Indice del forum Olimpo Informatico
I Forum di Zeus News
Leggi la newsletter gratuita - Attiva il Menu compatto
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

    Newsletter RSS Facebook Twitter Contatti Ricerca
Il falso scandalo delle dichiarazioni on line
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Privacy
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
guardianodelfaro
Dio minore
Dio minore


Registrato: 20/02/08 06:42
Messaggi: 987
Residenza: Milano, con vista sul mare

MessaggioInviato: 02 Mag 2008 16:35    Oggetto: Rispondi citando

alpiliguri ha scritto:
Non ho capito in quale momento un lavoratore dipendente può evadere

Secondo te chi acquista un immobile dichiara sempre il valore reale?
E quante volte non chiediamo la fattura in cambio di uno sconticino?
Questa per me è evasione e favoreggiamento della altrui evasione

alpiliguri ha scritto:
e come questo si ripercuota nell'ottenimento di un prestito o nella compravendita di un immobile, per favore spiegami il tuo esempio.

Bisognerebbe rivedere certe leggi.
Ad es se uno è protestato ha difficoltà ad ottenere prestiti.
Perché non fare una legge che dica "Ah si? Tu hai fatto il furbo? E io ti metto sulla lista dei furbi che x un tot di anni non potranno chiedere nè mutui né finanziamenti, a nessuno"
alpiliguri ha scritto:
Io ho chiesto un mutuo, da dipendente, la dichiarazione dei redditi è l'ultimo dei loro problemi, ti fanno la fotografia anche ai peli nascosti....
Per vendere o comprare una casa nessuno ti chiede il tuo reddito, e neanche se hai evaso le tasse.

Certo, ora come ora sarebbe assurdo.
Te l'immagini uno che viene a chiederti "Scusi, lei è un evasore? Ma quanto ha dichiarato?"
E' ovvio che nessuna persona sana di mente si sognerebbe di fare domande a cui nessuno risponderebbe.
Io però mi riferivo al rendere pubblici nominativi ed entità delle evasioni accertate, non quelle presunte o addirittura tutte.
Se servisse anche solo a recuperare l'1 per mille degli importi evasi, ben venga, è un contributo in più.
Se uno sbaglia, è giusto che paghi e che gli altri lo sappiano.
Poi, se certa gente viene eletta in Parlamento nonostante tutto, è perché ce li scegliamo noi e quindi è giusto che ce li teniamo.
Siamo tutti d'accordo sul "pagare tutti, pagare meno", però non credo che scatenare un putiferio come hanno fatto sia la soluzione a questo problema.

Occorre trovare soluzioni concrete, non questa buffonata.
Il problema vero è che in certi salotti non c'è la volontà di affrontare seriamente questo tema che, oltre ad essere scottante, è anche scomodo per chi è direttamente coinvolto.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Giobatta
Comune mortale
Comune mortale


Registrato: 02/05/08 17:03
Messaggi: 1
Residenza: Moncalieri (TO)

MessaggioInviato: 02 Mag 2008 17:10    Oggetto: Redditi du Internet o no? Rispondi citando

rendere conoscibili le dichiarazioni dei redditi di ognuno/a è un problema di giustizia - checché ne dica Beppe Grillo.
Alzi la mano il primo che non ha mai pagato in nero un artigiano, una badante o simili.
Top
Profilo Invia messaggio privato
dr.K
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 24/03/05 05:07
Messaggi: 1186
Residenza: di fronte a TRE ragazze olandesi appena arrivate!!!

MessaggioInviato: 02 Mag 2008 18:50    Oggetto: Rispondi citando

Gateo ha scritto:
Mi riferisco all'articolo "i redditi degli italiani Online per aclune ore"

Citazione:
Il reddito imponibile di per sé non appartiene ai dati sensibili che riguardano stato di salute, religione, idee politiche; inoltre già oggi la legge impone l'obbligo di comunicare e rendere pubblico il proprio reddito per deputati, senatori, consiglieri regionali, provinciali, comunali, di quartiere, amministratori di società pubbliche o partecipate dal pubblico.
Questo e' verissimo, vengono pero' riportati anche i dati personali, che, guarda un po', sono anche loro tutelati per legge.
Ed io non ho dato NESSUNA autorizzazione a pubblicarli su siti web a caso.


Hai TROPPO ragione!
Ok per i redditi e le imposte, è una questione di trasparenza e un incentivo a non evadere; ma i dati personali NO!
Da quei dati si può risalire (tramite le esenzioni) al numero dei figli, alle malattie (croniche e non) e ad un sacco di altre cose. Un ottimo aiuto per gli "spammer".

A coloro che ripetono le parole di Beppe Grillo: ma secondo voi la mafia e i rapitori si informano sul sito dell'agenzia delle entrate?
E basista a cosa serve???
Top
Profilo Invia messaggio privato
{Dark}
Ospite





MessaggioInviato: 02 Mag 2008 19:15    Oggetto: State bene? Rispondi citando

Che bello tanto sano populismo in azione... sono contento...

Siete gli unici sul pianeta a pensare che Visco abbia fatto bene...

Che ce ne frega se lo STATO diffonde i miei dati personali (certificati DOC) così, tanto per, in tutto il mondo? Che c'e frega che non mi sia stata mai chiesto se volevo che alcun dati della mia dichiarazione dei redditi andassero a finire in Cina o in Russia.
Che ce frega che si è perso il rapporto di FIDUCIA tra cittadino e stato? Il cittadino deve essere tutelato dallo stato, non messo a rischio...

Lo stato deve effettuare le verifiche su contribuenti... non può chiedere al cittadino di essere controllato e controllore...

La questione non è se andavano pubblicati la questione è COME andavano pubblicati.

E' possibile che un ministro l'ultimo giorno della sua legislatura gli girano le palle e apre a tutti l'accesso alle dichiarazioni deri redditi? senza avvisare il garante della privecy... sai cose tipo:
"Uhe! sto per sputtanare le dichiarazioni dei redditi di tutta la popolazione italiana su internet, secondo te posso".
Stiamo lavorando da anni per avere una rete unificata all'interno della P.A. ed in un giorno, senza preavviso... PUFF!!! I dati degli italiani on line senza dire niente a nessuno...

Il problema degli evasori non si risolve così... comunque... fatti vostri...
Top
{DAZZIS}
Ospite





MessaggioInviato: 02 Mag 2008 20:10    Oggetto: Pagare tutti, in piazza i furbi!!! Rispondi citando

Come farò a denunciare il conoscente che vive da nababbo e paga da pezzente? Conoscere quanto pagano o denunciano per collaborare a colpire i soliti FURBI che impuniti aumentano ai danni di tutta l'ITALIA ed Italiani obbligatoriamente onesti.
Top
Mick Death
Eroe
Eroe


Registrato: 25/09/05 19:20
Messaggi: 64
Residenza: Italia

MessaggioInviato: 02 Mag 2008 21:23    Oggetto: Re: Oooh, finalmente! Rispondi citando

{Stefano} ha scritto:
E se io vado dalla Finanza a dire "c'è il mio vicino che dichiara poco e ha la villa", e poi salta fuori che il vicino è un mafioso, che scopre subito chi lo ha denunciato, e mi provoca qualche spiacevole incidente, tipo lo scontro con alcuni cilindretti di metallo in volo?


Il potere è dunque dato dal terrorismo, sia fisico sia dell'informazione. Però...
Top
Profilo Invia messaggio privato
alpiliguri
Mortale adepto
Mortale adepto


Registrato: 11/07/06 10:53
Messaggi: 33

MessaggioInviato: 02 Mag 2008 22:13    Oggetto: Rispondi citando

guardianodelfaro ha scritto:

Secondo te chi acquista un immobile dichiara sempre il valore reale?


Non hai comprato casa ultimamente, evidentemente: da qualche anno si pagano le tasse sulla compravendita solo sul valore catastale, dichiarare meno non fa risparmiare assolutamente niente ! Porta invece molti svantaggi ad. es. se qualcuno ha un diritto di prelazione.
Quindi si dichiara valore catastale e valore reale senza nessun problema.
guardianodelfaro ha scritto:

E quante volte non chiediamo la fattura in cambio di uno sconticino?
Questa per me è evasione e favoreggiamento della altrui evasione

Calma, non è che tu chiedi di non avere fattura per avere lo sconto, perchè per avere una fattura da un artigiano ci devi litigare, non avere la fattura è ormai la norma.
Perchè questo sistema perverso è fatto apposta per creare un odioso ricatto, niente fattura in cambio di sconto, tanto per il privato la fattura è inutile e così, siccome tutti teniamo famiglia accettiamo il ricatto.
Basterebbe un articolino a cambiare tutto, tutte le fatture, perlomeno dei lavori sulla prima casa, interamente detraibili da tutti indistinamente, et voilà, si crea un circolo virtuoso nel quale tu mi DEVI fare fattura perchè io devo risparmiare, lo stato non ci perderebbe niente, pensa solo a quanta iva e reddito sommerso andrebbe a recuperare.
Ma in parlamento siedono professionisti, non dipendenti.....

guardianodelfaro ha scritto:

Bisognerebbe rivedere certe leggi.
Ad es se uno è protestato ha difficoltà ad ottenere prestiti.
Perché non fare una legge che dica "Ah si? Tu hai fatto il furbo? E io ti metto sulla lista dei furbi che x un tot di anni non potranno chiedere nè mutui né finanziamenti, a nessuno"

Assolutamente d'accordo, ci aggiungerei che se hai evaso la prossima volta che ti presenti al pronto soccorso PRIMA PAGHI ANTICIPATO la prestazione sanitaria, poi ti curo ! Troppo facile vivere sulle spalle degli altri che hanno pagato i servizi per te...
guardianodelfaro ha scritto:

Certo, ora come ora sarebbe assurdo.
Te l'immagini uno che viene a chiederti "Scusi, lei è un evasore? Ma quanto ha dichiarato?"
E' ovvio che nessuna persona sana di mente si sognerebbe di fare domande a cui nessuno risponderebbe.
Io però mi riferivo al rendere pubblici nominativi ed entità delle evasioni accertate, non quelle presunte o addirittura tutte.
Se servisse anche solo a recuperare l'1 per mille degli importi evasi, ben venga, è un contributo in più.
Se uno sbaglia, è giusto che paghi e che gli altri lo sappiano.
Poi, se certa gente viene eletta in Parlamento nonostante tutto, è perché ce li scegliamo noi e quindi è giusto che ce li teniamo.
Siamo tutti d'accordo sul "pagare tutti, pagare meno", però non credo che scatenare un putiferio come hanno fatto sia la soluzione a questo problema.
Occorre trovare soluzioni concrete, non questa buffonata.
Il problema vero è che in certi salotti non c'è la volontà di affrontare seriamente questo tema che, oltre ad essere scottante, è anche scomodo per chi è direttamente coinvolto.

D'accordo con te sulla pubblicazione degli evasori, ma sull'effetto deterrente non ci sperare... io preferisco che siano pubblicate le dichiarazioni come è stato fatto.
Sul fatto che abbiamo il governo che ci meritiamo ancora d'accordo, aggiungo che abbiamo anche l'opposizione che ci meritiamo.... è per questo che da un po' non considero l'italia un paese civile.
Sulla mancanza di volontà, ancora d'accordo, i risultati si vedono....
Top
Profilo Invia messaggio privato
chemicalbit
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 01/04/05 17:59
Messaggi: 18597
Residenza: Milano

MessaggioInviato: 02 Mag 2008 22:51    Oggetto: Quanto guadagnano le modelle? Rispondi citando

Quanto guadagnano le modelle?

"Che c'entra", vi chiedere....

Oggi al telegiornali all'ora di pranzo ho sentito unservizio che parlava di una clasifica di quanto guadagnano le modelle delle sfilate di moda più pagate , con tanto di precise cifre per ognuna.

Nessuno, mi pare, ha gridato allo scandalo.

O forse perché sono già mezze nude (durante il servizio hanno mandato in onda anche immagini di una modella che in passerella stava finendo d'indossare una minigonna ... che evidentemente prima non aveva) i loro redditi possono essere messi a nudo, quelli degli altri no?
Rolling Eyes
Top
Profilo Invia messaggio privato
{frataz}
Ospite





MessaggioInviato: 02 Mag 2008 23:03    Oggetto: denunce redditi Rispondi citando

Io non capisco dov'e' lo scandalo.
Top
{evasori.info}
Ospite





MessaggioInviato: 03 Mag 2008 00:32    Oggetto: evasori.info Rispondi citando

Per coloro interessati ad un'altra iniziativa per combattere l'evasione online segnalo:

http://evasori.info/

E' un sito sociale che permette di mappare le segnalazioni anonime dell'evasione. La privacy e' protetta, neanche l'evasore viene identificato; ma possiamo usare il motore di ricerca e capire meglio quali categorie evadono, quanto, e dove. Facciamo pubblicita' per incoraggiare le segnalazioni, e ribelliamoci contro l'evasione.
Top
guardianodelfaro
Dio minore
Dio minore


Registrato: 20/02/08 06:42
Messaggi: 987
Residenza: Milano, con vista sul mare

MessaggioInviato: 03 Mag 2008 07:52    Oggetto: Rispondi citando

alpiliguri ha scritto:
guardianodelfaro ha scritto:

Secondo te chi acquista un immobile dichiara sempre il valore reale?

Non hai comprato casa ultimamente, evidentemente: da qualche anno si pagano le tasse sulla compravendita solo sul valore catastale, dichiarare meno non fa risparmiare assolutamente niente !

Ho comprato casa proprio ultimamente. Se l'acquisto avviene direttamente da un costruttore il valore catastale non è ancora stabilito, quindi facilmente il costruttore ti fa la sua "proposta indecente"
guardianodelfaro ha scritto:

Basterebbe un articolino a cambiare tutto, tutte le fatture, perlomeno dei lavori sulla prima casa, interamente detraibili da tutti indistinamente, et voilà, si crea un circolo virtuoso nel quale tu mi DEVI fare fattura perchè io devo risparmiare, lo stato non ci perderebbe niente, pensa solo a quanta iva e reddito sommerso andrebbe a recuperare.

Giusto, come avviene ad es negli States
Top
Profilo Invia messaggio privato
Gateo
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 17/11/03 18:16
Messaggi: 12379

MessaggioInviato: 03 Mag 2008 09:47    Oggetto: E' GIA' ILLEGALEEEEEE! Rispondi citando

Citazione:
Il nuovo governo proibirà il peer to peer dei redditi

Il governo Berlusconi potrebbe esordire dichiarando illegale la diffusione via peer to peer dei dati delle dichiarazioni dei redditi 2005.
Se davvero lo fara' e' inutile: gia' adesso e' vietato spargere ai 4 venti i dati personali.
L'unica ragione per cui la Polpost non si e' presentata a casa di qualcuno di questo furbisssimi condivisori , e' dato dal fatto che non e' un reato penale, ma solo civile.
Ma intanto stanno monitorando e si stanno segnando gli IP.
Ed e' un attimo che qualche giudice si inventi qualcosa, non so se ricordate Peppermint.
Top
Profilo Invia messaggio privato
guardianodelfaro
Dio minore
Dio minore


Registrato: 20/02/08 06:42
Messaggi: 987
Residenza: Milano, con vista sul mare

MessaggioInviato: 03 Mag 2008 09:52    Oggetto: Rispondi citando

Il Codacons ha deciso di presentare in 104 Procure una denuncia penale contro il viceministro uscente dell?Economia Vincenzo Visco
Top
Profilo Invia messaggio privato
{Lexan}
Ospite





MessaggioInviato: 03 Mag 2008 11:55    Oggetto: Incredibile! Esiste un Grande Fratello fiscale! Rispondi citando

Non me ne ero mai accorto! Non mi ero accorto che con la scusa della sicurezza innanzitutto esistessero Grandi Fratelli di ogni genere!
E' strano pensarci: uno stato Genitore normativo (e quindi tendenzialmente totalitario) come il nostro può imporre qualunque tassa di qualsivoglia importo per quanto tempo ritenga opportuno e chi non è d'accordo è un evasore...
L'arte è quella di mettere le persone le une contro le altre: io guadagno così e mi faccio un mazzo..., tu guadagni cosà e non fai niente...
Una lotta tra poveri, mentre i ricchi ridono...
Ma di sicuro non interesserà nessuno...
Top
merlin
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 15/03/07 23:32
Messaggi: 2421
Residenza: Kingdom of Camelot

MessaggioInviato: 03 Mag 2008 12:00    Oggetto: Re: E' GIA' ILLEGALEEEEEE! Rispondi citando

Gateo ha scritto:
Citazione:
Il nuovo governo proibirà il peer to peer dei redditi
Il governo Berlusconi potrebbe esordire dichiarando illegale la diffusione via peer to peer dei dati delle dichiarazioni dei redditi 2005.
Se davvero lo fara' e' inutile: gia' adesso e' vietato spargere ai 4 venti i dati personali.

Mi sa che la Costituzione preveda l'imposizione fiscale in proporzione alla capacità contributiva; perciò la conoscenza dell'imponibile lordo di ognuno e la relativa imposta è un fatto di democrazia e non di divulgazione di dati riservati; tanto più che questi dato sono periodicamente a disposizione della collettività.
Né deve trarre in inganno la "periodicità"; mantenere online i dati di milioni di contribuenti anno dopo anno dando a ciascun cittadino la possibilità di un accesso diretto e non occasionale sarebbe un'impresa impossibile allo stato della moderna tecnologia.
Già la SO.GE.I. impiega una serie di calcolatori che nell'insieme ha una potenza eguale o superiore al Cry.
Citazione:
L'unica ragione per cui la Polpost non si e' presentata a casa di qualcuno di questo furbisssimi condivisori , e' dato dal fatto che non e' un reato penale, ma solo civile.
Ma intanto stanno monitorando e si stanno segnando gli IP. Ed e' un attimo che qualche giudice si inventi qualcosa, non so se ricordate Peppermint.

Qualche commentatore TV ha riportato l'esistenza di una legge del 2005 che vieterebbe (ovviamente ai privati) la diffusione di dati fiscali in via telematica; non la conosco e probabilmente è una bufala, perché altrimenti sarebbero già scattati sequestri e manette.
Se poi veramente esistesse, resterebbe da vedere se stia o no nella Costituzione, che salvaguarda comunicazioni e libertà di espressione.
Se i dati diffusi riportassero chessò: destinazione del 5 e dell'8 %°, la composizione delle detrazioni per sostegno a partiti e quelle per medicinali, veicoli per portatori di handicap e le varie altre casistiche di detrazioni e deduzioni, allora sì che si potrebbe ritenere violata la privacy del soggetto d'imposta; ma finché il dato è generale, mi pare che si navighi solo nel diritto ad essere informati.
Tanto più che i database incriminati non riportano luogo di nascita né il C.F. dei contribuenti, con probabili omonimie; e poi, se anche anagraficamente risiedo a Canicattì, chi lo dice che non abbia il domicilio fiscale a Roma, dove abitualmente lavoro e trascorro la gran parte del mio tempo?
Il fatto è che ancora gran parte delle persone, a cominciare dai politici e dai magistrati, non hanno capito o non si arrendono a capire cos'è l'internet; che è una tecnologia nata proprio per condividere in modo inarrestabile tutto quanto ciascun utente ritiene di condividere col mondo circostante, giusto o sbagliato che sia.
Ci penserà poi il mondo a castigarlo, segandone gli accessi e tappandogli la bocca con il non ascolto; su questa strada si sono già incamminati alcuni famosi tromboni televisivi di ogni risma e colore e persino i grillini stanno abbandonando il loro preteso mentore.
Perché l'internet è come il tempo: lo subisci e basta; al massimo puoi aprire l'ombrello e far finta che non piova o prendere l'aereo e andartene in California. Certo, avendone il potere puoi oscurarlo; alla cinese, o peggio. Ma allora vivremmo in un universo virtuale, in un inganno dei sensi così bene descritto da Matrix.
Non credo che sarei particolarmente attratto da una rivisitazione del mito della caverna di scolastica memoria.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Mick Death
Eroe
Eroe


Registrato: 25/09/05 19:20
Messaggi: 64
Residenza: Italia

MessaggioInviato: 03 Mag 2008 12:39    Oggetto: Rispondi citando

{Stefano} ha scritto:
E se lo sa, perché quella stessa gente, un anno dopo, dovrebbe leggere il reddito del professionista/artigiano sul sito dell'Agenzia, indignarsi perché ha evaso e andare a denunciarlo (denunciando contemporaneamente sé stessi, peraltro, perché non è che ricevuta o fattura siano opzionali, così come non è opzionale lo scontrino, e se non li si chiede si commette reato).


Da un anno o forse due, il cliente non è più obbligato a richiedere lo scontrino: è l'esercente che deve fartelo. Non so se vale anche per la fattura.

Comunque la soluzione per far pagare giuste le tasse è semplice: paghi in base a quello che possiedi e compri, non tanto al reddito dichiarato.
Top
Profilo Invia messaggio privato
{LoneStar}
Ospite





MessaggioInviato: 03 Mag 2008 13:40    Oggetto: Rispondi citando

Tante cose sono già illegali da scambiare in P2P, ciò non toglie che si continua a farlo lo stesso ;)
Top
dasio78
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 22/06/06 22:05
Messaggi: 6281

MessaggioInviato: 03 Mag 2008 14:00    Oggetto: Rispondi citando

Quello che indubbiamente è uscito fuori da questo "scandalo", è che un italiano su due vive con un reddito da miseria. E nascondere questi dati non cambiarà la situazione di un paese che non offre più niente ai suoi cittadini.
Top
Profilo Invia messaggio privato
guardianodelfaro
Dio minore
Dio minore


Registrato: 20/02/08 06:42
Messaggi: 987
Residenza: Milano, con vista sul mare

MessaggioInviato: 03 Mag 2008 14:42    Oggetto: Re: E' GIA' ILLEGALEEEEEE! Rispondi citando

merlin ha scritto:
Gateo ha scritto:
Citazione:
Il nuovo governo proibirà il peer to peer dei redditi
Il governo Berlusconi potrebbe esordire dichiarando illegale la diffusione via peer to peer dei dati delle dichiarazioni dei redditi 2005.
Se davvero lo fara' e' inutile: gia' adesso e' vietato spargere ai 4 venti i dati personali.

Mi sa che la Costituzione preveda l'imposizione fiscale in proporzione alla capacità contributiva; perciò la conoscenza dell'imponibile lordo di ognuno e la relativa imposta è un fatto di democrazia e non di divulgazione di dati riservati; tanto più che questi dato sono periodicamente a disposizione della collettività.
Né deve trarre in inganno la "periodicità"; mantenere online i dati di milioni di contribuenti anno dopo anno dando a ciascun cittadino la possibilità di un accesso diretto e non occasionale sarebbe un'impresa impossibile allo stato della moderna tecnologia.
Già la SO.GE.I. impiega una serie di calcolatori che nell'insieme ha una potenza eguale o superiore al Cry.
Citazione:
L'unica ragione per cui la Polpost non si e' presentata a casa di qualcuno di questo furbisssimi condivisori , e' dato dal fatto che non e' un reato penale, ma solo civile.
Ma intanto stanno monitorando e si stanno segnando gli IP. Ed e' un attimo che qualche giudice si inventi qualcosa, non so se ricordate Peppermint.

Qualche commentatore TV ha riportato l'esistenza di una legge del 2005 che vieterebbe (ovviamente ai privati) la diffusione di dati fiscali in via telematica; non la conosco e probabilmente è una bufala, perché altrimenti sarebbero già scattati sequestri e manette.
Se poi veramente esistesse, resterebbe da vedere se stia o no nella Costituzione, che salvaguarda comunicazioni e libertà di espressione.
Se i dati diffusi riportassero chessò: destinazione del 5 e dell'8 %°, la composizione delle detrazioni per sostegno a partiti e quelle per medicinali, veicoli per portatori di handicap e le varie altre casistiche di detrazioni e deduzioni, allora sì che si potrebbe ritenere violata la privacy del soggetto d'imposta; ma finché il dato è generale, mi pare che si navighi solo nel diritto ad essere informati.
Tanto più che i database incriminati non riportano luogo di nascita né il C.F. dei contribuenti, con probabili omonimie

Fidati, ci sono, li ho visto con i miei stessi occhi..Shocked

merlin ha scritto:
Il fatto è che ancora gran parte delle persone, a cominciare dai politici e dai magistrati, non hanno capito o non si arrendono a capire cos'è l'internet; che è una tecnologia nata proprio per condividere in modo inarrestabile tutto quanto ciascun utente ritiene di condividere col mondo circostante, giusto o sbagliato che sia.

O forse l'hanno capito fin troppo bene e ne hanno paura.
Potrebbero dichiarare illegale il peer-to-peer in senso assoluto, le chat, i forum, i blog e tutte le piattaforme di condivisione.
Vi consiglio di dare un'occhiata a questo Thread, che con tutto il putiferio che si è scatenato negli ultimi giorni è passato in secondo piano.
Già a febbraio i media tradizionali e trasmissioni di spicco facevano propaganda (o x meglio dire disinformazione) anti-internet
Top
Profilo Invia messaggio privato
guardianodelfaro
Dio minore
Dio minore


Registrato: 20/02/08 06:42
Messaggi: 987
Residenza: Milano, con vista sul mare

MessaggioInviato: 03 Mag 2008 14:45    Oggetto: Rispondi

dasio78 ha scritto:
Quello che indubbiamente è uscito fuori da questo "scandalo", è che un italiano su due vive con un reddito da miseria. E nascondere questi dati non cambiarà la situazione di un paese che non offre più niente ai suoi cittadini.

Oppure che 1 italiano su 2 è un evasore.
A questo punto, purtroppo, ognuno si sentirà legittimato ad interpretare questi dati senza averne la cognizione di causa e senza averne diritto.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Privacy Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a Precedente  1, 2, 3 ... 5, 6, 7 ... 9, 10, 11  Successivo
Pagina 6 di 11

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi