Indice del forum Olimpo Informatico
I Forum di Zeus News
Leggi la newsletter gratuita - Attiva il Menu compatto
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

    Newsletter RSS Facebook Twitter Contatti Ricerca
Il corpo è un accessorio della mente oppure....
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Sessualità e cultura
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
kevin
Moderatore Caffè dell'Olimpo
Moderatore Caffè dell'Olimpo


Registrato: 08/02/07 09:52
Messaggi: 15764
Residenza: Qui se guardi da lì

MessaggioInviato: 01 Dic 2009 11:15    Oggetto: Il corpo è un accessorio della mente oppure.... Rispondi citando

Proviene da qui:



Emmett Brown ha scritto:

L'amore è uno stato della nostra, solo della nostra, mente.

Solo della nostra si, ma non solo della mente e da lì si parlerà d'amore al plurale
Top
Profilo Invia messaggio privato
Emmett Brown
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 28/09/05 00:41
Messaggi: 1295

MessaggioInviato: 01 Dic 2009 11:23    Oggetto: Rispondi citando

La mente dispone di accessori più o meno coordinabili e fusibili con quelli di altre menti. I corpi sono accessori importanti della serie.
Top
Profilo Invia messaggio privato
kevin
Moderatore Caffè dell'Olimpo
Moderatore Caffè dell'Olimpo


Registrato: 08/02/07 09:52
Messaggi: 15764
Residenza: Qui se guardi da lì

MessaggioInviato: 01 Dic 2009 11:36    Oggetto: Rispondi citando

Io non credo che un corpo sia un accessorio importante della mente ma penso l'esatto opposto ..
ad esempio, quando il tuo corpo entra in contatto (ma sul serio) con un altro e "senti" quella cosa che passa attraverso i due e circola prepotentemente senza sosta e senti l'elettricità arrivare in posti che nemmeno sapevi di avere,
secondo me, l'accessorio ch'è la mente, viene accantonato, disattivato, messo da parte senza il minimo sforzo.
Se provi a fare il contrario, dico di quando sei connesso ad un corpo che ti dà quello che ho descritto, non so se ci riesci, ecco perchè l'accessorio è la mente e non il corpo
Top
Profilo Invia messaggio privato
Emmett Brown
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 28/09/05 00:41
Messaggi: 1295

MessaggioInviato: 01 Dic 2009 11:48    Oggetto: Rispondi citando

Questa sì che è una discussione interessante!!! Certo Proserpina ci splitterà in un nuovo thread.

Ci devo riflettere, Kevin. Penso che senza mente non avremmo percezione di nulla, nemmeno dell'elettricità di cui parli, per cui non vedo come potresti percepire qualcosa accantonando e disattivando la mente. Ma scrivo queste cose a caldo e un po' di fretta, per cui lasciami il tempo di rifletterci bene e di portarti eventuali esempi appropriati. Intanto, una battutaccia: non sarà che la discussione su stabilire cosa sia l'accessorio di cosa tra corpo e mente sia un po' come stabilire se è nato prima l'uovo o la gallina? (e a me pare che quando ci si unisce a qualcuno ci si butti in un piatto, o lo si cucini, fatto di gallina e di uova insieme).
Top
Profilo Invia messaggio privato
kevin
Moderatore Caffè dell'Olimpo
Moderatore Caffè dell'Olimpo


Registrato: 08/02/07 09:52
Messaggi: 15764
Residenza: Qui se guardi da lì

MessaggioInviato: 01 Dic 2009 12:07    Oggetto: Rispondi citando

Ok Emmett, no problem, tanto che rifletti ti butto lì un altro mio pensiero ..
sempre secondo me, per quanto riguarda il discorso della mente che serve a far passare l'elettricità di cui parlavamo, hai ragione tu,
allora aggiungerò che, si che serve, ma non come parte attiva ma solo come conduttore,
lei è lì, viva e fa passare tutti gli impulsi possibile ma non ci mette del suo, diciamo che se ne stà in Stand By, funge ma dorme, non fa nulla.
In questo modo, sfruttiamo solo e tutte le potenzialità del nostro corpo e credimi ... sono tantissime e ti fanno sentire cose che una mente non sa nemmeno cosa significhi, non è attrezzata, è inadatta allo scopo, non serve, anzi ... è di troppo.
Pensa che quando parlo di queste cose, uso dire: Ora mi spoglio, poggio la testa sul comodino e arrivo
Top
Profilo Invia messaggio privato
Proserpina
Moderatore Sessualità
Moderatore Sessualità


Registrato: 08/10/07 14:22
Messaggi: 4599
Residenza: Sono solo nella tua mente (by Odos)

MessaggioInviato: 01 Dic 2009 13:19    Oggetto: Rispondi citando

kevin ha scritto:
Io non credo che un corpo sia un accessorio importante della mente ma penso l'esatto opposto ..
ad esempio, quando il tuo corpo entra in contatto (ma sul serio) con un altro e "senti" quella cosa che passa attraverso i due e circola prepotentemente senza sosta e senti l'elettricità arrivare in posti che nemmeno sapevi di avere,
secondo me, l'accessorio ch'è la mente, viene accantonato, disattivato, messo da parte senza il minimo sforzo.
Se provi a fare il contrario, dico di quando sei connesso ad un corpo che ti dà quello che ho descritto, non so se ci riesci, ecco perchè l'accessorio è la mente e non il corpo


..parli di cose che non tutti hanno sperimentato..e soprattuto parli di esperienza..

Se riuscissimo a mantenerci su quest'onda dialogica sarebbe bellissimo altrimenti rischiamo di impantanarci nei meandri del ragionameno logico e ci sono fior di libri in merito a questo tema, che non ne hanno comunque colto l'essenza...

Mente o corpo...? Chi è la guida e chi si fa guidare?...

Si alternano: certo è che quando il corpo è lanciato va ad una velocità pazzesca di comprensione delle cose...e delle persone mentre la mente inganna...e inquina.

Il corpo per me è una specie di amico nemico: ascoltarlo ha spesso significato scegliere di lasciare o di avvicinarmi.

Il corpo con i miei figli è il modo migliore che conosco per sentirli davvero...

Il corpo con i miei che invecchiano è faro per raggiungerli mentre si allontanano.

Il corpo....è il posto più bello dove stare...l'unico che non mi inganna mai ma che io più volte ho cercato di ingannare...
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Proserpina
Moderatore Sessualità
Moderatore Sessualità


Registrato: 08/10/07 14:22
Messaggi: 4599
Residenza: Sono solo nella tua mente (by Odos)

MessaggioInviato: 01 Dic 2009 14:00    Oggetto: Rispondi citando

...forse la mia risposta manca ci coerenza ma è l'unica che so dare in questo momento...
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
spikexx84
Dio minore
Dio minore


Registrato: 15/09/09 08:58
Messaggi: 718
Residenza: Darfo Boario Terme (BS)

MessaggioInviato: 01 Dic 2009 14:25    Oggetto: Rispondi citando

Proserpina ha scritto:
Il corpo....è il posto più bello dove stare...l'unico che non mi inganna mai ma che io più volte ho cercato di ingannare...


Te l'han già detto vero che hai doti da poetessa....

Il corpo e la mente, mah io la vedo così (personalissima opinione), se devo fare una separazione mi manca un elemento, esiste il corpo, esiste la mente e esiste lo spirito.

Se parliamo di una relazione, la mente è quella parte che calcola, valuta, cerca l'affinità, lavora sul compresso, il corpo è quella parte che sente l'affinità di tipo sessuale, sente l'abbraccio, sente la carezza, sente la coccola, lo spirito è quella parte che riceve informazioni da corpo e mente e le evolve in sentimenti, sensazioni, è la parte che sente davvero, quella che nessuna logica può spiegare, quella che da gioia, tenerezza, rabbia, abbandono, fiducia, amore....

Faccio un esempio stupido: io incontro la mia morosa e la abbraccio, la mente è la parte che la riconosce, la parte che vede la felicità che lei prova nel vedermi, il corpo è quello che sente la stretta, che sente la pressione del suo seno sul mio petto, queste "informazioni" vengono prese da ciò che io chiamo spirito e convertite in gioia, in senso di unione e se sono molto fortunato in amore.

Corpo e mente sono solo due recettori è lo spirito, l'anima che prende queste cose e le amplifica, le eleva a stadi che non sono spiegabili come semplice somma di mente/corpo e ovviamente come riceve informazioni può anche darne, può farti venire i brividi quando non c'è freddo, può darti delle sensazioni fisiche che niente di fisico può spiegare, come può anche annebbiarti la mente, o può farti venire pensieri assurdi.

Per me l'amore non è ne fisico ne mentale, può darsi che una persona preferisca le coccole al sentirsi dire ti amo o viceversa, ma in sostanza mente e corpo non sono che strumenti per qualcosa di più grande, qualcosa che non capiamo, qualcosa che se impariamo ad amare abbiamo risolto tutti i problemi della nostra vita, chiamiamolo spirito, anima, subconscio, comunque sia e qualunque sia il termine scientifico/religioso/preferito è quella parte che ama, il resto sono solo dei mezzi che utilizziamo per comunicare con lui.
Top
Profilo Invia messaggio privato
kevin
Moderatore Caffè dell'Olimpo
Moderatore Caffè dell'Olimpo


Registrato: 08/02/07 09:52
Messaggi: 15764
Residenza: Qui se guardi da lì

MessaggioInviato: 01 Dic 2009 15:03    Oggetto: Rispondi citando

Citazione:
Mente o corpo...? Chi è la guida e chi si fa guidare?...


Dipende da quello che si vuole fare ...
Io credo che se dobbiamo fare qualsiasi tipo di lavoro, manuale o meno, guidare un auto o una moto, costruire un castello di sabbia al mare e vogliamo fare bella figura, allora è il corpo che si mette a servizio della mente,
lei dà ordini ben precisi a qualsiasi punto della meravigliosa macchina che siamo e tutto fila perfettamente, ogni organo si muove con armonia e sincronia con gli altri e si procede verso ogni opera.

Ma se parliamo invece di godersi un ammollo nelle acque termali di una piscina, una passeggiata in un bosco la mattina presto o lasciarsi andare nelle braccia di una bella donna,
allora è il corpo che deve guidare e la mente può solo mettersi a riposo e godere dei sensi che abbiamo e che tanto ci possono dare ..
Ma quanto gode il nostro tatto ad accarezzare una pelle liscia come la seta,
il nostro naso ad annusare il profumo della salsedine durante una passeggiata al mare,
i nostri occhi a vedere un cielo stellato che sembra una cartolina o il nostro gusto mentre assaporiamo uno scampo freschissimo e mandiamo giù un sorso di prosecco ...
E secondo voi, tutte queste cose, si fanno con la mente?
Provate a bendarvi gli occhi e poi ditemi come fate a perdervi dentro un paio di occhi verdi come il mare, con la vostra mente ...
Top
Profilo Invia messaggio privato
Silent Runner
Supervisor sezione Chiacchiere a 360°
Supervisor sezione Chiacchiere a 360°


Registrato: 16/05/05 09:17
Messaggi: 20680
Residenza: Pianeta Terra

MessaggioInviato: 01 Dic 2009 15:53    Oggetto: Rispondi citando

Proserpina ha scritto:
...forse la mia risposta manca ci coerenza ma è l'unica che so dare in questo momento...

La coerenza serve per catalogare non per fare esperienza. Il corpo è analogico, la mente pure, sebbene si diletti nel tentare di controllare la realtà definendola con parole e concetti.
Abbiamo un sistema nervoso centrale che si è evoluto in miliardi di anni. Difficile dire se prevale la mente o il corpo essendo entrambi il prodotto di una unica entità biologica chimicamente attiva e autoreferente.
Come gli antichi dinosauri abbiamo parti del sistema nervoso centrale che svolgono funzioni autonome per il controllo di tutto l'insieme.

La sessualità (come la mente), non è un bisogno ma una conseguenza dell'evoluzione stessa e serve principalmente a moltiplicare il numero degli individui. E io credo che questo sia il frutto casuale dell'evoluzione stessa delle forme viventi che continuano ad esistere solo perché in qualche modo hanno iniziato a duplicarsi, non per volontà propria ma per inevitabile conseguenza derivante dalla struttura stessa, dalle leggi della fisica e della chimica dell'universo e non dalla sua finalità: la finalità è venuta dopo. E resta solo uno degli aspetti, una delle leggi che trovano applicazione involontaria. Come la pioggia che cade per gravità.

La sessualità umana è conseguenza di tutto questo e la sua fortunata applicazione seguita spesso dalla dimensione percettiva e affettiva è un collante, un rafforzatore dei legami e naturali conseguenze.

Cara Proserpina, da qualunque parte si guardi il problema, tu hai detto le cose giuste ed essenziali, filtrandole attraverso il linguaggio poetico e sentimentale tipico della tua specie, del tuo genere e della tua personalità.
La coerenza non c'entra, non serve, non in questo caso.

Qualunque cosa si dica, qualunque cosa si finisca per pensare è sempre un approdo. Mentre il realtà la sessualità e più ancora l'Eros, è un modo di viaggiare, è il viaggio stesso, che inizia alla partenza e termina all'arrivo.
Questo genera desiderio, sofferenza, nostalgie e una grande infinita incertezza. E a questa incertezza, opponiamo la ragione, le descrizioni consolatorie o rassicuranti che ci diamo. Soprattutto noi maschi umani occidentali. Ma non solo noi maschi, e tu questo lo sai molto bene, avendo spesso contatto con persone che di questo problema hanno fatto il loro calvario, come se dovessero espiare il fatto di essere persone.
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Proserpina
Moderatore Sessualità
Moderatore Sessualità


Registrato: 08/10/07 14:22
Messaggi: 4599
Residenza: Sono solo nella tua mente (by Odos)

MessaggioInviato: 02 Dic 2009 22:52    Oggetto: Rispondi citando

Silent Runner ha scritto:


Cara Proserpina, da qualunque parte si guardi il problema, tu hai detto le cose giuste ed essenziali, filtrandole attraverso il linguaggio poetico e sentimentale tipico della tua specie, del tuo genere e della tua personalità.
La coerenza non c'entra, non serve, non in questo caso.




Ho imparato a rispettare questo linguaggio con fatica perchè spesso viene tacciato di scarsa logica.

Proprio per questo fatico sempre di più ad inserirmi in discussioni troppo "di testa": le trovo sterili.

La mente si affolla...nelle donne questo spesso provoca depressione...
Non siamo fatte per usare solo il cervello...anzi...

A contatto con la parte istintuale, corporea ricordiamo chi siamo e il tesoro che abbiamo dalla nascita: il nostro corpo.

La mente sensoriale o il corpo senziente sono il più bel miracolo neorofisiologico che esista!
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Emmett Brown
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 28/09/05 00:41
Messaggi: 1295

MessaggioInviato: 16 Dic 2009 09:41    Oggetto: Rispondi

kevin ha scritto:
Citazione:
Mente o corpo...? Chi è la guida e chi si fa guidare?...


Dipende da quello che si vuole fare ...
Io credo che se dobbiamo fare qualsiasi tipo di lavoro, manuale o meno, guidare un auto o una moto, costruire un castello di sabbia al mare e vogliamo fare bella figura, allora è il corpo che si mette a servizio della mente,
lei dà ordini ben precisi a qualsiasi punto della meravigliosa macchina che siamo e tutto fila perfettamente, ogni organo si muove con armonia e sincronia con gli altri e si procede verso ogni opera.

Ma se parliamo invece di godersi un ammollo nelle acque termali di una piscina, una passeggiata in un bosco la mattina presto o lasciarsi andare nelle braccia di una bella donna,
allora è il corpo che deve guidare e la mente può solo mettersi a riposo e godere dei sensi che abbiamo e che tanto ci possono dare ..
Ma quanto gode il nostro tatto ad accarezzare una pelle liscia come la seta,
il nostro naso ad annusare il profumo della salsedine durante una passeggiata al mare,
i nostri occhi a vedere un cielo stellato che sembra una cartolina o il nostro gusto mentre assaporiamo uno scampo freschissimo e mandiamo giù un sorso di prosecco ...
E secondo voi, tutte queste cose, si fanno con la mente?
Provate a bendarvi gli occhi e poi ditemi come fate a perdervi dentro un paio di occhi verdi come il mare, con la vostra mente ...


"Mente sensoriale" o "corpo senziente" di cui parla Proserpina sono definizioni che io intendo semplicemente come "mente e corpo ben connessi e percezioni della realtà non disturbate". Situazione, questa, molto difficile da sperimentare e secondo me principalmente per banalissimi motivi logistici. A me è capitato in rarissime occasioni inattese, evidentemente non frequento le persone (me compreso!!) nè i contesti adatti e, come moltissimi, galleggio nei disturbi.

A Kevin dico che la mia mente ha una memoria che funziona poco e male ma basta quel poco a perdermi in un paio d'occhi verdi come il mare (a proposito, l'ultimo mare verde che ho visto era quello, anni fa, del canali di Venezia, un verde irripetibile). Se lasci la testa sul comodino il tuo corpo va a letto sotto anestesia e sotto anestesia non distingui il prosecco dalle flebo; certo che le cose di cui parli si apprezzano con la mente Kevin! Il punto secondo me è che pelle, naso, occhi e tanto altro vi si devono connettere senza disturbo. E con la mente si ricordano, quelle cose, con la mente se ne racconta qui. Io direi che piuttosto che 'lasciare la testa sul comodino' devi svuotare la testa dai disturbi (e allora a me non basterebbe un comodino, ci vorrebbe un armadio quattro stagioni). Allora sì che le percezioni funzionano, che i collegamenti si ristabiliscono e si moltiplicano, che la memoria ritiene e rilascia ricordi da strati finalmente de-compressi.

Rilevo che quest'assenza di disturbi non è certo funzionale e necessaria solo al godimento dei sensi ma è funzionale a tutta la vita in ogni occasione.

Beati coloro per i quali queste sono esperienze comuni, amen.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Sessualità e cultura Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi