Indice del forum Olimpo Informatico
I Forum di Zeus News
Leggi la newsletter gratuita - Attiva il Menu compatto
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

    Newsletter RSS Facebook Twitter Contatti Ricerca
Etimologia del tradimento
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Al Caffe' Corretto
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
dasio78
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 22/06/06 22:05
Messaggi: 6281

MessaggioInviato: 04 Ago 2008 19:28    Oggetto: Rispondi citando

Vorrei aggiungere un'osservazione al primo post...

ho notato che non è tanto il tradire, lo scoglio, quanto la paura, la paura di affrontare le proprie scelte.

Si sceglie di tradire, e questo, per tanti motivi, può essere capito.

Ma non essere capaci di affrontarne le conseguenze no.

Se tradisci, scegli di cercare altrove quello che non trovi nella persona con cui stai, vuoi per perchè semplicemente annoiato, vuoi perchè l'intimità è morta, vuoi perchè per quella persona sei oramai come un fratello o una sorella, e si sta insieme per abitudine o per convenzione.

Allora, oramai il dado è tratto, la tua mente ha deciso e realizzato il prorio volere, concretizzandolo nel cercare un'altra persona.

La paura doveva essere prima, prima di fare il passo e di coinvolgersi in qualcosa.

Stare insieme per paura. Bel modo di fondare una storia.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Proserpina
Moderatore Sessualità
Moderatore Sessualità


Registrato: 08/10/07 14:22
Messaggi: 4599
Residenza: Sono solo nella tua mente (by Odos)

MessaggioInviato: 05 Ago 2008 23:23    Oggetto: Re: Etimologia del tradimento Rispondi citando

Danielix ha scritto:



Un mio handicap congenito mi fa leggere con piacere:
Citazione:
...osservare il fenomeno per come appare..lasciarsi guidare dal profilo nascosto delle cose dentro le cose stesse...

In questo modo di entra nelle cose con passo leggero..si osserva la realtà con gli occhi di chi la vive..e si vive...molto meglio.
Si chiama Obiettività.




..si chiama empatia...intuizione......obiettività dici?...me lo devi spiegare meglio Daniel...L'obiettività implica distacco..il contrario di quello di cui io parlo..
A volte "sentiamo" una persona e sospendiamo il giudizio..per un attimo...siamo quella persona...e avviene un miracolo: la comprendiamo. Profondamente..con le sue contraddizioni..le sue lacerazioni..ma anche con quella forza è insita in ogni essere mano.

Nello specifico del tema: Dasio, fatico a seguirti...non credo che un tema tanto "soggettivo" possa portarci ad un'unica risposta..
Ma..e lo dico sempre...e lo dirò finchè avrò respiro..possiamo confrontarci sulle personali esperienze...Quelle forse parlano di noi più dei concetti che tentiamo tutti (io in primis) maldestramente di esprimere.
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
dasio78
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 22/06/06 22:05
Messaggi: 6281

MessaggioInviato: 16 Set 2008 19:53    Oggetto: Rispondi citando

Ho capito che c'è di peggio che tradire.
Ovvero far finta di niente.
Accettare di non amare, rispettare, stimare più una persona, e nonostante tutto restare con lei per abitudine.
Se è brutto essere traditi, pensate stare con una persona che vi prende per il c**o, e che non ha le palle di lasciarvi liberi di fare le vostre scelte...
C'è di peggio del tradimento...
Top
Profilo Invia messaggio privato
Proserpina
Moderatore Sessualità
Moderatore Sessualità


Registrato: 08/10/07 14:22
Messaggi: 4599
Residenza: Sono solo nella tua mente (by Odos)

MessaggioInviato: 16 Set 2008 20:46    Oggetto: Rispondi citando

dasio78 ha scritto:
Ho capito che c'è di peggio che tradire.
Ovvero far finta di niente.
Accettare di non amare, rispettare, stimare più una persona, e nonostante tutto restare con lei per abitudine.
Se è brutto essere traditi, pensate stare con una persona che vi prende per il c**o, e che non ha le palle di lasciarvi liberi di fare le vostre scelte...
C'è di peggio del tradimento...


Hai ragione Dasio..ma come puoi essere sicuro che sia davvero così? Che il movente sia solo l'abitudine?...In ogni relazione ciò che lega è conosciuto solo dai diretti interessati..e a volte nemmeno da loro...

Un abbraccio affettuoso e materno Squeeze
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
dasio78
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 22/06/06 22:05
Messaggi: 6281

MessaggioInviato: 18 Set 2008 11:12    Oggetto: Rispondi citando

Proserpina ha scritto:
dasio78 ha scritto:
Ho capito che c'è di peggio che tradire.
Ovvero far finta di niente.
Accettare di non amare, rispettare, stimare più una persona, e nonostante tutto restare con lei per abitudine.
Se è brutto essere traditi, pensate stare con una persona che vi prende per il c**o, e che non ha le palle di lasciarvi liberi di fare le vostre scelte...
C'è di peggio del tradimento...


Hai ragione Dasio..ma come puoi essere sicuro che sia davvero così? Che il movente sia solo l'abitudine?...In ogni relazione ciò che lega è conosciuto solo dai diretti interessati..e a volte nemmeno da loro...

Un abbraccio affettuoso e materno Squeeze


qualsiasi cosa li leghi, se c'è stato un tradimento ripetuto e reiterato evidentemente mancano rispetto e fiducia... e se manca questo, manca tutto.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Silent Runner
Supervisor sezione Chiacchiere a 360°
Supervisor sezione Chiacchiere a 360°


Registrato: 16/05/05 09:17
Messaggi: 20564
Residenza: Pianeta Terra

MessaggioInviato: 26 Set 2008 11:27    Oggetto: Rispondi

dasio78 ha scritto:
Ho capito che c'è di peggio che tradire.
Ovvero far finta di niente.
Accettare di non amare, rispettare, stimare più una persona, e nonostante tutto restare con lei per abitudine.
Se è brutto essere traditi, pensate stare con una persona che vi prende per il c**o, e che non ha le palle di lasciarvi liberi di fare le vostre scelte...
C'è di peggio del tradimento...

Ma che brutto approccio caro Dasio...

Sì, il cosiddetto tradimento è una sciagura che si abbatte sempre sulle persone sbagliate, sempre indifese di fronte all'altro. Ma se siamo così indifesi è segno che non siamo veramente pronti per una relazione vera e tutto quello che sappiamo fare è dare la colpa al traditore.
Restare con l'altro per abitudine è una cosa estremamente comoda, per persone pigre o timorose di rimanere da sole, se si escludono i casi "patologici" dove personalità compulsive tendono a scegliere partner sbagliati per ragioni che qui non sto ad elencare per motivi di spazio.
Il risultato è deludente e può essere davvero una brutta sorpresa per il povero partner coinvolto nella manipolazione.

Fatto sta che tutte le relazioni umane comportano una qualche manipolazione,
talvolta benigna altre volte crudele o malvagia.
L'indifferenza dell'altro ci può ferire ma ferisce soprattutto il nostro amor proprio e questo è un problema nostro. L'amor proprio dovrebbe rivolgersi ad altre cose evitando le ferite narcisistiche che sembrano proprio esser fatte per poter dire: "ecco, capitano tutte a me" oppure Lo sapevo che non era la persona giusta" o anche "Che ho fatto per meritarmelo?"
In effetti non esiste la "persona giusta", tutte le relazioni umane si fondano sulla reciproca soddisfazione e conforto. Esistono poi regole elementari che tutti seguiamo, costruendoci una facciata iniziale e seduttiva che poi col tempo si dissolve. Tutte le relazioni umane sono solidaristiche ed "egoistiche" al contempo. il sottile equilibrio può rompersi in ogni momento ma non possiamo gettare la croce sull'altro come se la colpa sia solo sua, salvo che la coppia non si sia fondata su di un progetto preciso di sfruttamento dell'altro e delle sue risorse.

La maggior parte delle unioni umane è di tipo sessuale. La sessualità non è solo una componente fondamentale senza la quale l'umanità si sarebbe estinta. La sessualità è un motore emotivo di enorme potenza, integrata com'è nell'affettività è in grado di sopperire a molte delle carenze e imperfezioni che la coppia presenta agli inizi della sua formazione.
La prima fu dunque la sessualità. Noi abbiamo poi aggiunto l'affettività e la collaborazione, il mutuo soccorso e l'alleanza. Ma la sessualità resta la base fondante della coppia. Anche in caso di coppie omosessuali la sessualità è il fondamento, l'origine della scelta. Poi viene prepotente l'affettività che, golosa e vorace, chiede all'altro di soddisfare tutti i nostri bisogni più profondi. L'interruzione di questa alleanza sconvolge il campo e le forze in gioco si dissipano.

La cosa curiosa è che la nostra autodistruttività esplode facendosi precipitare in un equivoco disastroso. Interpretiamo questa frattura, questa rottura della simmetria come un fallimento personalissimo e solo nostro, come un disvalore che ci viene rivelato dall'altro.
Ci sentiamo traditi come se l'altro avesse scoperto i nostri altarini mostrandoci nudi con la nostra fragilità e i nostri teneri o inconfessati bisogni d'affetto e di accoglimento.
E' davvero una brutta cosa da digerire.
E qui si torna all'assunto che ho espresso all'inizio. Se non siamo pronti ad avere una relazione dobbiamo accettare di cadere dalla bicicletta senza dare poi la colpa alla bicicletta o alla strada. Semplicemente si rimonta sulla bici e si riparte. Lo so che non è così semplice ma l'unico modo per riuscire a emergere dalla merda nella quale ci sentiamo e proprio questo. Rimontare in sella, cercando però di tenere bene a mente non tanto i presunti errori quanto le motivazioni che ci hanno spinto a scegliere quel tipo di partner.

Il problema siamo noi in cerca di partner sbagliati. Le ragioni per le quali scegliamo il tipo di partner sbagliato sono innumerabili ma non poi così difficili da scoprire.
E il fatto che il partner sia sbagliato non vuol dire che sia una persona più sbagliata di noi. Il partner non è un PC programmabile come pare a noi, il partner è una persona che cerca come noi di trovare alleanze sentimentali, ha il suo carico di problemi e difficoltà e fa quel che può, nel bene o nel male. Gli stronzi e le stronze sono persone infelici che cercano di trovare sollievo dalla loro sofferenza "succhiando" energie psichiche agli altri (vedi Mobbing e bullismo), si nutrono del nostro avvilirci per le loro angherie. Chi invece tradisce lo fa per ragioni diverse da quelle che potrebbero spingere noi a fare lo stesso. Per questo spesso non li comprendiamo.
Teniamolo a mente mentre li guardiamo andare via o mentre ci allontaniamo da loro. Poi guardiamo avanti. Il futuro è solo un po' più in là.
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Al Caffe' Corretto Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a Precedente  1, 2
Pagina 2 di 2

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi