Indice del forum Olimpo Informatico
I Forum di Zeus News
Leggi la newsletter gratuita - Attiva il Menu compatto
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

    Newsletter RSS Facebook Twitter Contatti Ricerca
di vulnerabilità in vulnerabilità...
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Windows XP e Reperti Archeologici
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
kingofworms
Moderatore Internet e Telefonia
Moderatore Internet e Telefonia


Registrato: 12/09/03 23:01
Messaggi: 1644

MessaggioInviato: 28 Apr 2004 00:16    Oggetto: di vulnerabilità in vulnerabilità... Rispondi citando

Nessuna pace per le reti: a Windows non vanno i nomi troppo lunghi (ma lunghi davvero).

Vero che con l'inganno si può essere indotti a tutto e di gente malevola è pieno il mondo, però questo commento nel loro forum mi è piaciuto:
Quote:
Un nome di condivisione di oltre 300 byte? più che patchare il sistema patcherei il tipo che dà un nome così lungo
;)

---

Coltivate Linux. Windows si pianta da solo...

Top
Profilo Invia messaggio privato
Gateo
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 17/11/03 18:16
Messaggi: 12379

MessaggioInviato: 29 Apr 2004 10:54    Oggetto: patchare gli utonti? magari... Rispondi citando

Mai capitato di fare un backup di dati altrui su cd e di essere insultato dal Nero?

Io ormai mi sono arreso, zippo struttura directory e files e

se l'utonto ha bisogno del bacup che si diverta a dezipparsi un bel file da 650 MB...

Top
Profilo Invia messaggio privato
danieladaniela
Dio minore
Dio minore


Registrato: 26/11/03 08:42
Messaggi: 615

MessaggioInviato: 03 Mag 2004 22:25    Oggetto: diciamola tutta Rispondi

C'era una volta 8+3, lo aveva introdotto credo il dcl, e chi ha messo su i vari dos (ovvero sub-unixes) ha pensato bene di seguire questa strada. Poi sono passati gli anni. Alzi la mano chi non ha almeno un file "Fabrizio de Andre' - Il Pescatore - versione originale - con PFM .mp3.gz" o qualcosa del genere.



Di chi e' la colpa? Degli utonti che non si sprecano a faticare, e di chi ha scritto tutti sti OS. Sarebbe bastato che - magari negli anni in cui il dos (e il dcl!!!) era assai diffuso - qualcuno dicesse: signori, creiamo uno standard. Allochiamo per i files i seguenti campi: filename (8) estensione (3) numero di versione (3) descrizione (128 o qualcosa del genere) Nella descrizione vanno a finire i nomefile con piu' di un punto, quelli lunghi, quelli con degli spazi, quelli con i dollari, eccetera. Di default il filename e' troncatura del nomefile epurato dei caratteri speciali. Se si tenta di creare un file con filename identico a uno che gia' esiste, l'os ti dice, attento non farlo: scegli un altro, o te ne genero uno io random; oppure fallo ma a tuo rischio e pericolo!!! se cambi os, puoi sovrascrivere o incasinare. Dopodiche' se l'os supporta tutto, tanto meglio. Se no, l'8+3 e' uno standard di base. Per esempio il file unix lamiatesidilaurea.tar.gz se avesse le tags, filename tesi3 , estensione gz , numero di versione nessuno se siamo su linux, descrizione lamiatesidilaurea.tar.gz , a me sembra che si vivrebbe meglio... o forse sono troppo vecchia e ho pretese irragionevoli e balorde.

Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Windows XP e Reperti Archeologici Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi