani prima del terremoto.
Per cui di lui si seppe tutto e niente, notizie confuse e inverificabili.
Allora se possiamo accettare un 33 cosa facciamo con "il sepolto"?
Se è resuscitato non può essere più sepolto e perciò, con tutto il rispetto per le leggende religiose, se fossi in francescodue ritratterei almeno l'ultima parte della sua affermazione.

La frase corretta suggerita sarebbe: "Caso mai è morto e risorto nel 33 Smile" Ma non è che sia obbligatorio, non c'è alcun quorum da raggiungere..
Wink
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
mda
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 01/11/06 09:39
Messaggi: 6648
Residenza: Figonia

MessaggioInviato: 25 Giu 2011 19:00    Oggetto: OT Rispondi

Silent Runner ha scritto:
mda ha scritto:
francescodue ha scritto:
Caso mai è morto e sepolto nel 33 Smile
(...)


Per chi non l'avesse capito (francescodue mi pare di si) era metaforico.
Laughing Laughing Laughing

Ciao


Beneficio del dubbio: Forse fracescodue voleva fare dell'ironia sfruttando la tua metafora per aprire con simpatia il suo commento. Alle volte succede che ci si tiri l'un l'altro qualche freccetta. Wink
(...)
Un'ultima cosa: il nazareno morì e fu sepolto ma vi restò ben poco.


Questo è quello che dicono "i suoi" MA non risulta da nessuna parte e non esiste nessunissima prova di quello che doveva essere un evento spettacolare! Gli ebrei, che erano da quelle parti non ci credono neppure.

Che poi "i suoi" sono (chi dice di più chi meno, ma siamo li') solo 12 persone ... Sono molti di più quelli che affermano le "scie chimiche"...

Rolling Eyes

Ciao
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage AIM
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Sessualità e cultura Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a Precedente  1, 2, 3  Successivo
Pagina 2 di 3

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi