Indice del forum Olimpo Informatico
I Forum di Zeus News
Leggi la newsletter gratuita - Attiva il Menu compatto
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

    Newsletter RSS Facebook Twitter Contatti Ricerca
Condivisione file e consumatori hacker: come finirà?
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Peer to peer
Precedente :: Successivo  

Per via delle leggi sulla condivisione di file e delle nuove forme di protezione anti-copia introdotte sui suporti digitali i consumatori si trovano sempre più in difficolta nella fruizione del materiale a cui sono interessati. Come andrà a finire?
I consumatori si rassegneranno a rispettare le leggi, per quanto assurde siano
6%
 6%  [ 3 ]
Le leggi diventeranno più tolleranti e le case saranno più rispettose dei diritti dei consumatori
12%
 12%  [ 6 ]
Assisteremo a uno scontro con arresti, processi penali e sfide all'ultimo crack tra chi applica il DRM e gli hacker
30%
 30%  [ 15 ]
Niente di tutto questo, le leggi resteranno ma non verranno applicate
51%
 51%  [ 25 ]
Voti Totali : 49

Autore Messaggio
ZapoTeX
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 04/06/04 16:18
Messaggi: 2613
Residenza: Universo conosciuto

MessaggioInviato: 19 Nov 2005 15:54    Oggetto: Condivisione file e consumatori hacker: come finirà? Rispondi citando

Sondaggio Peer to Peer. Articoli:

La DRM secondo Macrovision
In un rapporto, uno degli artefici della Digital Rights Management ammette il vero obiettivo: spillare soldi all'utente normale.

Sony installa rootkit spacciandoli per DRM
Individuato un malware in alcuni Cd musicali in grado di infettare Windows. AGGIORNAMENTO - Scoperto il primo Trojan che utilizza il Sony DRM.

Governo battuto, ma il decreto Urbani passa
Il decreto Urbani, dopo una battuta d'arresto questa mattina, è stato approvato dalla Camera e ora la discussione passa al Senato. Niente più provider sceriffi, ma le sanzioni per gli utenti restano.

Boicottare la gogna di Urbani
Il Decreto Urbani prevede la pubblicazione del nome del reo sui giornali. Perché non chiedere ai direttori dei giornali di non accettare questa criminalizzazione?

I ragazzi di Urbani
Chi scarica musica e film dalla rete, utilizzando sofisticate tecniche di condivisione dei files, non è un romantico pirata del terzo millennio, ma un inconsapevole servo delle major.
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
GrayWolf
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 03/07/05 16:24
Messaggi: 2325
Residenza: ... come frontiera i confini del mondo...

MessaggioInviato: 19 Nov 2005 18:42    Oggetto: Rispondi citando

Ho votato il terzo punto perchè sono convinto che chi applica i crack
si senta un paladino.

In questo momento storico, privo di qualsiasi figura eroica e denso di tecnologia,
la posizione di chi sprotegge è quella di sentirsi dei novelli Robin Hood.

Da non sottovalutare è l'aspetto economico, chi non rientra nella categoria succitata
può darsi lo faccia meramente per denaro.

Nel complesso mi sembra che la guerra ci sarà, qualche arresto forse,
poi tutto rientrerà in una sorta di normalità: si cercheranno nuovi sistemi di protezione
e ci sarà qualcuno pronto a superarli e renderli inutili.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Massenzio
Eroe in grazia degli dei
Eroe in grazia degli dei


Registrato: 08/06/05 14:04
Messaggi: 189
Residenza: Umida

MessaggioInviato: 19 Nov 2005 22:18    Oggetto: Rispondi citando

Sono in grave imbarazzo a scegliere una risposta, in tutta sincerità. Due anni fa (pre)dissi che l'obiettivo era quello di insegnare alla gente a scaricare di tutto, abituarci a fare a meno del supporto fisico (cd, dvd, vhs et similia..) ed a comperare tutto via web.
Un po' come succede per i quotidiani in rete: anni fa si poteva leggere tutto il quotidiano gratuitamente, poi si è arrivati al momento attuale, dove la stessa lettura puo' avvenire solo dietro sottoscrizione di un abbonamento a pagamento.
Idem per il software: temo che dopo aver fatto fare il callo all'utente, accadrà poi di cercarne il portafogli per assicurargli lo stesso servizio.
Un po' come negli ambienti dello spaccio di droga: le prime dosi sono regalate o svendute per alimentare poi il parco clienti.
Ovvio, ci sarà, contestualmente, lo sviluppo delle attività di hackeraggio e crackeraggio: più forte ed intenso, quanto maggiori saranno i prezzi del materiale da scaricare.
Anche perchè nessuno mi convincerebbe che un Windows ufficiale a 50 euro sarebbe ancora vittima prediletta dalla pirateria....
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
orodonno
Mortale devoto
Mortale devoto


Registrato: 04/04/05 06:46
Messaggi: 18
Residenza: Bari

MessaggioInviato: 20 Nov 2005 00:16    Oggetto: La legge della domanda e dell'offerta Rispondi citando

Il mercato si regge sull'equilibrio della domanda e dell'offerta.
Purtroppo, da sempre, è un tiro alla fune: il venditore vuole troppo e il compratore non vuole e, spesso, non può pagare; e, da qui, la trattativa, senza esclusione di colpi.
Dalla parte di chi ha, tutte le metodologie per non farsi derubare e le tecniche di dissuasione, anche aggressiva, contro il malintenzionato.
Chi non ha deve fasi furbo e inventarne una più del diavolo, pena la sopravvivenza.
Ora sarebbe il momento di sprecare un po' di paroloni su un modello di mondo ideale ma, invece, mi ricordo una massima che dice:
"Accade solo ciò che è inevitabile che avvenga".
I positivisti dicono "è giusto"al posto di "è inevitabile", ma la sostanza non cambia.
Saluti.
Top
Profilo Invia messaggio privato
madvero
Amministratore
Amministratore


Registrato: 05/07/05 20:42
Messaggi: 19222
Residenza: Ero il maestro Zen. Scrivevo piccole poesie Haiku. Le mandavo a tutti via e-mail.

MessaggioInviato: 21 Nov 2005 16:40    Oggetto: Rispondi citando

Citazione:
Quando un determinato comportamento non è considerato illegale dalla stragrande maggioranza dei cittadini, é la legge che va cambiata, non le abitudini del popolo che (teoricamente) dovrebbe essere sovrano.

continuo a non capire perchè chi registra una canzone dalla radio può dormire sonni tranquilli mentre chi scarica un mp3 è passibile di condanne simili a quelle inflitte ai pedofili. insisto anche sul fatto che è pratica diffusa ed incoraggiata quella di videoregistrare i film che danno in televisione per poi guardarli in un secondo momento.
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
ioSOLOio
Amministratore
Amministratore


Registrato: 12/09/03 18:01
Messaggi: 16342
Residenza: in un sacco di...acqua

MessaggioInviato: 21 Nov 2005 17:53    Oggetto: Rispondi citando

madvero ha scritto:

continuo a non capire perchè chi registra una canzone dalla radio può dormire sonni tranquilli mentre chi scarica un mp3 è passibile di condanne simili a quelle inflitte ai pedofili. insisto anche sul fatto che è pratica diffusa ed incoraggiata quella di videoregistrare i film che danno in televisione per poi guardarli in un secondo momento.


perchè oltre alla modesta qualità [nel caso della registrazione dalla radio] conta molto la difficoltà di diffusione...
se ti registri un film in tv [non solo per vederlo e poi cancellarlo..cosa che per il vhs credo occupi una bella fetta percentuale] anche per conservarlo...avrai magari una copia discreta ma non buona..ma soprattutto non la puoi agevolmente diffondere...ed in più ti è costata abbastanza tempo [le due ore di registrazione]

col p2p si scambia e si ottiene ciò che si desidera velocemente [adsl sui 130/140 kb/sec..in 120 minuti fai un po' tu i conti], con ampi volumi e spesso con buona qualità (o comunque adeguata al mezzo prescelto per usufruirne)..
Top
Profilo Invia messaggio privato
madvero
Amministratore
Amministratore


Registrato: 05/07/05 20:42
Messaggi: 19222
Residenza: Ero il maestro Zen. Scrivevo piccole poesie Haiku. Le mandavo a tutti via e-mail.

MessaggioInviato: 21 Nov 2005 21:27    Oggetto: Rispondi citando

Citazione:
perchè oltre alla modesta qualità [nel caso della registrazione dalla radio] conta molto la difficoltà di diffusione...
se ti registri un film in tv [non solo per vederlo e poi cancellarlo..cosa che per il vhs credo occupi una bella fetta percentuale] anche per conservarlo...avrai magari una copia discreta ma non buona..ma soprattutto non la puoi agevolmente diffondere...ed in più ti è costata abbastanza tempo [le due ore di registrazione]

in teoria potremmo essere d'accordo, ma all'atto pratico, chi scarica quattro canzoni lo fa per farsi la classica "cassettina" da mettere nell'autoradio; si tratta della stessa persona che anni fa registrava le canzoni dalla radio per lo stesso motivo. quindi, in sostanza, si tratta dello stesso reato, a prescindere dal fatto che la tecnica si è affinata.
le due ore che tu menzioni sono fittizie: nel 2000 non esiste essere vivente che, dotato di un buon videoregistratore, non sappia programmare il video in modo che si accenda e registri per conto suo, scavalcando persino la pubblicità (ok, anch'io ho un'amica cretina che ha registrato un film col video senza pubblicità e l'audio composto solo da spezzoni di spot).
e se il film è piaciuto, si passa la videocasseta a tutti i colleghi...
alla stregua di un dvd in p2p!!!
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
vathek
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 06/09/05 15:09
Messaggi: 1559
Residenza: Roma

MessaggioInviato: 21 Nov 2005 21:45    Oggetto: Rispondi citando

Ho risposto la seconda, perché penso che le major un giorno capiranno che internet può diventare il loro più grande alleato. Tutto sta nel rinunicare a parte dei guadagni provenienti dalle royalties e pensare più alla vendita in grande quantità. Faccio un esempio. Ho la fortuna di avere un amico che abita negli Stati Uniti. La BMG americana vende i cd direttamente al cliente finale su internet, a prezzi ridotti e proponendo ogni tanto interessanti offerte. Su ogni cd spedito c'è un sovraprezzo di circa 3 dollari per la spedizione ed in genere per ogni cd acquistato a prezzo intero (16 dollari circa, da loro!) te ne puoi prendere altri due a $2.99! In media fa circa dai 5 ai 7 dollari per cd per un'ordine che comprende 6-8 cd. Senza contare che ci sono periodi in cui non fanno pagare le spese di spedizione. Inoltre c'è anche un programma fedeltà che permette di accumulare punti ed ottenere cd gratis. E' in questo modo che acquistare musica originale torna ad essere un vero piacere.
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
losvizzero
Comune mortale
Comune mortale


Registrato: 10/11/05 11:56
Messaggi: 2

MessaggioInviato: 22 Nov 2005 13:21    Oggetto: Rispondi citando

Ciao, è il mio primo post!
E' un tema che sento parecchio. Comunque io ho votato la prima. Scelta da pessimista!
Secondo me gli interessi in ballo per le major sono troppo alti, così come la loro capacità di influenzare le leggi. Questo anche perchè quello discografico non è un libero mercato= 1 artista può essere venduto solo da 1 casa discografica = Monopolio! L'attaccarsi con unghie e denti ai clienti mi sa che è diventata una necessità di sopravvivenza. E' di pubblico dominio che a mantenere in piedi i bilanci delle case discografiche (che però vendono anche televisori,... ) sono i così detti "artisti di culto" (Pink Floyd, Perl Jam, ...) e non le star del momento e affini che costano sotto tutti i punti di vista. Avete presente Michael Jackson, è della Sony, solo un caso?
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Emmett Brown
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 28/09/05 00:41
Messaggi: 1295

MessaggioInviato: 23 Nov 2005 00:45    Oggetto: Rispondi citando

Ho votato la 4. Tutto a tarallucci e vino come al solito.

Commento: le major, con la diffusione attuale dell'hardware necessario al p2p e delle connessioni relative, hanno il terreno pronto (e a spese NOSTRE!!) per vendere in rete gli stessi prodotti che ora (non) vende nei negozi, e per venderli con profitti mostruosamente maggiori degli attuali (prezzo inferiore, ma costo MOOOLTO inferiore!!).

In definitiva, dunque, tutti i programmi 'liberamente distribuiti per il p2p' e tutt le questioni relative, compresa la pubblicità dei casi di arresto, hanno fatto e fanno come non mai -a medio termine- il gioco delle major e dei fornitori di connettività e di hardware. Finora, e ancora magari per un pò, ci lasciano giocare con la rete perchè a loro conviene. Non appena valuteranno che la loro convenienza è altro, il gioco finirà, o cambierà e faranno in modo tale che anche noi troveremo qualche convenienza a cambiar gioco o regole di gioco.

La similitudine con la registrazione dalla radio mi pare un tantino tirata, ma affero il senso: la tecnologia avanza. Tuttavia faccio notare che 'condivisione' è un modo di dire suggestivo ed in realtà, tecnicamente, non si condivide nulla bensì si copia e si offre alla copia.
Top
Profilo Invia messaggio privato
iko00
Comune mortale
Comune mortale


Registrato: 24/10/05 08:28
Messaggi: 4

MessaggioInviato: 23 Nov 2005 10:41    Oggetto: La prima opzione è incompleta..... Rispondi citando

Ho votato la prima opzione....ma ritengo che sia un'affermazione incompleta....penso che la gente si dovrà adeguare alle "manovre" delle major musicali....ma la musica non sarà più consumata come ora...
...Penso che un utente P2P medio scarichi 4 album al mese....quindi un totale di circa 80? ( stando al costo medio )...se poi gli aggiungiamo il costo di films in DVD ( o visti al cinema )...quanto ci costerà l'intrattenimento..?

LORO SONO CONVINTI CHE CHI NON PUO' SCARICARE COMPRERA'.....IDIOTI !!! Con quali soldi ?!?....

Risultato :

La gente consumerà solo quello che gli interessa veramente.......es: Io sono un fans dei RadioHead, compro tutti i loro album a "colpo sicuro"...però ogni tanto mi scarico qualcosa dei Placebo o dei Ramones e se m'imbatto in loro album che mi piace me lo compro.....in futuro non potrò più permettermelo... continuerò a comprare i RadioHead ma non potrò approfondire la mia conosceza di altri artisti....
Provate ad immaginare....gli artisti che hanno sempre venduto di più rimarranno a galla....quelli che ora suonano nelle loro cantine sognando il palco di SanSiro ( per dirne uno ! ) non emergeranno mai, non solo, le case discografiche non punteranno mai su nuovi artisti se non avranno la certezza matematica di un pubblico dell' ordine delle centinaia di migliaia...ma se non sono mai usciti dalle cantine ?!?!

E PENSARE CHE SONO ANNI CHE CE LA MENANO CON LA STORIA CHE IL P2P AMMAZZA GLI INVESTIMENTI....IDIOTI !!!

Inoltre, provate a pensare cosa succede quando un gruppo o un artista famoso si ritira dalle scene ( per vari motivi )....torniamo all'esempio di prima ..I Ramones...non tutti li conoscono...perchè ? Perchè non vendono più come vendevano prima...non sono più in attività !!....quindi non tutti sanno che sono fra i progenitori del rock moderno...non tutti sanno che ci sono artisti che oggi vendono milioni di dischi solo perchè vengono "pompati" dalle loro case discografiche, che non esisterebbero se non avessero ascoltato i Ramones quando erano adolescenti.....
Capite cosa intendo....penso che il P2P sia anche un modo per far conoscere la musica com'era........
Perderemo la memoria....le major ci costringeranno ad ascoltare ciò che vorranno loro che tra l'altro fa sempre più schifo....e quando un artista non vende più...anche se a scritto le cose più belle che la mente umana può partorire, via .....! Archiviato ( per chi se lo potrà permettere...visto che forse ci toglieranno anche il diritto alla copia di backup ) ! ....sotto un'altro...magari il nuovo DJ Francesco !!!

CHE IDIOTI !!![/u]
Top
Profilo Invia messaggio privato
iko00
Comune mortale
Comune mortale


Registrato: 24/10/05 08:28
Messaggi: 4

MessaggioInviato: 23 Nov 2005 10:44    Oggetto: Errore di digitazione.... Rispondi citando

Ho dimenticato una H.....perdonatemi.....
Top
Profilo Invia messaggio privato
Erma
Eroe
Eroe


Registrato: 23/11/05 14:33
Messaggi: 58

MessaggioInviato: 23 Nov 2005 15:44    Oggetto: Rispondi citando

Un saluto a tutto il forum, visto che è il mio primo post... Wink

Il "problema" del P2P e dei diritti è molto complesso e, secondo me, non può essere risolto in 4 righe, ma proverò a sintetizzare il mio punto di vista.

Per 2 copie tra amici, non è mai morto nessuno... è una pratica che si perde nella notte dei tempi... o quasi.
Io, personalmente, ho iniziato da ragazzino a metà anni '70 a registrare dalla radio con un vecchio registratore Geloso (su bobine e a valvole... mio nonno materno era appassionato di tecnologia Hi-Fi, ma non mi dava ancora in mano gli ultimi ritrovati... Very Happy ).
Poi si cresce... ci si "ammoderna", e si registra con maggiore qualità...
Di quello che piace di più, si comprano gli LP, e si registrano per l'ascolto quotidiano (gli LP si "consumano"), anche per per l'autoradio o il Walkman... si fanno cassette per gli amici e ci si fa prestare gli LP.
Nessuno è mai fallito per questo.
Naturalmente la tecnologia va avanti, e la qualità di registrazione migliora notevolmente.
In quei anni non mi sarei mai sognato di poter acquisire col PC un disco vecchio, in digitale, di ripulirlo abbastanza decentemente e di masterizzarlo su un CD... e poi ascoltarlo sempre, comodamente e in qualità anche migliore (se si può definire "migliore" il levare i disturbi del vinile... purtroppo tutti i filtri, per quanto buoni, inducono una percentuale di distorsione... e solo questione di scelte personali [e di software usato, anche 8) ]).
Però la tecnologia fa passi da gigante anche in altri campi...
E qua entra in gioco Internet.
Provate a pensare di essere un gruppo di amici o anche semplici conoscenti... avete la passione per la musica... vi ritrovate in una cantina o in un box a suonare... e vi riesce anche bene...
Ai vostri amici piace, e riuscite a suonare da qualche parte di pubblico... e anche a loro piace...
Decidete di fare il vostro primo CD.
Con la tecnologia a disposizione adesso, e relativi prezzi, è possibile farlo anche "in casa", con una qualità tutt'altro che disprezzabile.
Voglio appositamente evitare il discorso "Case discografiche", che ritengo i veri "ladrones" di questo comparto... trovate un'azienda che vi può stampare un discreto numero di CD, per poi metterli in vendita...
Appena ne vendete uno... il "furbone di turno" lo grabba, lo encoda, e lo mette a disposizione in rete...
Il giorno dopo, o quasi, tutto il mondo (o comunque chi ne aveva interesse) ne ha una copia che suona praticamente come l'originale... e con l'aumento della banda, anche proprio identica all'originale...
La vedo scarsa la vendita dei CD, poi...

Non mi sembra molto giusto... a prescindere dalla retorica della "condivisione della cultura"... Confused

Daltronde, una volta che mi compro un CD o un DVD, non esiste che non posso grabbarlo, salvarlo, backupparlo o quant'altro...
Un CD o un DVD che non mi permetta di usarlo in tutti i modi di cui ho neccessità, non andrebbe neanche acquistato...
Ho giusto un paio di CD, originalissimi, che non riesco a leggere con nessun lettore... ed ho provato anche vari software per cercare di recuperarli su HD.
Niente da fare... illeggibili... e non avevo ancora fatto nessuna copia di backup... Crying or Very sad
Poi, i CD originali non escono da casa... neanche in cantina quando lavoro...
Ho un CD portatile che legge gli MP3 (x gli OGG non ho ancora trovato Sad ), e mi sono masterizzato alcuni CD-RW con i CD che ascolto di più.
Se ne rovino uno, ne faccio un'altro... al costo di un'RW e un pò di tempo.
Per i vinili, il tempo neccessario è notevolmente più lungo... ma la comodità di averli in CD, è enorme.

Il punto rimane:
Come conciliare i diritti degli autori con i diritti dei consumatori ?

Bisognerebbe trovare persone ragionevoli da entrambe le parti e decidere un "compromesso ragionevole" per entrambi... cosa che non ho ancora visto...

Di conseguenza... pur essendo contrario alla condivisione di massa, combatterò sempre e comunque qualunque limitazione alla libera fruizione dei contenuti multimediali... e ho votato la 3ª opzione. Non perchè abbia particolari capacità/intenzioni in prima persona, nè perchè sia convinto che andrà sicuramente così, ma come speranza in proiezione futura.
Purtroppo, per molte altre vicende, ho una scarsissima fiducia del "carattere del popolo"... Crying or Very sad
Secondo me, salvo persone con particolari capacità "softwaristiche" (vedi DeCCS, ad esempio), bisognerebbe fare uno sciopero totale e globale sugli acquisti di tutto il materiale che non permette un'uso completo da parte dell'utente/cliente.
Loro vivono sui nostri soldi... è quella la loro preoccupazione... togliamogli proprio quelli !!!
Tutto quello che è protetto in una qualunque maniera, non deve venire più acquistato da nessuno !!!
Leggo un libro, ascolto la radio o guardo la TV (o faccio una passeggiata, piuttosto)... finchè, a rischio di fallimento, non cambieranno le loro filosofie !
Evil or Very Mad Evil or Very Mad Evil or Very Mad Evil or Very Mad

Poi, sull'eventuale "scambio selvaggio", si discute...

Rolling Eyes


P.S.
Scusate lo sfogo... Embarassed
Top
Profilo Invia messaggio privato
ioSOLOio
Amministratore
Amministratore


Registrato: 12/09/03 18:01
Messaggi: 16342
Residenza: in un sacco di...acqua

MessaggioInviato: 23 Nov 2005 16:45    Oggetto: Rispondi citando

madvero ha scritto:

in teoria potremmo essere d'accordo, ma all'atto pratico, chi scarica quattro canzoni lo fa per farsi la classica "cassettina" da mettere nell'autoradio; si tratta della stessa persona che anni fa registrava le canzoni dalla radio per lo stesso motivo. quindi, in sostanza, si tratta dello stesso reato, a prescindere dal fatto che la tecnica si è affinata.
le due ore che tu menzioni sono fittizie: nel 2000 non esiste essere vivente che, dotato di un buon videoregistratore, non sappia programmare il video in modo che si accenda e registri per conto suo, scavalcando persino la pubblicità (ok, anch'io ho un'amica cretina che ha registrato un film col video senza pubblicità e l'audio composto solo da spezzoni di spot).
e se il film è piaciuto, si passa la videocasseta a tutti i colleghi...
alla stregua di un dvd in p2p!!!


le due ore considerale pure del videoregistratore..ma sono comunque due ore che la macchina impegna...con l'analogo tempo di macchina impegnata scarichi un mare di cose..

inoltre...le "quattro" canzonette che il singolo si scarica per farsi la cassettina (o il cd) da sentirsi in auto o dove vuole..sono magari solo "quattro canzonette" per lui...ma quel "lui" è moltiplicato per le decine di migliaia di persone che contemporaneamente a lui stanno facendo lo stesso, con enorme facilità....
(è esemplificativo al massimo il caso -sempre più frequente- di qualcuno che mette on line foto, filmati che in brevissimo tempo risultano scaricati da un mare di persone che in altri tempi non avrebbero probabilmente nemmeno saputo della loro esistenza..)

fintanto che la copia (di una musicassetta, di un film, di una registrazione dalla tv) era scomoda, poco qualitativa e soprattutto di difficile diffusione su larga scala è ovvio che non c'era interesse a perseguire il fenomeno "copia"..il gioco non valeva la candela come si suol dire
Top
Profilo Invia messaggio privato
anyfile
Semidio
Semidio


Registrato: 27/08/05 16:20
Messaggi: 345

MessaggioInviato: 23 Nov 2005 19:24    Oggetto: Rispondi citando

L'opzione che vorrei sceglere non c'e'

verra' inventata un'altra tecnologia con cui fare qeullo che ora stanno proibendo e si andra' avanti ad utilizzare questa nuova tecnologia finche non verra' proibita, a quel punto se ne creera' un altra, ecc.
Top
Profilo Invia messaggio privato
forbiddenevil
Comune mortale
Comune mortale


Registrato: 25/11/05 09:38
Messaggi: 4

MessaggioInviato: 25 Nov 2005 09:43    Oggetto: Rispondi citando

Non è facile rispondere alla domanda. Però consideriamo che l'amministrazione della giustizia non è ugualmente efficiente in tutti gli Stati, e non dimentichiamo che siamo in Italia.
Quello che all'estero è assurdo qui costituisce la normalità.
Volevo chiedere se qualcuno mi può linkare il testo vigente della legge Urbani-Stanca-echissà chi altro.
Top
Profilo Invia messaggio privato
vathek
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 06/09/05 15:09
Messaggi: 1559
Residenza: Roma

MessaggioInviato: 25 Nov 2005 11:29    Oggetto: Rispondi citando

Intendi questo?
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
forbiddenevil
Comune mortale
Comune mortale


Registrato: 25/11/05 09:38
Messaggi: 4

MessaggioInviato: 25 Nov 2005 11:32    Oggetto: Rispondi citando

A me serve la versione attualmente vigente, sapevo che era stata modificata in qualche modo. Voi che dite ?
Top
Profilo Invia messaggio privato
vathek
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 06/09/05 15:09
Messaggi: 1559
Residenza: Roma

MessaggioInviato: 25 Nov 2005 12:15    Oggetto: Rispondi citando

Penso che sia proprio quello che ti ho già indicato. Anche sul sito del Senato viene riportato lo stesso testo che è stato approvato dalla Camera il 22 Aprile 2004. Mentre qui trovi dei link che fanno riferimento al decreto legge 22 Marzo 2004, n.72 divenuto poi il testo di legge di cui sopra.
Se trovate disposizioni successive, vi prego di aggiungerle al fine di dare un'informazione il più corretta possibile.
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
forbiddenevil
Comune mortale
Comune mortale


Registrato: 25/11/05 09:38
Messaggi: 4

MessaggioInviato: 25 Nov 2005 12:36    Oggetto: Rispondi

Va bene ti ringrazio per la risposta rapida !
Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Peer to peer Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a 1, 2  Successivo
Pagina 1 di 2

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi