Indice del forum Olimpo Informatico
I Forum di Zeus News
Leggi la newsletter gratuita - Attiva il Menu compatto
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

    Newsletter RSS Facebook Twitter Contatti Ricerca
Pornografia e immaginario collettivo
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Sessualità e cultura
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Proserpina
Moderatore Sessualità
Moderatore Sessualità


Registrato: 08/10/07 14:22
Messaggi: 4599
Residenza: Sono solo nella tua mente (by Odos)

MessaggioInviato: 13 Mar 2011 12:56    Oggetto: Pornografia e immaginario collettivo Rispondi citando

Perchè la pornografia è tanto gettonata?
Quali corde tocca del nostro inconscio?
Quali elmenti delle nostre fantasie evoca?
Sono sicura che ognuno di noi è attratto da un certo tipo di situazioni/immagini e non da altri..
Ognuno ha fantasie che non confessa..sensazioni tattili e sensoriali che vorrebbe provare..


Che ne dite se ne parliamo un po'?
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
ZapoTeX
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 04/06/04 16:18
Messaggi: 2606
Residenza: Universo conosciuto

MessaggioInviato: 18 Mar 2011 23:30    Oggetto: Rispondi citando

Ottima idea! Molto molto personale... Visto che parlare di pornografia porta per forza di cose a parlare di masturbazione.


Iniziamo proprio da questa distinzione:

1) Pornografia senza masturbazione: due fattori di interesse:

1a) Intrattenimento puro e semplice: ci sono milioni di serie tv e film che parlano di sesso e ci fanno ore e ore di intrattenimento, non vedo perché un film in cui il sesso viene effettivamente mostrato non debba essere divertente

1b) L'uomo ha paura della bellezza femminile perché ne è schiavo, quindi vederla codificata in bit e bytes, in un file che lui può possedere e catalogare, conoscere il nome dell'attrice preferita e avere una cartella o un sito internet in cui la può vedere nuda quando vuole aiuta ad esorcizzare la paura

2) Pornografia con masturbazione: in questo caso la pornografia è un mezzo per eccitarsi, o in compagnia o da soli. I motivi per cui la pornogragfia è eccitante, secondo me sono i seguenti:

2a) Ci ricordano una cosa che abbiamo fatto: questo per me è l'elemento più forte. Un film abbastanza realistico e passionale da farmi pensare "potremmo essere io e la mia ragazza" è eccitante e alzi la mano chi non condivide. Purtroppo realismo e passione sono presenti quasi solo in film amatoriali, visto che in quelli professionali non c'è rispetto, le attrici sono umiliate e trattate come oggetti e molto spesso sia attori che attrici fanno cose che non danno piacere né a sé né al partner, che vuol dire che o si stanno comportando in maniera innaturale per via della telecamera, o hanno dimenticato come si fa quando lo si fa per amore o si sono scolate una bottiglia di valium per sopportare una sodomia fatta senza delicatezza e rispetto. Temo che ci sia un po' di verità in tutte e tre le ipotesi

2b) Al contrario, a volte cerchiamo nel porno qualcosa che non abbiamo: sesso in sé se non lo abbiamo nella vita reale, oppure una pratica sessuale che la nostra compagna/o non è disposta a fare, o una/un "partner virtuale" con delle caratteristiche fisiche che la nostra/o partner reale non ha, etc... Questo è sicuramente l'elemento più pericoloso ed è triste che esista, ma se esiste solo in piccolissime dosi non penso che sia un sintomo di insoddisfazione nella vita reale. Nessun partner, né uomo né donna, è perfetto e se si desidere vedere qualcosa di diverso, perché no, magari guardandoselo in coppia per "ispirarsi" prima dell'azione!

2c) L'uomo è molto visuale. E' vero, si può fantasticare pensando ad un ricordo o a una cosa che si vorrebbe fare con la propria donna, ma per un uomo è più facile se si ha uno stimolo visivo. Quindi, quando "il bisogno chiama" è più facile aiutarsi con la pornografia.

Questo è quanto IMVHO
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Danielix
Amministratore
Amministratore


Registrato: 31/10/07 15:30
Messaggi: 8497
Residenza: Hinter dem Horizont.

MessaggioInviato: 19 Mar 2011 01:24    Oggetto: Rispondi citando

Tema decisamente impegnativo.
Per questo mi riproponevo di seguirlo senza subito intervenire (ma, visto che ne sono l'involontario "ispiratore", lo stavo naturalmente tenendo d'occhio) bensì aspettandone prima gli eventuali sviluppi.

ZapoTex però - che ho sempre apprezzato per la sua sincera spontaneità - mi fa sentire obbligato a venir meno, seppur brevemente, ai miei propositi, solo per due necessarie (a me, ovviamente!) puntualizzazioni:

La prima:
ZapoTeX ha scritto:
Visto che parlare di pornografia porta per forza di cose a parlare di masturbazione.

Dissento con veemenza da questa equazione e - da maschio - la nego con inaudita determinazione: non mi risulta né in prima persona, né per esperienza altrui.


La seconda:
ZapoTeX ha scritto:
1b) L'uomo ha paura della bellezza femminile perché ne è schiavo, quindi vederla codificata in bit e bytes, in un file che lui può possedere e catalogare, conoscere il nome dell'attrice preferita e avere una cartella o un sito internet in cui la può vedere nuda quando vuole aiuta ad esorcizzare la paura.

La ritengo un'ottima analisi (e sostanzialmente ammirevole, lucida conclusione), se non fosse per un elemento che considero un' "indebita intrusione" ai fini analitici: la "paura della bellezza femminile" che, nel contesto, non svolge il benché minimo ruolo, o per meglio dire: non c'entra né dalla porta né dalla finestra.
(Faccio notare agli eventuali puntigliosi distratti che ho scritto "nel contesto": non l'ho negata).

Sarebbe stata - a mio avviso - un'analisi encomiabile senza riserve se ZapoTex avesse scritto:

1b) Della bellezza femminile l'uomo è incondizionatamente schiavo. Ma non è libero (= è frustrato nella sua natura) di appropriarsene come e quando vorrebbe.
(Nota per gli stessi puntigliosi distratti antropocentristi di prima: la parola "natura" deve essere intesa in strictu sensu, e non in senso lato).
Quindi, vederla codificata in bit e bytes, in un file che lui può possedere e catalogare, conoscere il nome dell'attrice preferita e avere una cartella o un sito internet in cui può vederla nuda e "possederla" - seppur virtualmente - quando vuole, lo gratifica e rassicura sulla sua mascolinità che, su un piano strettamente primordiale, è sostanzialmente basata sulla quantità di femmine che può possedere.
(Ho scritto "primordiale", non v'affannate a saltare inutilmente addosso a me e al contempo alla biologia, anche perché è del tutto inutile).


Ciò puntualizzato, torno piacevolmente in interessato stand-by Wink
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
ZapoTeX
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 04/06/04 16:18
Messaggi: 2606
Residenza: Universo conosciuto

MessaggioInviato: 19 Mar 2011 21:19    Oggetto: Rispondi citando

Citazione:
ZapoTex però - che ho sempre apprezzato per la sua sincera spontaneità

Grazie! Embarassed Embarassed Embarassed Contraccambio!

Citazione:
non mi risulta né in prima persona, né per esperienza altrui.

Grazie della precisazione, mi sono spiegato male: non voglio dire che vanno sempre in coppia, esistono anche l'una senza l'altra. Ma, perlomeno a livello statistico, l'uso masturbatorio del materiale pornografico secondo me è un fenomeno molto diffuso ed è una fetta rilevante della fruizione totale.

Citazione:
l'uomo è incondizionatamente schiavo.

E tu non hai paura di una cosa di cui sei schiavo? Una cosa che ha così tanto potere sugli uomini, che ha smembrato imperi economici, distrutto matrimoni, causato risse, fatto arrestare gente e, secondo il mito, causato la guerra di Troia non ti fa paura?

NOTA BENE: NON STO ASSOLUTAMENTE DICENDO che tutte le disgrazie descritte sopra sono colpa delle donne! Non sto accusando il genere femminile, né in generale, né alcune in particolare. Semmai è l'uomo che dà di matto per via della bellezza femminile, non le donne che causano tragedie. Elena di Troia non c'entrava niente, per esempio, il bordello è stato fatto dai maschi, l'unica sua colpa era di essere bellissima.

Ciao e grazie ancora!
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Danielix
Amministratore
Amministratore


Registrato: 31/10/07 15:30
Messaggi: 8497
Residenza: Hinter dem Horizont.

MessaggioInviato: 21 Mar 2011 12:37    Oggetto: Rispondi citando

ZapoTeX ha scritto:
E tu non hai paura di una cosa di cui sei schiavo?

Zapo, ti sfugge una cosa: come faccio ad aver "paura" di tutte le mie schiavitù di stampo prettamente biologico che Madre Natura mi ha imposto?
La nostra dipendenza dall'ossigeno non è forse una schiavitù?
E la dipendenza dal cibo, dall'acqua, non lo sono forse?
Sono tutte "schiavitù" assimilabili, compresi l'impulso sessuale, la potente attrazione verso la bellezza femminile...

Quelle che mi fanno "paura" sono le schiavitù acquisite: dal petrolio, dalla corrente elettrica, dal denaro... Wink


Comunque, anche a volerla considerare, io mi ero limitato a "rettificare" il tuo tiro, dicendo che a mio avviso non era la "paura della bellezza femminile" a giocare quel ruolo, bensì l'impotenza inconsciamente frustrante di non poterla "possedere" a piacimento... Wink


Ciao e grazie a te! Ciao
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
ZapoTeX
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 04/06/04 16:18
Messaggi: 2606
Residenza: Universo conosciuto

MessaggioInviato: 04 Apr 2011 12:52    Oggetto: Rispondi citando

Citazione:
La nostra dipendenza dall'ossigeno non è forse una schiavitù?

Certo, ma diamo per scontato che l'ossigeno ci sarà sempre, quindi ci dimentichiamo della schiavitù e non ci fa più paura.

Citazione:
bensì l'impotenza inconsciamente frustrante di non poterla "possedere" a piacimento...

Esatto, allora intendiamo la stessa cosa!

Comunque trovo un po' strano che un'applicazione per iPhone per curare i gay abbia più post di un argomento interessante, personale e un po' provocatorio come questo.

Ciao!
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
vincenzop
Cavallo di Troia *
Cavallo di Troia *


Registrato: 27/11/05 13:19
Messaggi: 18

MessaggioInviato: 14 Ago 2011 16:34    Oggetto: Re: Pornografia e immaginario collettivo Rispondi

Proserpina ha scritto:
Perchè la pornografia è tanto gettonata?
Quali corde tocca del nostro inconscio?
Quali elmenti delle nostre fantasie evoca?
Sono sicura che ognuno di noi è attratto da un certo tipo di situazioni/immagini e non da altri..
Ognuno ha fantasie che non confessa..sensazioni tattili e sensoriali che vorrebbe provare..


Che ne dite se ne parliamo un po'?

Lo so che non c'entra. Ma vorrei parlare della pornografia su internet che può trasformarsi in droga.
Io ci ho messo quindici anni a liberarmi, e non so se ora sono indenne da ricadute.
Il modo con il quale viene usata la pornografia nella società attuale ha qualche cosa a che fare con la pazzia.
In Italia ci sono, pare, 7 milioni drogati di pornografia da internet. La cosa terribile è che la pornografia su internet è accessibile a tutti. Ormai i ragazzini a 10/12 anni cominciano a guardare pornoguardano porno. Ed il loro cervello va in frantumi. Ormai tantissime donne dicono che in giro non ci sono piu' uomini con una sessualità sana.
Se volete saperne di piu' potete andare in questo sito
(rimosso)
Vincenzo Punzi
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Sessualità e cultura Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi