Indice del forum Olimpo Informatico
I Forum di Zeus News
Leggi la newsletter gratuita - Attiva il Menu compatto
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

    Newsletter RSS Facebook Twitter Contatti Ricerca
Due omicidi al prezzo di uno: questione Jennifer
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Al Caffe' Corretto
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
ili07
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 29/05/07 22:58
Messaggi: 3912

MessaggioInviato: 22 Lug 2008 00:35    Oggetto: Due omicidi al prezzo di uno: questione Jennifer Rispondi citando

avevamo una discussione sulla pillola del giorno dopo...ma se ne avevamo una specifica sull'aborto non ricordo...

ma comunque il quesito che voglio porre qui è un po' particolare...e si fonda su una riflessione paradossale!!

premessa:stasera ho visto di sfuggita una trasmissione...trattava di delitti passionali...
e mentre raccontavano della storia di Jennifer, la ragazza sepolta viva dal proprio amante con il bambino in grembo pronto a nascere (qui la sentenza di primo grado per l'assassino Lucio Niero, amante di Jennifer).....mi è venuto un pensiero...

ricordate? sta cosa, come al solito Rolling Eyes, divise l'opinione pubblica perchè la mamma di Jennifer, dopo l'autopsia e quindi il prelevamento del bimbo di 9 mesi dalla pancia di Jennifer, lo vestì e lo fotografò per far vedere che quello non era un embrione ma una persona fatta!!

ecco...ripartendo da quella foto...

è assurdo come, oltre alla Chiesa, persino lo Stato mantenga leggi pro uomini e contro le donne di una illogicità pazzesca.......

io donna, che abortisco un embrione di pochi giorni (o addirittura nemmeno quello con la pillola del giorno dopo), sono considerata eticamente una assassina...
se poi abortisco superati i 90 giorni sono penalmente perseguibile!!!!

ricordo infatti che

Citazione:
La legge 194 prevede che l'interruzione volontaria di gravidanza dopo i 90 giorni possa essere praticata se c'è un grave pericolo per la vita della donna oppure se sono stati accertati processi patologici "tra cui quelli relativi a rilevanti anomalie o malformazioni del nascituro, che determinino un grave pericolo per la salute fisica o psichica della donna". In presenza di vita autonoma del feto la discriminante dunque non è la ?salute fisica o psichica della donna?, ma la sua stessa ?vita?


e non solo!!! addirittura

Citazione:
Articolo 17

Chiunque cagiona ad una donna per colpa l'interruzione della gravidanza è punito con la reclusione da tre mesi a due anni.

Chiunque cagiona ad una donna per colpa un parto prematuro è punito con la pena prevista dal comma precedente, diminuita fino alla metà.

Nei casi previsti dai commi precedenti, se il fatto è commesso con la violazione delle norme poste a tutela del lavoro la pena è aumentata.


Articolo 18

Chiunque cagiona l'interruzione della gravidanza senza il consenso della donna è punito con la reclusione da quattro a otto anni. Si considera come non prestato il consenso estorto con violenza o minaccia ovvero carpito con l'inganno. La stessa pena si applica a chiunque provochi l'interruzione della gravidanza con azioni dirette a provocare lesioni alla donna.

Detta pena è diminuita fino alla metà se da tali lesioni deriva l'acceleramento del parto.

Se dai fatti previsti dal primo e dal secondo comma deriva la morte della donna si applica la reclusione da otto a sedici anni; se ne deriva una lesione personale gravissima si applica la reclusione da sei a dodici anni; se la lesione personale è grave questa ultima pena è diminuita.

Le pene stabilite dai commi precedenti sono aumentate se la donna è minore degli anni diciotto.


Articolo 19

Chiunque cagiona l'interruzione volontaria della gravidanza senza l'osservanza delle modalità indicate negli articoli 5 o 8, è punito con la reclusione sino a tre anni.

La donna è punita con la multa fino a lire centomila.

Se l'interruzione volontaria della gravidanza avviene senza l'accertamento medico dei casi previsti dalle lettere a) e b) dell'articolo 6 o comunque senza l'osservanza delle modalità previste dall'articolo 7, chi la cagiona è punito con la reclusione da uno a quattro anni.

La donna è punita con la reclusione sino a sei mesi.

Quando l'interruzione volontaria della gravidanza avviene su donna minore degli anni diciotto, o interdetta, fuori dei casi o senza l'osservanza delle modalità previste dagli articoli 12 e 13, chi la cagiona è punito con le pene rispettivamente previste dai commi precedenti aumentate fino alla metà. La donna non è punibile.

Se dai fatti previsti dai commi precedenti deriva la morte della donna, si applica la reclusione da tre a sette anni; se ne deriva una lesione personale gravissima si applica la reclusione da due a cinque anni; se la lesione personale è grave questa ultima pena è diminuita.

Le pene stabilite dal comma precedente sono aumentate se la morte o la lesione della donna derivano dai fatti previsti dal quinto comma.


Articolo 20

Le pene previste dagli articoli 18 e 19 per chi procura l'interruzione della gravidanza sono aumentate quando il reato è commesso da chi ha sollevato obiezione di coscienza ai sensi dell'articolo 9.


Articolo 21

Chiunque, fuori dei casi previsti dall'articolo 326 del codice penale, essendone venuto a conoscenza per ragioni di professione o di ufficio, rivela l'identità - o comunque divulga notizie idonee a rivelarla - di chi ha fatto ricorso alle procedure o agli interventi previsti dalla presente legge, è punito a norma dell'articolo 622 del codice penale.

http://www.giustizia.it/cassazione/leggi/l194_78.html


ecco..donne e medici punibili...anche con anni di reclusione...punibili per un feto!!

l'uomo amante che ammazza la donna per sopprimere il bambino di 9 mesi no!!!o meglio.....non è punibile per omicidio di entrambi ma solo per quello della donna Shocked Shocked Shocked Shocked Shocked Shocked

insomma: l'uomo che ammazza la donna incinta è perseguibile per il solo omicidio della donna perchè il bambino fino a che non è staccato dal ventre materno (anche se mancano pochi giorni al parto) non gode di personalità giuridica quindi...NON è NIENTE!!!!!!!!

risultato? l'infanticidio è praticabile solo su un bambino NATO o che sta nascendo (feticidio)!!!!
non sul bambino all'interno della pancia anche se fatto in pieno...

ergo...ne ammazzi due però per la legge penale italiana l'omicidio è unico...e a volte non viene nemmeno ritenuta una aggravante

ma la cosa assurda, è che se il concetto potrebbe starci come attenuante se la donna è incinta di poche settimane (e l'uomo non lo sa!!!), in questo caso Jennifer è stata ammazzata, seppellita viva, proprio perchè quel maiale (perdonatemi ma chiamarlo uomo mi pare troppo), voleva estirpare la vita di quel figlio che lo avrebbe messo in difficoltà con la moglie legale...

in quel momento Jennifer per lui non era neanche una persona, ma solo il contenitore del "tumore" di cui lui si voleva liberare...
e nonostante tutto il tribunale che lo ha condanato non ha ritenuto sussistere nè un aggravante, nè tantomeno l'infanticidio perchè quel bambino non è giuridicamente considerato una persona!!!!!!!!!

e qui siamo al paradosso:

mentre in un caso così

Citazione:
L'art 578 del codice penale sull' infanticidio in condizioni di abbandono materiale e morale stabilisce: " La madre che cagiona la morte del proprio neonato immediatamente dopo il parto, o del feto durante il parto, quando il fatto è determinato da condizioni di abbandono materiale e morale connesse al parto, è punita con la reclusione da quattro a dodici anni.

A coloro che concorrono nel fatto di cui al primo comma si applica la reclusione non inferiore ad anni ventuno. Tuttavia, se essi hanno agito al solo scopo di favorire la madre, la pena può essere diminuita da un terzo a due terzi.


la donna è colpevole di feticidio (durante il parto) o infanticidio (subito dopo, e anche per un semplice fatto omissivo..cioè l'abbandono)

l'uomo che ammazza la donna gravida no!anche se questo accade poche ore prima che il bambino iniziasse a scalciare per uscire!!!! Evil or Very Mad
e dopo averci cacciato un po' di definizioni medico legali...


Citazione:
Per neonato s?intende il nato di recente, vivo, vitale o non vitale, che abbia raggiunto un sufficiente grado di sviluppo. La legge penale non fa differenza tra prodotti gravidici vitali o non vitali, ma in pratica l?infanticidio riguarda prodotti partoriti spontaneamente dopo il 6°
mese di vita intrauterina. Si considera neonato l?essere umano completamente espulso, anche se ancora unito alla madre dal cordone ombelicale. La nascita consiste nella separazione completa del prodotto di concepimento del corpo materno, avvenuta mediante l?espulsione naturale o l?estrazione artificiale. - La nascita è un
evento fisico legato ai fattori meccanici e dinamici del parto, che tale si considera indipendentemente dal fatto che il neonato sia partorito vivo o morto. Nascere vivo è presupposto del delitto d?infanticidio e, condizione necessaria per l?acquisto della capacità giuridica; tale condizione non occorre invece ai fini dello stato civile, che registra anche i nati morti, dei quali è fatto obbligo di dichiarare la nascita.
La vitalità è un requisito che la legge non esige per l?esistenza del
delitto d?infanticidio.
La vitalità (vitae habilitas) è l?attitudine del nato al proseguimento della vita autonoma, ossia la capacità di continuare da solo a vivere dopo che è stata interrotta ogni sua connessione con l?organismo materno. Questa attitudine è acquisita dal prodotto del concepimento quand?esso ha raggiunto uno sviluppo somatico e strutturale da consentire la
continuazione della vita indipendente. La mancanza di vitalità è determinata da:
a) cause cronologiche, quando il feto ha una immaturità complessiva non avendo superato
la 28^ settimana di gestazione;
b) cause teratologiche, che risiedono in malformazioni o in arresti di sviluppo di uno o più
organi essenziali per la prosecuzione
della vita extrauterina;
c) cause patologiche, rappresentate da malattie congenite del neonato.
Fermo restando che è infanticidio anche la soppressione di un neonato non vitale (equiparabile alla uccisione di un moribondo) tuttavia non si possono trascurare le indagini sulla vitalità poiché, dovendosi accertare la causa di morte del neonato, tale causa potrebbe
risiedere nella mancanza di vitalità; inoltre di questa mancanza terrà conto il giudice nell?irrogazione della pena, non essendovi dubbio che l?uccisione di un neonato non vitale attenua la gravità del reato sotto l?aspetto del minore danno sociale. La maturità fetale o vitalità cronologica, si desume dal grado di sviluppo corporeo
raggiunto dal prodotto del concepimento (lunghezza, peso, nuclei di ossificazione dell?epifisi inferiore del femore [n. di Béclard], sviluppo degli organi interni).

http://www.medicinalegaledicostanzo.it/doc/lezioni/7-infanticidio.pdf



mi chiedo: e invece di riformare i processi Mills, colmare sta lacuna indegna????????????????????????????
Top
Profilo Invia messaggio privato
Silent Runner
Supervisor sezione Chiacchiere a 360°
Supervisor sezione Chiacchiere a 360°


Registrato: 16/05/05 09:17
Messaggi: 20570
Residenza: Pianeta Terra

MessaggioInviato: 27 Lug 2008 19:32    Oggetto: Rispondi citando

l'Atteggiamento della politica attuale (e della nomenclatura religiosa) nei confronti dei veri problemi del paese e più in generale della gente sfiora l'osceno.
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
ili07
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 29/05/07 22:58
Messaggi: 3912

MessaggioInviato: 28 Lug 2008 12:49    Oggetto: Rispondi citando

Silent Runner ha scritto:
l'Atteggiamento della politica attuale (e della nomenclatura religiosa) nei confronti dei veri problemi del paese e più in generale della gente sfiora l'osceno.


no no...è realistica.....nel senso che una vita umana non ha alcun valore se non per servirsene per tenere la marmaglia di gente sottomessa...

notato come ci si attacca a difendere stremamente l'embrione di due cellule e mezzo e il morto vegetale bavoso nel letto e poi se ti ammazza uno che passava di lì e a cui non piaceva il tuo maglione rosso, nessuno fa una piega????
Top
Profilo Invia messaggio privato
Silent Runner
Supervisor sezione Chiacchiere a 360°
Supervisor sezione Chiacchiere a 360°


Registrato: 16/05/05 09:17
Messaggi: 20570
Residenza: Pianeta Terra

MessaggioInviato: 28 Lug 2008 14:40    Oggetto: Rispondi citando

Ma infatti! Sono le stesse cose che dico da anni e come me anche tu e moltissimi altri ripetiamo incessantemente.
Pare però di vivere in una realtà parallela dove la maggior parte della gente vuole questo o se ne disinteressa con effetti identici.
Ricordo l'avvento delle leggi razziali in Italia e come queste non incontrarono praticamente resistenza.
La popolazione se ne disinteressò e con questo, cittadini italiani vennero discriminati e costretti a fuggire o perseguitati, imprigionati e mandati a morte per pretestuose e stupidissime ragioni etniche.

Il principio è lo stesso: qualcuno per ragioni irrilevanti decide una cosa e la impone a tutti quanti. La salvezza del feto. Il resto non conta. Morire vecchi e poveri? Chissenefrega, tanto bisogna morire comunque no? In Italia muoiono migliaia di persone all'anno per incidenti stradali e nessuno se ne cura. Non è immorale tutto questo? Non sono immorali queste morti? E le morti sul lavoro? E gli incidenti domestici che mietono più vittime della droga e degli stessi incidenti stradali di cui sopra?
Non ho sentito altrettanti anatemi da parte delle autoproclamate autorità religiose (nessun fedele le ha elette) o da parte delle altrettanto fallaci e velleitarie autorità politiche.

Questo non è un mondo alla rovescia, è il paese dei balocchi, non è nemmeno un mondo.
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
ili07
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 29/05/07 22:58
Messaggi: 3912

MessaggioInviato: 29 Lug 2008 14:19    Oggetto: Rispondi

imporre un dogma.....ecco come tenere la gente sottomessa...

non importa quale....

non importa se poi non si lega di logica con il resto delle regole...tanto l'uomo non è abituato a ragionare da solo...
e quei pochi che ragionano (Galileo-Galilei) si tacciano di eresia e si isolano...

la massa invece, tra il disinteresse e le droghe, seguirà come un piccolo papero segue la prima cosa che vede quando nasce....

la massa si sveglia solo quando il dramma tocca uno di loro...ma a quel punto quella persona rimane sola mentre gli altri continuano ad andare avanti....

se fossimo persone intelligenti e di coraggio tutto questo schifo sarebbe già finito perchè ce ne fregheremmo dei dogmi...
Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Al Caffe' Corretto Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi